Babysitter con Tara pt.1

693Report
Babysitter con Tara pt.1

Se mi avessi detto 3 mesi fa che sarei stato a casa della mia migliore amica, sdraiato nudo a letto con lei dopo una notte intera di sesso, probabilmente ti avrei preso a pugni in faccia e mi sarei assicurato che non avessi mai il naso dritto ancora. Eppure, è lì che mi sono ritrovato circa una settimana fa, tenendo il suo corpo caldo tra le mie braccia mentre si addormentava lentamente, i nostri corpi intrecciati. Ma sto andando avanti a me stesso.

Tutto è iniziato circa 2 settimane fa. La mia amica Tara e io facevamo da babysitter, un'attività normale per noi la domenica, visto che entrambi i suoi genitori lavoravano di notte e lei aveva due fratelli più piccoli. Era un po' tardi, verso mezzanotte, ma eravamo entrambi seduti sul divano a sparare un po' di merda, aspettando che i suoi genitori tornassero a casa. Cose normali, come l'insegnante che odiavamo di più, come pensiamo di aver fatto il test di biologia. Normale, stronzata da 16 anni. La conversazione ha iniziato a diventare un po' noiosa, e mentre lottavamo per le cose da dire, Tara finalmente ha avuto una piccola scintilla nei suoi occhi che sapevo significava che stava succedendo qualcosa. “Ehi, vuoi interpretare un po' di verità o di osare? Aiuta il tempo a passare?" Obbligo o verità, il gioco che può causare i disastri più orrendi agli adolescenti conosciuti dall'uomo. Ovviamente volevo giocare. Ancora una volta, abbiamo iniziato con cose normali. Ma, gradualmente, come tutti i giochi vanno, ha iniziato a essere pervertito. Dopo circa un'ora di gioco, eravamo entrambi in mutande. Non era successo niente di peggio a parte spogliarmi, ma vederla con indosso un paio di mutandine viola abbinate e un reggiseno stava facendo crescere la mia eccitazione, così come il mio cazzo. Lo sapeva anche lei, perché sorrideva e si mordeva il labbro. “Ok, ora tocca a te. Obbligo o verità?" "Verità, immagino..." "Ok, è grazie a me?" chiese, sorridendo e sporgendosi, posando una mano sulla mia erezione semidura. Sussultai leggermente, arrossendo. “Uh…uh huh…” riuscii, tremando leggermente. Cosa stava succedendo, qui? Ridacchiò. "Vuoi sapere un segreto?" sussurrò, un leggero rossore si insinuò anche nelle sue guance. Mi ha preso la mano senza aspettare una risposta, infilandola nelle sue mutandine. Ho sentito la sua figa, liscia e rasata, oltre che gocciolante. "Questo è da te..." sussurrò. Si staccò, sorridendo e vestendosi, lasciandomi a fissarla. "Farai meglio a vestirti prima che i miei genitori tornino a casa." lei ha preso in giro. L'ho fatto, e siamo rimasti seduti lì in silenzio fino all'arrivo dei suoi genitori e sono tornato a casa, pensando a quello che era successo.

La settimana successiva è trascorsa più o meno come al solito, anche se ho trovato Tara un po' più civettuola del normale. Se fossimo in fila, starebbe un po' più vicino del normale, il suo culo contro il mio inguine. Oppure, quando ha indossato la sua minigonna, ha lasciato cadere un libro e si è chinata davanti a me per prenderlo, dandomi una buona visione delle sue mutandine. Mi stava facendo impazzire. Mi sono masturbato di più durante quella settimana di quanto non abbia mai fatto in vita mia. Alla fine, sabato, mi ha chiamato, chiedendomi se volevo fare da babysitter domenica. Accettai, chiedendomi cosa sarebbe successo questa volta.

Quando sono arrivato il giorno dopo, ho trovato la casa insolitamente vuota. Nessun suono di bambini che giocano, TV a tutto volume o altro. "C'è qualcuno in casa?" Ho chiamato, facendo capolino nell'ingresso e guardando. "Nella mia stanza!" ha chiamato Tara. Fui sollevato di sentire qualcuno e tornai nella sua stanza, aprendo la porta. "Ehi, dove sono tutti el-" ho iniziato, fermandomi quando l'ho vista. Era sdraiata a letto con solo un paio di mutandine gialle addosso, una mano su uno dei suoi seni. L'altra mano copre il contorno della sua figa attraverso le mutandine. "Mi piace?" chiese, ridacchiando. "Cosa stai facendo?" balbettai. "Dai, Jason, devo spiegarlo per te?" chiese, suonando esasperata. "Ti amo e voglio fotterti senza cervello." Rimasi seduto lì, a fissarla un po' più a lungo. Sospirò e tirò di lato le mutandine. "Forse questo ti aiuterà ad andare avanti." la prese in giro, iniziando a strofinarsi lentamente la fessura. L'ho guardata mentre si stuzzicava con le dita, portandole di tanto in tanto alla bocca e succhiandole i propri succhi. Dopo un po', si è seduta e si è avvicinata a me. Io, ancora in piedi sulla soglia come un deficiente, non mi sono mosso, permettendole di slacciarmi i pantaloni e tirarli giù, così come i miei boxer. A questo punto ero completamente eretto e il mio membro è balzato sull'attenti una volta rilasciato dai boxer, dondolando leggermente. “Mmm, che ragazzo grande sei…” disse, leccandosi le labbra prima di farle scivolare lentamente sul mio cazzo. La sensazione era incredibile. Ho inalato bruscamente quando ha iniziato a dondolare su e giù sul mio pene duro, fermandosi di tanto in tanto per leccare o succhiare la punta o leccare la lunghezza dell'asta. In poco tempo, ero al mio punto di rottura. "Oh cazzo..." gemetti, sentendo le mie palle stringersi mentre un carico di sperma usciva dal mio cazzo, schizzando sulle sue labbra. Ha iniziato a pompare il mio cazzo con le mani, provocando un flusso dopo l'altro di sperma nella sua bocca. Dopo che sono stato pompato a secco, si è seduta sullo schienale, leccandosi le labbra e ingoiando il caldo succo d'amore prima di sorridere e dire "Tocca a me".



~Fine della parte 1. Parte 2 in arrivo se lo vuoi!~

Storie simili

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

1.1K I più visti

Likes 0

Succhiare la vita parte 2

2. St. Louis e oltre Viaggiavamo lentamente, fermandoci ogni tre o quattro giorni in piccole città per riposarsi e rifornirsi. Alla prima occasione ho comprato un vecchio ma funzionale carro a scacchi e un'imbracatura per i due cavalli da soma, il che ha fatto risparmiare molto tempo a scaricare e caricare i cavalli. Ci siamo accoppiati quasi ogni notte mentre le abilità di Ellen sotto le coperte miglioravano. Le comprai scarpe e vestiti più adatti e le tenni costantemente conferenze sul comportamento corretto per le giovani donne poiché ancora, occasionalmente, si lamentava come una bambina quando è frustrata. Ci fermammo in...

538 I più visti

Likes 0

Kumiko - Parte 2: Svegliarsi_(0)

Ancora una volta, questa è la parte 2 del repost! ____________________________________________ Introduzione: Parte 2 della serie Kumiko. La parte 3 è già in fase di scrittura! Più corto dell'ultimo ma la parte 3 sta arrivando. Come sempre, vota e lascia commenti. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------------- Si svegliò con un brivido, notando l'oscurità nella stanza. I suoi occhi si adattarono rapidamente alla luce e vide un fuoco che stava per spegnersi. Non ricordava che ci fosse un caminetto nella sua camera da letto e poi notò il leggero peso tra le sue braccia. Era Kumiko, nuda come lui, profondamente addormentata con uno sguardo...

574 I più visti

Likes 0

La prima scopata di Julia

Questa è la mia prima storia, quindi per favore dimmi cosa ne pensi! Julia era una matricola di quindici anni. Era poco più di 5'2 e aveva una figura ad eliminazione diretta. Era una di quelle ragazze piccole e formose. Aveva tette 32C e una vita minuscola che svaniva in un culo perfettamente rotondo. Aveva un viso spigoloso con labbra carnose e una pelle color avorio cremoso. Lunghi capelli castani le scendevano lungo la schiena. Ma la sua caratteristica più sorprendente erano i suoi occhi. Erano grandi, intelligenti e di un blu brillante, seminascosti sotto un ventaglio di ciglia scure. Ben...

673 I più visti

Likes 0

Incontri casuali - Film

Titolo: Incontro casuale - Film Serie: Incontro casuale Autore: Nick Schwartz Parole chiave: MF, film, femdom, malesub, dom, sub, bdsm, anonimo, pwp Trama: Due persone sono in un teatro e guardano un brutto film. Nota: Incontri casuali è qualcosa che sto provando, piuttosto che concentrarmi sui protagonisti della storia, volevo prendere due personaggi casuali e un posto in cui due persone potessero fare sesso, e rendere il sesso la star della storia. Spero che ti piaccia, e se desideri altre storie come questa, per favore fammelo sapere. Nate entrò nel cinema. Era uno studente universitario povero, ma spesso riceveva biglietti gratuiti...

526 I più visti

Likes 0

La guerra del 2020 pt. 2_(2)

Cap. 5 Consegnato Jack si mosse lungo il limite del bosco, scavalcando in silenzio rocce e radici dissotterrate. Ha appena passato ore a fare trekking nei boschi, mappando l'ampio Complesso. Aveva una così grande quantità di fitta silvicoltura all'interno dei suoi confini, era quasi una responsabilità. Jack poteva rimanere nascosto abbastanza facilmente mentre si avvicinava abbastanza da ascoltare certe conversazioni. La notte precedente aveva dormito fuori dalla cabina di CG Barberi, aspettando pazientemente che Morgan apparisse. Invece di lei, ha visto quel pazzo che se ne andava con una rabbia esplosiva. Jack poteva sentirlo urlare nel momento in cui uscì dalla...

413 I più visti

Likes 0

La principessa schiava... Parte 6

Tessendo nel suo chiostro, Mentre i venti arrabbiati cospirano; Il ragno non ci fa caso Di tutto il loro rumore e malizia E le loro parole vuote e cupe. - Il Cantico di Menkeret. Una goccia di sudore mi scende tra i seni. Lo prendo e ne assaggio la salsedine. È il sale di me, il sale del mio sangue, il sangue della Mentrassa. Per me; una donna prigioniera e unica rappresentante del mio popolo in questa terra maledetta, quel sangue è una cosa preziosa. Solo di rado ora la mia schiavitù mi fa disperare e allora, è solo perché non...

184 I più visti

Likes 0

La danza della morte

Ella ha lasciato le prove frustrata e sudata. Non era stata in grado di fare esattamente quello che le avevano chiesto; era solo nuovo e strano per lei, ed era stata nervosa, spaventata e un po' rigida (in parte perché era sia eccitata... che mortificata dalla sua stessa eccitazione) e nel complesso non era al meglio. Alla fine ha deciso che poteva impiegare del tempo in più per lavorare sul pezzo da sola, con tutta l'attrezzatura. Poi domani, sarebbe arrivata a sorprendere tutti con quanto era arrivata apparentemente dall'oggi al domani. La sera prima si era intrufolata dentro e aveva semplicemente...

275 I più visti

Likes 0

STUPRO LESBICO STUDENTE NERO

Copyright: Lesley Tara, 2012 Non capisco cosa mi sia successo. Oh, conosco gli eventi reali: li ho rivisti nella mia mente, più e più volte, durante queste ultime settimane. È come e perché mi hanno cambiato così profondamente che non capisco, ma lo hanno fatto, e per sempre. Ci sono quattro cose che devi sapere su di me. La prima è che sono nera – e intendo davvero nera, con la pelle color ebano scuro. I miei antenati furono portati nel diciottesimo secolo da qualche parte dell'Africa tropicale alle Indie occidentali per lavorare come schiavi nelle piantagioni di zucchero, ma entrambi...

207 I più visti

Likes 0

Regina Yavara: Capitolo 8

Capitolo otto YAVARA Avevo visto Elena nuda centinaia di volte. Durante la nostra prima adolescenza ero stato terribilmente invidioso della forma della sua donna, e spesso l'ho ammirato. Ricordo come arrossiva quando mi sorprendeva a fissarla, ma non ha mai tentato di nascondersi. Sapevo perché allora, ma non ho mai detto niente. L'omosessualità era disonorata nella società delle Highland, e io temevo per lei. A dire il vero, avevo un po' di paura per me, perché anche all'età di tredici anni, avevo sentito uno strano formicolio quando avevo contemplato la perfezione che era Elena Straltaira. Ora ero cresciuto in un corpo...

124 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.