Sesso con mia sorella e le sue amiche

361Report
Sesso con mia sorella e le sue amiche

Mi chiamo Jim. Ho vent'anni e vivo ancora a casa mentre frequento un college locale. Ho un buon fisico, essendo stato nella squadra di nuoto del liceo, e continuo ad allenarmi. Gli altri ragazzi della squadra di nuoto mi chiamavano "King Dong" a causa del mio grosso cazzo lungo nove pollici, che vedevano nelle docce dopo gli allenamenti e le gare di nuoto.

Da quanto ricordo, sono attratto da ragazze di almeno cinque anni più giovani di me, quindi nessuna delle ragazze del college mi interessa sessualmente. Mia sorella Jill è una sedicenne strepitosa con il corpo di una donna adulta. La desidero da quando ha iniziato a sviluppare le tette. Non è insolito che i nostri genitori vadano da qualche parte durante la notte e mi lascino responsabile quando mia sorella organizza un pigiama party.

Un pomeriggio, mentre i nostri genitori erano ancora al lavoro, Jill stava organizzando un pigiama party. Eravamo seduti nello studio quando ha detto che alcune delle sue amiche pensano che io sia attraente, specialmente Marcie e Sandy.

"Veramente?" Ho chiesto.

"Sì, davvero, Jim."

"E tu, Jill? Pensi che anch'io sia sexy?"

"Jim, sei mio fratello", rispose.

"E se non fossimo parenti?" Ho chiesto.

"Se non fossimo parenti, mi interesserebbe."

Ho pensato: "È promettente".

"Allora, per quando pianifichi questo pigiama party?" Ho chiesto.

"Una settimana da venerdì", fu la sua risposta.

"Va bene, non prenderò impegni per venerdì sera o sabato. Sai che mamma e papà scompariranno per il tuo pigiama party."

"Lo so, ma vorrei che mi trattassero più come un adulto invece di farti stare con noi," piagnucolò Jill.

"Jill, lo fanno per proteggere voi ragazze dagli adolescenti che si intrufolano nei vostri pigiama party e si approfittano di voi," dico categoricamente.

"Forse posso approfittarne", ho pensato.

Sono andato nella mia stanza per pianificare come farlo. Ho avviato il computer e aperto un editor di testo per inserire i passaggi che dovevo eseguire.

Decisi che il primo passo fosse apparire distratto mentre facevo la doccia. La mia ultima lezione finisce alle 14:00 e Jill torna a casa alle 15:00. Potrei fare la doccia senza nessuno a casa e dimenticarmi di chiudere la porta. Quando Jill torna a casa, deve passare davanti al bagno per andare nella sua stanza. Questo le dà l'"opportunità" di vedere "King Dong" attraverso la cabina doccia in vetro trasparente, e spero che se ne vanti con i suoi amici. Questo dovrebbe far funzionare i loro succhi.

I passi successivi avrebbero avuto luogo la notte del pigiama party. Per prima cosa, aggiungevo un po' di vodka al punch alla frutta che preferivano bere quando si riunivano, per scioglierli un po'. Poi mi assicurerei che potessero vedere il rigonfiamento nei miei pantaloncini. Dopodiché, dovrei suonarlo a orecchio.

Ho messo in atto il mio piano il martedì prima del pigiama party. Alle 14:50 sono entrato nella doccia dopo aver lasciato la porta del bagno aperta e mi sono accarezzato lentamente il cazzo. Alle 3 puntuali del pomeriggio sentii la porta d'ingresso chiudersi e dei passi che salivano al piano di sopra.

Mentre Jill passava davanti al bagno, urlò: "OH MIO DIO! Perché non hai chiuso la porta?"

"Ero a casa da solo e forse me ne sono dimenticato," risposi, continuando ad accarezzarmi il cazzo.

Jill sembrava ipnotizzata, poiché non si era mossa né aveva guardato altrove. Quando finalmente si rese conto della situazione, stava fissando il mio cazzo da diversi minuti prima di raggiungere la maniglia e chiudere la porta senza dire altro.

Ho pensato: "È andata meglio del previsto".

Il giorno seguente a scuola, Jill pranzò con le sue amiche.

Stavano chiacchierando di diversi ragazzi durante la conversazione quando Jill esclamò: "Ieri è successa la cosa più incredibile!"

Tutti volevano conoscere i dettagli.

"Quando sono arrivato a casa, Jim era sotto la doccia e si è dimenticato di chiudere la porta del bagno. La nostra cabina doccia è di vetro trasparente, quindi ho potuto vedere tutto! Era lì in piedi a segarsi il cazzo. Era enorme! Deve essere stato Lungo 12 pollici ed era davvero spesso!"

"Smettila di esagerare, Jill," disse Marcie.

"Non lo sono, Marcie. Jim ha un cazzo enorme!" ribatté lei.

"Non ho mai nemmeno sentito parlare di un cazzo così grosso, tanto meno visto," borbottò Sandy.

Marcie rifletté ad alta voce: "Forse possiamo convincerlo a mostrarcelo durante il pigiama party".

Proprio in quel momento suonò la campana, ponendo fine alla pausa pranzo. Mentre lasciavano la mensa, Marcie disse a Jill di chiamarla dopo la scuola.

Più tardi quel pomeriggio, Jill chiamò Marcie.

"Ehi ragazza, come va?" chiese Jill.

"Jill, se ha un cazzo grosso come dici, dobbiamo trovare un modo per convincerlo a mostrarcelo," disse Marcie eccitata.

"Marcie, non ho mentito, è enorme!"

"Hai qualche idea su come convincerlo a mostrarcelo?"

"No, Marcie, non lo so. Sai che cerca di starci alla larga quando ho un pigiama party."

"Ho notato che gli piace bere il nostro stesso punch. Non potremmo aumentarlo un po' per scioglierlo?" suggerisce Marcie.

"Potrebbe funzionare!" esclamò Jill.

Quella sera, il loro papà chiese a Jill: "Chi sarà qui per il pigiama party?"

"Solo il solito gruppo, papà", rispose.

"No Jill, voglio una lista di nomi."

"Saranno Marcie, Sandy e Beth, papà."

"Okay Jill, va bene. Ricorda, niente alcol e niente ragazzi. Mamma e io andremo a trovare zia June per il fine settimana. Jim sarà qui per assicurarsi che nulla vada storto."

"Papà, ho quattordici anni, non otto. Non ho bisogno di una babysitter!"

"Giovane signora, finché vivrai a casa mia, vivrai secondo le mie regole!"

Jill guarda a terra e borbotta: "Sì, papà".

"Non ti ho sentito, Jill."

Alza lo sguardo e ripete: "Sì, papà".

"Così va meglio. Hai finito i compiti?"

"Oh cavolo! Me ne ero dimenticato!"

"Vai di sopra e fallo!" Papà ha insistito.

Jill corse nella sua stanza e sbatté la porta.

"Bambini!" esclamai.

"Eri proprio come lei qualche anno fa," gli ricordò suo padre.

"Lo so, papà. È incredibile come pochi anni di maturità cambino la tua prospettiva. Devi scusarmi, ho un esame per cui studiare."

"Vai avanti, Jim. Sono felice di vedere che prendi sul serio la tua educazione."

Giovedì le ragazze si incontrano nella mensa della scuola per pranzo.

"Marcie, sei seriamente intenzionata ad aumentare il punch?" chiese Beth.

"Sì Beth, siamo seri. Altrimenti come potremo vedere il cazzo di Jim?" Marcie ha risposto.

"Dovremo solo fare attenzione a non bere troppo punch", ha dichiarato Sandy.

"Beth; Sandy; rilassati. Jim non beve affatto, quindi dovrebbe rilassarsi abbastanza velocemente", disse Jill.

"Porterò con me mezza pinta di vodka," li informò Marcie.

Suona la campana, ponendo fine alla pausa pranzo. Mentre lasciano la mensa, Jill dice: "Ho intenzione di essere a casa mia domani alle 16:30".

Le altre tre ragazze dicono "Va bene" e procedono alle lezioni pomeridiane.

Venerdì non avevo lezione, quindi ero a casa quando i nostri genitori se ne andarono. Poi sono andato a fare la spesa per il pigiama party come gli avevano chiesto i miei genitori. Oltre al cibo spazzatura per spuntini, ho comprato due bottiglie da tre litri di punch alla frutta. Quando sono tornato a casa, ho versato mezza pinta da ogni bottiglia e l'ho sostituita con la vodka che un mio amico del college mi ha procurato.

Quando Jill tornò a casa da scuola, mi chiese se potevano usare la ciotola del punch dei nostri genitori invece di versare il punch alla frutta dalle bottiglie.

"Non vedo perché no," rispondo, "sembrerà più una festa."

Jill dice: "Grazie Jack", poi mi bacia sulla guancia.

Alle 16:30 arrivò Marcie, seguita dalle altre ragazze. Ho versato entrambe le bottiglie di punch alla frutta nella ciotola del punch e poi sono andato a pisciare. Mentre pisciavo, Marcie ha aggiunto un altro mezzo litro di vodka nella ciotola del punch.

Quando sono tornato di sotto, ho riempito a metà una tazza da otto once con il punch. La vodka che ho aggiunto non si è notata. Ho preso un altro paio di ciotole, le ho riempite di patatine e pretzel e poi le ho portate nello studio, dove le ragazze hanno parlato e ballato. Ho preso appositamente delle cose salate per incoraggiarli a bere il punch.

Qualche ora dopo, le ragazze cominciavano a sentire gli effetti del pugno, come me. Mentre le ragazze cominciavano a biascicare le parole ed erano un po' instabili sui piedi, ho sentito le mie inibizioni cadere. Vado nello studio per controllare come stanno le ragazze.

Marcie mi mette le braccia attorno al collo e dice: "Ehi Jim, ho sentito che hai un grosso cazzo".

"Sì," rispondo, "I ragazzi della squadra di nuoto del liceo mi chiamavano 'King Dong'."

"Possiamo vederlo?" lei chiede.

"Cosa ne farai se lo tiro fuori?"

"Non ti piacerebbe saperlo!"

Mentre inizio a slacciarmi la cintura, Marcie urla: "Sta per tirare fuori il cazzo!"

Le ragazze si radunano intorno a me mentre mi sbottono i pantaloncini e abbasso la cerniera. Mi tolgo i pantaloncini, rivelando il mio grosso cazzo di nove pollici.

"Mio Dio, Jill non stava scherzando sulla dimensione del suo cazzo," disse Beth, stupita.

"Devo sentire quella carne umana dentro di me," gemette Stacy.

Mi sdraio sul pavimento e chiedo: "Chi vuole cavalcare il mio cazzo mostruoso?"

Stacy si spoglia, poi si mette a cavalcioni sui miei fianchi e si abbassa sul mio cazzo. Quando ne prende quanto più può, ci sono ancora tre pollici fuori dalla sua figa. Comincia a cavalcarmi, su e giù, e raggiunge l'orgasmo velocemente.

"OH!" Stacy esclama: "Stavo venendo quasi dal momento in cui lui era dentro di me!"

Mentre Stacy mi cavalcava, le altre ragazze si spogliarono.

Non appena è nuda, Marcie dice: "Non so se riesco a far entrare quella cosa in me, ma ci proverò sicuramente".

Ha preso la stessa posizione di Stacy ed è affondata lentamente sul mio cazzo. Sorprendentemente, il suo pube ha incontrato il mio. Mentre si muoveva su e giù per il mio cazzo, la testa colpiva la cervice ad ogni movimento verso il basso.

"Adoro il tuo cazzo, Jim!" urlò.

Pochi minuti dopo, la sua figa si è agitata attorno al mio cazzo mentre veniva, poi quando il suo orgasmo è svanito, mi ha smontato.

Beth poi mi chiede: "Sei bravo a leccare la figa?"

"Siediti sulla mia faccia e scoprilo", rispondo.

Lo fa e io lecco le pieghe della sua figa prima di allargare le sue labbra, arricciare la lingua e infilarla nel suo buco. Ho bagnato un dito e l'ho usato per circondarle il clitoride. Mentre muovo la lingua nel suo buco, premo sul suo clitoride e lei esplode, i suoi succhi che mi scorrono in bocca.

"Abbastanza!" urla, quindi allenta la pressione sul suo clitoride e tolgo la lingua dalla sua figa.

"Com'è stato?" chiedo a Beth.

"Troppo, troppo in fretta", risponde.

"Jill, e tu? Cosa vuoi?" Chiedo.

"Jim, voglio il tuo sperma e lo voglio nel profondo della mia figa. Ho finito il ciclo due settimane fa, quindi sono fertile. Ho sempre sognato che tu mi mettessi un bambino nella pancia."

Le altre tre ragazze sussultano quando sentono Jill dirlo.

"Mettiti carponi, Jill, e allarga le ginocchia."

Mi metto dietro di lei tra le sue ginocchia aperte, infilo il mio cazzo all'ingresso del suo tunnel dell'amore e spingo lentamente. Mentre entro in lei, sento un leggero tremore nella sua figa, quindi rallento la spinta. Alla fine, mi ha tutto dentro di sé con la testa del mio cazzo contro la sua cervice.

Inizio a tirarmi fuori, poi a spingermi dentro, e Jill geme: "Sì, Jim, fottimi proprio così."

Non sono ancora venuto stasera e sento che il mio sperma sta salendo, ma so che devo aspettare che Jill venga prima. Mantengo il ritmo lento e rilassato.

Dopo un po', Jill urla: "Ora Jim, fottimi forte e veloce!"

Faccio come mi chiede, accarezzando a lungo, con forza e velocemente.

"Jill! Non posso aspettare ancora a lungo! Vieni con me!" urlo.

Faccio un'ultima spinta profonda e mi trattengo mentre sparo il mio sperma di volta in volta. La figa di Jill impazzisce attorno al mio cazzo mentre viene con me prima che la sua schiena si inarchi, i suoi occhi roteano all'indietro e sviene. Quando si riprende, ritiro il cazzo. Le ragazze si sono già radunate intorno a noi, preoccupate per le condizioni di Jill.

Marcie chiede: "Stai bene Jill?"

Jill risponde: "Marcie, non potrei essere migliore! Spero che Jim abbia realizzato il mio sogno e mi abbia messo incinta".

Guardo Jill e dico: "Se non ho realizzato il tuo sogno, continueremo a provarci.

"Oh, continueremo a provarci, anche se ci riuscissi," risponde sorridendo.

Dopo la mia performance e quella di Jill, le ragazze si sistemarono per la notte. Sono andato nella mia stanza da solo, sapendo che Jill e io avremmo scopato per molto tempo a venire. Quando mi sono addormentato, ho sognato Jill con la pancia grande.

Il giorno seguente, dopo che gli amici di Jill tornarono a casa, la feci sedere per parlare di ciò che aveva detto la sera prima.

"Jill, intendi davvero quello che hai detto riguardo al voler portare in grembo il mio bambino?"

"Sì, Jim. Dicevo sul serio ogni parola."

"Quando hai iniziato a sentirti così?"

"Jim, mi sento così da molto tempo, anche prima che avessi il primo ciclo. Avevo solo paura di ammetterlo a me stessa. E tu? Da quanto tempo desideri fare sesso con me?"

"Jill, ti desidero da quando hai iniziato a sviluppare le tette."

"Jim, cosa diranno i ragazzi se mi metti incinta?"

"Non lo so, Jill. Dovremo attraversare quel ponte quando accadrà."

"Jim, hai detto 'quando succede' non 'se succede'."

"So quello che ho detto, Jill. Sapendo come ti senti, ho tutta l'intenzione di metterti incinta."

Jill si alza, si avvicina a me, si siede sulle mie ginocchia e mi bacia. Questo non è un bacio tra sorelle, ma uno di un amante verso il loro compagno.

Quando interrompiamo il nostro bacio appassionato, Jill dice: "Proviamo a fare di nuovo un bambino".

"Il tuo letto o il mio?" Chiedo.

"Nessuno dei due," risponde Jill, "Usiamo il letto di mamma e papà."

"Okay, puttana arrapata," rispondo.

Andiamo nella camera di mamma e papà tenendoci per mano.

"Jim, voglio sentire cosa vuol dire quando mi spogli," quasi geme Jill.

Mi sposto dietro di lei e le sussurro all'orecchio: "Alza le braccia".

Jill obbedisce e io afferro l'orlo inferiore della sua maglietta, infilandogliela dalla testa. Poi le massaggio le tette attraverso il reggiseno mentre le bacio la parte posteriore del collo.

"Mmmm. Che carino," dice Jill.

Le slaccio il reggiseno e le tolgo le spalline dalle spalle, lasciando cadere il reggiseno sul tappeto, poi continuo a massaggiarle le tette nude.

"Oh sì, Jim, è ancora meglio," geme Jill.

Mi accovaccio dietro Jill, infilando un dito in ciascun lato della sua cintura. Metto i suoi pantaloncini e le sue mutandine sul tappeto. Lei ne esce. Mentre lei sta lì nuda, mi alzo di fronte a lei, abbasso la testa e le succhio i capezzoli, uno alla volta.

"Oh Jim, per favore scopami adesso. Ho bisogno di venire." geme mentre si mette sul letto nella posizione della pecorina. La raggiungo sul letto, infilo il mio cazzo quando entra e la spingo lentamente dentro. Prima che io sia a metà strada con Jill, la sua figa si agita attorno al mio cazzo mentre viene.

"Ohhh, sì, Jim. Fammi venire."

Continuo a spingerla finché non sono completamente seduta, con la punta del cazzo contro la sua cervice. Comincio ad accarezzare, fuori e poi dentro, fuori e poi dentro, lentamente e con facilità. Mentre lo faccio, sembra che il mio cazzo stia crescendo, sia in lunghezza che in circonferenza.

All'improvviso, Jill urla: "ORA JIM! DURO E VELOCE!"

Comincio a picchiarla quando sento che la sua cervice cede. La punta del mio cazzo è ora nel profondo del suo grembo mentre continuo a martellarla.

Sto per venire quando la sua figa impazzisce attorno all'asta del mio cazzo e lei urla: "AYEEEEEEE, CUM WITH ME JIM!" mentre la sua figa si spinge verso di me mentre la sua schiena si inarca.

"IO SONO," urlo mentre pompano quelli che sembrano litri di sperma nel suo grembo fertile.

Quando finalmente i nostri orgasmi reciproci cominciano a placarsi, Jill crolla. Ci giro sui fianchi, il mio cazzo ancora nella sua figa e il mio braccio sul suo fianco, afferrando una tetta.

"È stato meraviglioso!" disse, ancora ansimante.

"Sì, lo era," concordai anch'io, ansimando forte.

Siamo rimasti coccolati così per un po' quando Jill ha notato che non perdeva sperma.

"Jim, non hai finto di venire con me, vero? Non sto perdendo sperma."

"No Jill, non ho finto. Potresti non averlo sentito, ma ero nel tuo grembo quando sono venuto."

"Davvero? Ciò significa che è quasi sicuro che sarò incinta!"

"Sì, questo quasi lo garantisce."

Si alzano e raddrizzano il letto dei genitori.

"Andiamo a farci una doccia," suggerisce Jim, "siamo tutti e due sudati."

Entrano nel loro bagno e Jim apre la doccia.

Mentre l'acqua si riscalda, Jill chiede: "Ora che è quasi sicuro che mi hai messo incinta, cosa diremo a mamma e papà?"

Jim la guarda mentre regola la temperatura dell'acqua, dicendo: "La verità, ovviamente".

Entrano nella doccia e Julie, preoccupata, dice: "Non possiamo semplicemente dire loro che stavamo facendo sesso".

"Sì, possiamo, Julie. Per uno dei miei laboratori di scienze forensi abbiamo dovuto fare il test del DNA. Ho usato mozziconi di sigaretta di mamma e papà per il test e indovina cosa ha rivelato: sono fratello e sorella."

"Cosa!!!", esclamò, "come può essere?"

"Immagino che vivano insieme come marito e moglie, ma non potrebbero mai sposarsi. Questo potrebbe essere il motivo per cui si sono trasferiti a più di cento miglia da qualsiasi parente quando erano più giovani. Non volevo confrontarmi con loro sui risultati del test, ma la situazione è cambiata. Una volta che mi laureerò l'anno prossimo, potremo fare come probabilmente hanno fatto loro e allontanarci da qui."

"Oh, Jim, sono così felice che non dovremo mentire sul nostro amore reciproco."

"C'è ancora una bugia che dovrai dire, Jill."

"Cos'è quello, Jim?"

"A causa della tua età, il medico è tenuto ad avvisare la polizia e i servizi per l'infanzia della tua gravidanza. Entrambe le agenzie faranno pressione su di te per rivelare chi è il padre. Dovrai dire loro che non lo sai, altrimenti io" finirò in prigione per stupro legale per molto tempo."

Fanno sesso ancora diverse volte prima che i genitori ritornino la domenica pomeriggio, momento in cui tornano alla loro solita routine. Tre settimane dopo, Jill mi dice che le sono mancate le mestruazioni. Vado in farmacia e compro un kit per il test di gravidanza, dandolo a Jill quando torna a casa da scuola.

Il giorno dopo, dopo la scuola, bussa alla mia porta, sorridendo ampiamente, e mi porge la striscia reattiva, dicendo: "L'hai fatto tu; mi hai messo incinta!"

Quando i nostri genitori tornano a casa dal lavoro, dico loro che ho una notizia importante da comunicargli e chiamo Jill affinché si unisca a noi.

Quando Jill entra nella stanza, si mette accanto a me e mi mette un braccio intorno alla vita. Prima che uno di noi possa dire qualcosa, la nostra mamma chiede: "Jim, Jill è incinta?"

"Sì, lo è e ne siamo entrambi molto contenti", rispondo.

Papà poi dice: "Vi aiuteremo entrambi il più possibile finché voi due non metterete i piedi per terra".

La mamma parla: "Jill tesoro, dovremo iniziare a insegnarti a casa prima che inizi a presentarti".

"No mamma, non stiamo studiando a casa. Non hai avuto questa opportunità quando eri incinta di Jim. Inoltre, sono orgogliosa di portare in grembo suo figlio!" Jill ribatté.

"Cosa come?" La mamma balbettò.

A questo punto Jim parlò: "Ricordate quando ho ricevuto un mozzicone di sigaretta da ciascuno di voi per il mio progetto di laboratorio forense? Beh, quello era per il test del DNA e ha dimostrato che siete fratello e sorella. Era facile calcolare quanti anni aveva la mamma." quando mi portava in grembo e ha la stessa età di Jill, quattordici anni!"

"Mamma, papà... L'unica cosa che chiediamo è che le cose rimangano come sono finché Jim non si diplomerà e troverà un lavoro. Poi ci trasferiremo in un'altra città così potremo vivere come marito e moglie. Fino ad allora, io' Mi trasferisco nella stanza di Jim e la mia stanza potrà essere usata come asilo nido," dice Jill.

Papà guarda la mamma e dice: "Ragazzo tesoro, sembrano proprio come noi!"

Tre mesi dopo, la gravidanza di Jill inizia a manifestarsi. La mamma la porta dal medico, che la dichiara sana e capace di portare a termine la gravidanza. Chiede se Jill sa chi potrebbe essere il padre, spiegando che la legge gli impone di denunciarlo sia alla polizia che ai servizi di assistenza all'infanzia a causa della sua età. Come previsto, Jill afferma di non sapere chi sia il padre perché si è ubriacata a una festa.

Con aria scettica, il medico afferma: "Se questa è la tua storia, mantienila e non cambiarne alcuna parte. La polizia e i servizi di assistenza all'infanzia cercheranno qualsiasi variazione nella tua storia e l'unico modo per proteggere chiunque sia." che stai proteggendo è essere coerente nella tua storia."

Jill gli sorride e dice: "Ti ho detto la verità, dottore."

Mamma e Jill tornano a casa e danno a me e papà la buona notizia sulla salute di Jill e le informazioni sulla polizia e sui servizi di assistenza all'infanzia.

Nei mesi successivi i servizi di assistenza all’infanzia si sono recati più volte. Jill è rimasta fedele alla sua storia e alla fine hanno smesso di disturbarci.

La pancia di Jill era enorme durante il suo ottavo mese, così come lo erano le sue tette rispetto alle belle coppe B che aveva quando l'ho messa incinta. Sei settimane prima della data prevista per il parto, ha iniziato ad allattare. Adoravo il sapore del suo latte e la allattavo ogni volta che si sentiva a disagio.

La piccola Jamie ha deciso che era ora di scappare dalla prigione esattamente nel giorno previsto per il parto di Jill, dopo quattro ore di travaglio. Alla nascita pesava nove libbre e quattro once. Ho ricevuto un'offerta di lavoro presso il laboratorio criminale del dipartimento dello sceriffo non lontano da casa, che ho accettato prima della laurea. Dopo la laurea, Jill, Jamie e io ci siamo trasferiti in un appartamento a due contee da casa e abbiamo iniziato la vita come una giovane famiglia.

Storie simili

Visitatore inatteso Parte quinta

VISITATORE INASPETTATO PARTE QUINTA Questo, il primo giorno di lavoro fuori casa, è stato sia movimentato che faticoso. Era stata una lunga giornata e sebbene io e Brett non vedessimo l'ora di metterci a letto insieme, eravamo entrambi così stanchi che ci siamo praticamente addormentati non appena le nostre teste hanno toccato i cuscini. Tuttavia, quello che deve essere stato un paio d'ore dopo, mi sono svegliato mentre andavo a girarmi sul lato sinistro, perché sono rotolato nel corpo nudo del mio compagno di letto. Era rivolto lontano da me e giaceva in una sorta di posizione semifetale con il suo...

916 I più visti

Likes 0

È successo in vacanza

È successo in vacanza. Mentre ero in macchina verso le montagne per le nostre vacanze in famiglia, i miei pensieri andavano a ciò che mi sarebbe mancato per la prossima settimana, vale a dire la mia ragazza o in altre parole a fare a meno del sesso per i prossimi 9 giorni. Quando sei adolescente (ho 16 anni) sai come vuol dire affrontare gli impulsi, quindi ti alleni molto e quando finalmente fai sesso, tutto ciò a cui pensi e non vedi l'ora è la prossima volta e nel mezzo Capendolo masterbate, diavolo devi farlo o senti che esploderai. Ecco il...

590 I più visti

Likes 0

CALCUTTA 1888

CALCUTTA. L'India è un paese bellissimo. Lo era di più quando la Compagnia delle Indie Orientali governava la sua costa su tutti e tre i lati. Allora ero un ragazzino, forse dieci o giù di lì. Calcutta era una città vivace ed era importante per il commercio. ora Calcutta è famigerata per i potenti monsoni. piove quasi ogni giorno a mezzogiorno. è stato un piovoso pomeriggio umido a Calcutta dove inizia la nostra storia. a causa delle piogge stavo dedicando gran parte del mio tempo a guardare fuori dalla finestra. piccole gocce di pioggia suonavano una musica insolita sul pendio di...

846 I più visti

Likes 0

Il migliore amico di un fratello

Il migliore amico di un fratello Di DRMillennium: Dichiarazione di non responsabilità su taglio/incesto NC-17: Non ho creato e non possiedo alcun personaggio multimediale facilmente riconoscibile. Non ho alcun accordo, legale o di altro tipo, con i creatori o i proprietari. Questo è puramente per divertimento: non ho fatto, non cerco e non accetterò alcun profitto per questo. Questa storia non intende in alcun modo riflettere sulle vite o sugli stili di vita degli attori/attrici che originariamente interpretavano i personaggi. Non ho altro che affetto affettuoso e rispetto per loro, per avermi dato così tanto divertimento, e nessuna mancanza di rispetto...

655 I più visti

Likes 0

Nascita del Ringtaker n. 1

Non chiedermi da dove viene tutto questo. Non lo so. Te lo direi se lo sapessi, ma non lo faccio. Forse ho incrociato un filo. Forse vengono secreti troppi o troppo pochi ormoni del tipo giusto. Forse è solo che c'è un buco nel mio carattere. Qualunque cosa sia, l'ho accettato molto tempo fa. Quando è iniziato, chiedi? Cavolo, dovrebbe essere circa un anno o due dopo la pubertà. L'ho colpito subito dopo il mio undicesimo compleanno. All’inizio è stato un processo lento e graduale. Quando arrivò il dodicesimo anno, tutto mi colpì come una tonnellata di mattoni e non ero...

637 I più visti

Likes 0

La mente di Marissa

Marissa ha sempre ottenuto ciò che voleva, in tutto. Scuola, casa, ragazzi, i ragazzi di Melissa... qualunque cosa tu dica, probabilmente ce l'aveva. Le ragazze erano gemelle. Marissa però è nata diversamente. Aveva il potere di controllare le menti e Melissa non lo sapeva. La mamma della ragazza non lo sapeva. Solo Marissa lo sapeva. E ora, dato che entrambe le ragazze erano all'ultimo anno del liceo, Melissa aveva qualcosa che Marissa aveva SEMPRE desiderato, il capitano della squadra di football come suo ragazzo, con tutti gli altri ragazzi che sbavavano dietro di lei. Questa era l'ultima settimana di scuola e...

529 I più visti

Likes 0

Ricatto scolastico 01

Giovedì: Grazie allo staff e agli studenti per esservi riuniti con un preavviso così breve. Ha detto il preside della mia scuola, il signor Jones. So che questa assemblea inaspettata ti sta facendo perdere tempo, quindi farò in fretta.. Il signor Jones ha convocato un'assemblea proprio un minuto fa. Nessuno nella mia classe, nemmeno io, sa di cosa si tratta. Non era previsto, è tutto quello che sappiamo. Chi sono? Mi chiamo Ian e frequento l'ultimo anno della Stanapolis High School. Sono di altezza media, capelli biondi, occhi verdi e non pratico nessuno sport, semplicemente non mi interessano mai. Invece investo...

677 I più visti

Likes 0

Dono di Ade

Luke Solberg era, forse, il diciottenne più infelice di Spokane, nel Montana. Era rimasto orfano alla tenera età di 8 anni e l'unico ricordo rimasto dei suoi genitori era una foto sfocata di un articolo di giornale che descriveva in dettaglio il raccapricciante incidente aereo che aveva causato la morte dei genitori di Luke insieme a quelli di altri 132 passeggeri. L'unico sopravvissuto del volo 316 era stato Luke, che era miracolosamente sopravvissuto quando il suo sedile era stato strappato dalla fusoliera dell'aereo e si era incastrato precariamente tra i rami di una quercia. Questo sorprendente colpo di fortuna sarebbe normalmente...

280 I più visti

Likes 0

La mia ragazza Kay #2

La mia ragazza Kay #2 Mi chiamo Gus e vivo nel Texas centrale su una 500 AC. ranch con la mia ragazza Kay, immagino che siamo naturisti, siamo autosufficienti in quasi ogni cosa. Dobbiamo ancora uscire e prendere le cose per il ranch, il gas, la spesa. Ma soprattutto ci teniamo per noi stessi, abbiamo amici nelle periferie da cui ci siamo trasferiti e ci siamo divertiti molto con loro nei nostri giorni più giovani. Non ho pensato molto a loro fino alla settimana scorsa. Quando sono riuscito a catturare Kay e Tex rinchiusi culo a culo in giardino, e dopo...

910 I più visti

Likes 0

Quando non si proietta ombra

Quando un uomo che non proietta ombra è di questo mondo ed etereo. Attento all'amore fatale che porta perché è la tua anima che viene a rubare Nessuno camminerà davanti a lui né calcherà le sue orme. Perché dimora tra i vivi, ……… così come tra i morti. -Michael Fletcher Il Prologo. Torbridge, Devon. 1973 . Quando Elaine Hamilton trova un neonato abbandonato sulla soglia della chiesa tre giorni dopo il funerale di suo padre, il reverendo David Hamilton, lo vede come un segno di Dio. Avvolto solo in una coperta sottile e nudo come vuole la natura, il bambino era...

657 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.