Tenero amore II

510Report
Tenero amore II

Introduzione: Per comprendere e apprezzare appieno questa storia, leggere la Parte I di Tender Love. Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per la parte 2, mio ​​padre è morto e io ero distratto.


La giovane donna latina giaceva sopra la mia forma nuda con il mio cazzo duro come una roccia ancora incastrato tra le labbra della sua figa, come se fossi un dildo umano per il suo piacere. Potevo sentire i suoi caldi succhi d'amore che cominciavano a raffreddarsi mentre gocciolava dai lati delle mie cosce. Si è riposata dal potente climax che aveva appena sperimentato strofinando il clitoride contro il mio cazzo.

Si era infilata nel mio letto e si era messa a cavalcioni su di me, ma invece di guidare il mio membro nella sua guaina dell'amore, si era seduta sopra il mio cazzo indurito, le labbra della sua figa su entrambi i lati del mio albero e si era dondolata avanti e indietro fino a quando non è esplosa ed è sgorgata succhi sul mio ventre e giù per le palle e inzuppato le lenzuola sotto di noi.

la volevo! Volevo essere dentro di lei! Volevo inondare le sue pareti con il mio sperma! Dio, volevo sbatterle il mio cazzo dentro senza abbandono. Anche mentre dormiva sopra di me, potevo sentire la mia rabbia duramente palpitante e ogni volta che il mio cazzo si contraeva, lei sussultava leggermente e un debole gemito le sfuggiva dalla bocca.

Mentre eravamo sdraiati ero così eccitato sessualmente, sapevo che l'avrei spaventata dal cazzo che volevo darle. Sapevo che il mio momento di rilascio sarebbe arrivato e ho scelto di aspettare. Sapevo quanto fosse importante permetterle di sentirsi al sicuro e a suo agio con me e poi sarei stato ricompensato del mio rilascio.

Ho deciso di scivolare fuori da sotto il suo abbraccio e farmi una doccia. L'ho fatta rotolare lentamente da un lato il più delicatamente possibile senza svegliarla. Sono andato in bagno e ho iniziato a far scorrere l'acqua calda nella doccia e sono andato al lavandino per radermi prima che il vapore offuscasse lo specchio.

Sono passato sotto lo spruzzo di acqua calda e mi sono insaponato i capelli con lo shampoo e ho anche insaponato con il bagnoschiuma. Mi appoggiai al muro della doccia mentre mi godevo i potenti getti che mi martellavano il corpo.

Stavo ancora sfoggiando una furia dura, che non sarebbe andata via presto quando ho sentito la sua piccola mano circondare il mio cazzo. Mi voltai per vedere il suo sorriso caloroso mentre era in piedi fuori dalla doccia con la mia asta in mano.

Ha parlato qualcosa in spagnolo e si è unita a me sotto la doccia senza perdere la presa sul mio cazzo. Premette il suo corpicino contro il mio corpo, acqua e sapone iniziarono a scorrerle lungo il petto e tra i nostri corpi.

Ci siamo baciati avidamente. La nostra lussuria ci stava portando via. Le ho fatto scorrere le mani insaponate sulle tette e sulla pancia. La sua pelle sembrava seta.

Mi prendeva le palle tra le sue manine e mi baciava il collo. Ho preso le sue piccole chiappe tra le mani e ho tirato il suo tumulo nella mia durezza, lei si è lamentata nella mia bocca mentre ci baciavamo alla francese. Le nostre lingue danzavano l'una nella bocca dell'altro.

I suoi capezzoli mi premevano sul petto come proiettili. Le nostre mani esploravano mentre ci insaponavamo a vicenda. Entrambi ansimavamo per l'eccitazione. Si sentiva così bene tra le mie braccia. Ero fuori controllo. Il mio cazzo mi faceva davvero male per essere stato così duro.

Mi voltò le spalle e appoggiò le mani sulle pareti della doccia e allargò le gambe. Mi avvicino dietro di lei con il mio cazzo in mano. Si piegò leggermente in vita e mi mostrò le labbra della fica.

Le sue labbra della figa erano gonfie per l'eccitazione e rimpinzate di sangue. Feci scorrere le dita tra la sua fessura e le sue ginocchia si piegarono leggermente. L'ho tenuta su per la vita. La sua apertura era così bagnata e trasudava di succhi.

Ho messo la testa del mio cazzo all'ingresso del suo buco dell'amore., gemette ad alta voce. Mi sono spinto in avanti e ho sentito il calore interno della sua fica mentre centimetro dopo centimetro le entrava. A un certo punto strillò di piacere.

Mi sono tirato indietro e mi sono spinto in avanti. Più e più volte entrai nella sua parte più intima del suo essere. Sbattere la mia carne in lei con grugniti simili a animali che provengono dalla mia gola.

Ho emesso un ringhio finale dal profondo mentre mi lasciavo andare con corde di sperma. I miei occhi rotearono all'indietro nella mia testa, la mia testa spinta all'indietro mentre sbattevo la palla in profondità nella sua dolce figa.

Le mie mani afferrarono un pugno pieno della sua carne dell'anca mentre mi spingevo in avanti e tiravo indietro il suo corpicino contro i miei lombi con forza. Ho sentito le sue ginocchia cedere mentre ondate di piacere la colpivano allo stesso tempo, godendosi il suo climax.

Il tempo sembrava rallentare mentre il mio climax mi inondava. Quando il mio orgasmo iniziò a diminuire, mi resi conto che la dea messicana si era accasciata sul pavimento della doccia e non si stava muovendo. Penso che sia svenuta! Le ho toccato la spalla e lei ha lasciato il posto a un debole gemito, quindi ho capito che stava bene. Ho cominciato a pensare che lei sapesse come gestire un uomo ed è stato allora che ho capito che quando l'avevo penetrata non c'era resistenza e quindi ora mi sono reso conto che non era vergine ed era infatti esperta.

Normalmente sono un'amante gentile, baci e carezze, ma poiché avevo trattenuto i miei desideri per lei per così tanto tempo, avevo violentato il suo corpo. L'avevo presa come un animale! Ricordavo come le mie narici si erano dilatate e avevo sbuffato come un toro, meno lo scalpitio del terreno con lo zoccolo. Ho dovuto ridacchiare per il mio comportamento selvaggio. Alzò lo sguardo su di me ed entrambi iniziammo a ridere di pancia. Il mio corpo tremava ancora e le mie ginocchia si sentivano deboli.

Uscii dalla vasca e mi asciugai, mi girai verso di lei e le tesi la mano e l'aiutai ad alzarsi in piedi. Le ho messo un grosso asciugamano intorno al busto e lei è uscita e si è messa sul tappeto. Ho iniziato ad asciugarle i capelli mentre usava entrambe le mani per tenere l'asciugamano in posizione.

Ho imbottito le sue braccia e mi sono spostato sulle sue gambe. Ero all'altezza degli occhi con le sue labbra gonfie, che sembravano gonfie e rosse. Mentre cercavo di asciugare il suo tumulo, mi spinse delicatamente sulla mano per fermarsi. Mi sono reso conto che era troppo sensibile per essere toccata in quel momento.

L'ho presa in braccio e l'ho portata nel mio letto, l'ho sdraiata delicatamente, ho rimosso l'asciugamano e ho coperto il suo corpo con le coperte. Ho spento le luci e mi sono fatto strada accanto a lei nel letto. È stato bello coccolarla e sentire il suo calore.

Ci siamo sdraiati l'uno nelle braccia dell'altro e lei si è addormentata e ho pensato a come fosse così esperta in così giovane età. Avrei imparato la risposta ai miei pensieri mesi dopo, quando entrambi iniziammo a imparare la lingua dell'altro e lei mi riferì questo resoconto.

Avevo saputo che si chiamava Bonita, che significava carina. Condivideva una piccola capanna come rifugio con sua madre e suo padre. Non sapeva bene come si chiamasse il paese perché era giovane e si spostavano ovunque suo padre potesse trovare lavoro nei campi.

Il suo vestito consisteva in un pezzo di stoffa che sua madre aveva trovato e aveva fatto dei buchi per farle sporgere la testa e le braccia. Era lo stesso vestito di fortuna che le avevo visto addosso quando l'avevo vista per la prima volta quella notte buia lungo l'Interstate 10 in Arizona. Non possedeva indumenti intimi, come un reggiseno o mutandine, né aveva calzini o scarpe, ma andava a piedi nudi.

Ha detto che quando aveva 11 o 12 anni, non era sicura di quanti anni avesse allora, era vicino a un ruscello dove sperava di fare il bagno e lavarsi. Era notte presto e si ricordò che le stelle erano luminose e la luna era piena e brillava abbastanza da non aver bisogno di illuminazione per vedere dove camminare.

Aveva finito di lavarsi e si stava preparando a infilarsi il vestito quando ha sentito un fruscio a pochi metri di distanza. Prima che potesse girarsi completamente per vedere cosa avesse fatto il rumore, una figura l'afferrò, mettendole una mano sulla bocca rendendo impossibile urlare.

Una voce maschile le disse di tacere o l'avrebbe ferita gravemente. Riconobbe la voce che apparteneva al suo cugino preferito. Stava respirando pesantemente e lei sentiva il suo respiro caldo sull'orecchio e sul collo mentre parlava. Aveva paura e non ha lasciato intendere che sapeva che era lui, temendo che potesse farsi prendere dal panico e ucciderla.

La trascinò in un piccolo sottobosco e iniziò a palparla. All'inizio ha resistito, ma il suo tocco l'ha eccitata in un modo che non aveva mai conosciuto. Per prima cosa le strinse il seno attraverso il tessuto sottile, poi fece passare la mano sotto la sua veste e trovò il suo tumulo. L'ha massaggiato brutalmente e ha fatto a modo suo con lei. Si sentì bagnarsi e pensò che forse si era fatta la pipì, ma rendersi conto che era diverso e piacevole.

Quando ha infilato un dito nella sua fessura, l'elettricità la ha attraversata dalla testa ai piedi e tutto il suo corpo ha formicolato. Non era sicura di cosa le stesse accadendo. Sapeva che quello che stava facendo suo cugino era sbagliato, ma non aveva più paura perché sapeva chi era e aveva davvero fantasticato su di lui in passato.

Spinse il suo vestito dal design semplice sopra la sua vita appena sopra le sue tette. Lo sentì lavorare con i suoi vestiti e poi le fu sopra. Stava ancora resistendo ad alcuni, ma sentiva l'eccitazione lei stessa.

Sentì la durezza della sua cosa premerle sul ventre e lui si stava sistemando nervosamente. Riuscì a guidarlo al suo ingresso e si premette contro di lei. Sentì le labbra della sua figa aprirsi un po' e il suo cazzo era dentro di lei per circa un pollice. Sentì pressione e un po' di dolore. Sua cugina si ritrasse un po' e si spinse in avanti con violenza. Il dolore la percorse e le lacrime le salirono agli occhi. Avrebbe voluto chiamarlo per nome e dirgli di essere gentile, ma cambiò idea velocemente come aveva pensato.

Si sentì cedere alle sue avances e cercò di rilassarsi. Cominciò a muoversi lentamente dentro e fuori il suo buco. All'inizio ha fatto male, ma è stato un bel tipo di dolore. Presto stava andando più veloce e aveva un ritmo.


Il suo corpo adesso era in fiamme. Le tirò un po' i capelli, respirò a fatica e le baciò il collo. Si sentiva così viva e la sensazione era travolgente. Si morse il labbro inferiore. Adesso teneva il suo corpo a sé piuttosto che spingerlo contro. Girava la testa da una parte all'altra e gemeva.

Lo sentì arrivare, un piacere che cresceva nella parte inferiore del suo corpo. Proprio quando pensava che sarebbe svenuta, il suo orgasmo la colpì, onda dopo onda. Poi ha sentito suo cugino spararle sborra calda dentro. Il suo cazzo si è sussultato diverse volte e lui è crollato sopra di lei.

Dopo diversi minuti lei rotolò giù da lei, raccolse le sue cose e corse via nella notte. Rimase distesa a guardare le stelle chiedendosi di tutte queste nuove sensazioni che stava provando. I suoi muscoli della figa continuavano a contrarsi, inviando scosse di piacere attraverso il suo corpo, come mini orgasmi.

In seguito ha rivelato a sua cugina che sapeva che era lui e sono diventati amanti regolari fino a quando i suoi genitori non li hanno scoperti un giorno ed è allora che hanno deciso di rischiare di portarla in America.

Ha detto che è per questo che aveva riso il giorno in cui abbiamo fatto l'amore sotto la doccia, perché l'avevo violentata e le stavo tirando i capelli e grugnindo, le ricordava suo cugino che la violentava.

Ha detto che amava suo cugino ed è per questo che lui l'ha violentata e non ha lasciato alcun timore. Bonita ha detto che mi amava e amava il modo in cui facevamo l'amore, il che la lasciava sempre ansimante di più.

Storie simili

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

474 I più visti

Likes 0

LA PRIMA VOLTA DI NATASHA

LA PRIMA VOLTA DI NATASHA Che Natale sarebbe stato! Emily stava tornando a casa per le vacanze e avrei dovuto sopportare i suoi continui tormenti con me. Sarebbe stata sul mio caso per due cose, 1) non ero vegana, e 2) ero vergine e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, il che nella mente di Emily era simile all'ironia totale e totale. Nessuna ragazza bella come me potrebbe essere vergine a meno che non sia stata seriamente incasinata. E, naturalmente, Emily pensava che fossi seriamente incasinato. In primo luogo, andavo in chiesa ogni domenica e suonavo persino nella band, e in secondo...

354 I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

595 I più visti

Likes 0

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

349 I più visti

Likes 0

L'infermiera Kate pt2

Quando ho incontrato la persona con cui volevo trascorrere la mia vita non mi sarei mai aspettato che sarebbe successo prima di lasciare la scuola, qualcuno più grande, che era sposato e meno di tutto una donna. Quando ho lasciato l'Inghilterra con mia madre all'età di 16 anni per vivere in Italia nel tentativo di aiutarmi con i problemi che ho acquisito quando i miei genitori hanno divorziato. Non avrei mai pensato che sarebbe stata la decisione migliore della mia vita. Avevo passato solo poche ore alle cure dell'infermiera Kate dopo essere stata lapidata sul tetto della mia nuova scuola un'ora...

322 I più visti

Likes 0

La prima notte in cui ha provato l'anale

Ti sei fatto entrare con il mazzo di chiavi che ti ho dato un paio di mesi fa. Li butti sul tavolo, insieme alla tua borsa, cercando di stare zitto. Non sei sicuro se sto dormendo o meno. Lasci tutti i tuoi vestiti sporchi vicino alla lavatrice e sfrecci oltre la camera da letto, nudo, in bagno. Ti ammiri allo specchio pensando anche se coperto dalla sporcizia della giornata, i tuoi capelli sono in disordine, ti senti sexy. I tuoi seni sono vivaci, con adorabili capezzoli nella posizione giusta che darebbero a un coniglietto di playboy una corsa per i loro...

220 I più visti

Likes 0

Dominazione del papà nero

Scott Clair odiava la sua bianchezza. Non era in grado di articolarlo esattamente in quel modo; ha affermato di venire a patti con la sua natura sottomessa e il suo travolgente desiderio di servire la razza nera. Se fosse stato un po' più consapevole di sé, un po' più introspettivo, avrebbe potuto descrivere accuratamente il suo odio per se stesso come derivante dal suo intrinseco bisogno di sentirsi superiore. Il bianco era la sua malattia, amplificata da un complesso napoleonico di enormi proporzioni data la sua altezza di 5'1”. Soffriva di narcisismo straordinario. Nella sua mente delirante, l'universo gli doveva delle...

191 I più visti

Likes 0

L'autostoppista Capitolo 15 - Casa dolce casa

Erano appena passate le 23 quando siamo entrati nel mio garage, ho preso la borsa con le cose che avevo portato e l'ho fatta entrare. Ho detto ad Alexa di accendere le luci del bar quando siamo entrati e May Ann ha detto: Gesù Tony, questo è bellissimo .” Mettiti a casa mentre metto via tutto. Vagò per le scale, andò nella veranda e accese la luce esterna in modo da poter vedere il grande cortile, il ponte e la piscina. Poi tornò dentro, guardò alcune foto e salì al piano di sopra. L'ho trovata seduta sul bordo del mio letto...

577 I più visti

Likes 0

Le avventure di Jenny e Tory Capitolo. 2

**Avviso finale! Se non ti piacciono gli sport acquatici o la pipì, NON LEGGERE OLTRE! Jenny afferrò la mano di Tory, ridacchiò e la condusse un po' più su lungo il sentiero verso un'area appartata dove Tory poteva fare i suoi affari. Mentre Tory si abbassava lo slip del bikini, Jenny si voltò, ma non prima di aver intravisto il bellissimo cazzo di nove pollici di Tory. Ha immaginato di avvolgere le sue labbra succose attorno a quel meraviglioso cazzo da ragazza e ha sentito il fondo del bikini diventare di nuovo cremoso. Tory lasciò che il suo flusso scorresse e...

524 I più visti

Likes 2

Il medaglione - Capitolo 7

Lunedì sera - Parte 1 Jack Winters era seduto in macchina fuori dalla casa di sua sorella. Non era ancora tornata dal lavoro, ma lui sapeva che Emily e le altre due ragazze erano già lì. Tirò fuori il medaglione da sotto la camicia e gli diede una buona occhiata, pensando a ciò che David gli aveva detto prima. Non so se mi stai davvero cambiando, ma se lo sei, ho bisogno che tu non mi incastri la testa stasera, disse alla pietra di giada. Con un sospiro, aprì la porta e si diresse verso casa. Emily aprì la porta quando...

504 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.