L'umiliazione ipnotica di Subby Hubby

444Report
L'umiliazione ipnotica di Subby Hubby

È furioso quando scopre che sua moglie scopa con un perfetto sconosciuto in casa loro, ma poi lei cambia idea al riguardo. Letteralmente.

********

Sono tornato a casa dopo il lavoro e li ho trovati che scopavano sul pavimento del soggiorno. Mia moglie e un ragazzo che non conoscevo. Era in cima. Ricordo i suoi talloni e le dita dei piedi sospesi in aria mentre il suo sedere si fletteva e lui la pompava.

"Che CAZZO", ho detto. Il ragazzo si guardò alle spalle e mi sorrise. Poi vide la mia espressione e il suo sorriso se ne andò. Mia moglie mi ha guardato, poi ha alzato gli occhi al cielo.

Il ragazzo sembrava preoccupato. "Pensavo avessi detto che gli sarebbe piaciuto."

"Lo è", disse. "Semplicemente non lo sa ancora."

Si era dipinta le unghie dei piedi. Non si è mai dipinta le unghie dei piedi per me.

"Cazzo", ho ripetuto, posando la borsa del laptop. Non sapevo cosa dire, ma avevo bisogno di dire qualcosa, quindi ho iniziato dicendo: "Maledetto maledetto..."

Con una voce molto chiara e pacata, mia moglie ha detto: "Subby Hubby".

Qualcosa in me si è sciolto. Come una zolletta di zucchero su cui viene versata dell'acqua. O come quando fumi erba e poi, all’improvviso, qualcosa in te cede, come una diga che si rompe, solo che, invece del disastro e di una comunità che viene distrutta, è solo il piacere a precipitarti verso di te. Intontito, felice, stupido, piacere.

Rimasi lì, in silenzio, docile, come un cameriere in giro mentre una coppia sceglieva un menu.

Il ragazzo ha notato che qualcosa era diverso. "Cosa c'è che non va in lui?"

Mi ha sorriso. "Niente. Beh, niente che non gli abbia infilato dentro. Immagino che forse ci sia molto di sbagliato in lui, se ci pensi in questo modo. . . .”

Il ragazzo sembrava confuso. "Senti, è interessato a questa cosa o no?" Potevo dire che stava perdendo la sua eccitazione.

"Gli piace", ha detto. Mi guardò dritto negli occhi. "Bambino. Striscia."

Le mie scarpe si sono staccate per prime. Poi i miei calzini. Poi pantaloni, biancheria intima e infine camicia. Ero ancora un cameriere stupido e felice, ma ora ero un cameriere nudo, stupido e felice. In attesa di un ordine. Il mio cazzo si mosse. . . .

Mia moglie ha rivolto la sua attenzione a quel ragazzo. Si allungò e sentì la sua sacca. "Andiamo", gli disse. “Vi riportiamo al passo. Tesoro, dai alle palle del mio ragazzo l'attenzione che meritano.

Mi sono messo a quattro zampe e sono strisciato verso di loro. Un piacevole ronzio piacevole ronzava nella mia testa. Mi sono avvicinato al suo didietro e il suo cazzo era dentro mia moglie. Ma potevo dire che si stava rammollendo. Avevo bisogno di sistemarlo. Avevo bisogno che si sentisse bene come mi sentivo io in questo momento. No, ancora meglio. Il lavoro di un cameriere è rendere felice il cliente. Il mio compito è rendere felice quest'uomo. Rendilo felice e rendi felice mia moglie.

Le sue palle erano rasate. Liscio. Con la lingua grassa cominciai a insaponarli. Si dimenò un po'. "Oh, merda", ha detto.

"Sì", ho sentito mia moglie. Da casa mia mentre gli leccavo le palle era difficile sentirla. "Ti piace lì?"

L'uomo gemette. “Merda sì. Fanculo. OH."

"Gli piace", gli assicurò mia moglie. “Gli piace qualsiasi cosa. Fidati di me su questo.

L'uomo si limitò a gemere ancora un po'. Si è tirato fuori lentamente da mia moglie, poi l'ha spinto dentro leggermente meno lentamente. L'estrazione lenta, l'entrata leggermente più veloce. Non voleva andare più veloce di così. Non voleva perdere la sensazione della mia lingua che gli sfiorava le palle.

Anche mia moglie si stava divertendo. Lo capivo dal suo odore. E il suono. Più scivoloso. L'attenzione della mia lingua si è spostata un po' dalle sue palle alla sua contaminazione, poi di nuovo giù alle sue palle. Spalmo, suscito, contamino, faccio cadere, massaggio la sua sacca rasata e gustosa con la lingua, torno su di nuovo, ogni volta avvicinandomi un po' di più al suo buco, giù, insaponando, su. . . .

La mia lingua sfrecciò nel suo buco del culo. "Uhhh", gemette. "Fanculo." Ho spinto la lingua fino in fondo. Con una mano gli accarezzavo le palle.

Lei rise. «Ti ha preso nel culo, vero? Lì dentro?" "Maledizione", disse il ragazzo. "Gesù Cristo."

"Rilassati e basta", ha detto. Appoggiò i talloni sulle mie spalle. Ho spinto la lingua dentro e fuori dal suo culo, poi mi sono abbassato per adorare le sue palle, poi di nuovo nel suo culo. "Chiamatelo frocio."

Il mio cazzo sussultò. "Che cosa?" disse il ragazzo.

"Frocio", disse. «Chiamatelo frocio. Fa parte del gioco. Non sei gay, vero?"

"No", disse il ragazzo. "Voglio dire, non c'è niente di sbagliato in questo..."

"C'è davvero", ha detto. “C’è davvero qualcosa che non va. Lo sai, lo so. Lo sa. È deviante, perverso e innaturale. Va bene. Puoi dirlo qui, in privato."

Deviante. Perverso. Innaturale. Il mio cazzo gocciolava. Potevo sentire la testa trascinarsi sul pavimento. Avrei dovuto pulire il tappeto una volta finito tutto.

"Fallo", ha detto mia moglie. "Chiamatelo frocio." Quando ha detto frocio, ho spinto la lingua più in profondità che potevo nel suo culo. Avrei voluto che la mia lingua fosse abbastanza lunga da massaggiargli la prostata. Desideravo sentire il nocciolo della ghiandola premere contro la punta della lingua.

"Frocio", ha detto il ragazzo, e io ho gemito nel suo culo.

"Whoa", disse, saltando un po'. "Oh."

"Lo adora", ha detto mia moglie. “Il mio piccolo frocio. Ditelo di nuovo."

"Che froce", disse il ragazzo. «Fottuto frocio. Leccami il culo, viola del pensiero.

Gemetti ancora un po'. Ormai mi stavo praticamente dissolvendo. Ebbene, tutto me stesso si stava dissolvendo tranne il cazzo, la lingua, le mani e i piedi. Il mio cazzo era la cosa più solida del mondo in quel momento. Ma tutto il resto si scioglieva piacevolmente, come sotto una calda pioggia estiva.

Il ragazzo mi stava spingendo di nuovo il culo in faccia. È caduto da mia moglie con uno shluuup.

"Ah merda", sussurrò. "Scusa."

Lei ridacchiò. "Va tutto bene", ha detto. Lo spinse leggermente indietro e si trascinò via da sotto di lui. “Abbiamo tempo. E voglio che tu ti diverta."

Si appoggiò sugli avambracci, con il culo in aria. Mentre lo leccavo, ho portato le mie dita sulla sua asta e le ho fatte scorrere su e giù, suscitando un gemito felice.

Mia moglie si è portata accanto a me. Ha preso il mio cazzo in mano e ha iniziato a pomparlo delicatamente e mi ha sussurrato all'orecchio: "Ti piace questo".

SÌ. Adoro questo.

"Tu vuoi questo."

Voglio questo.

"Farai qualsiasi cosa."

Farò qualsiasi cosa.

"Il mio subby maritino."

SÌ.

"Sei malato."

Sono malato.

"Sei perverso."

Sono perverso.

"Frocio", e lei mi leccò l'orecchio, e il mio cazzo pulsava e si ingrossava nella sua mano.

"Merda", disse il ragazzo. Ha tirato via il culo, si è seduto sul pavimento e mi ha infilato il cazzo dritto in faccia. "Succhiami il cazzo, frocio."

“Questo è lo spirito”, ha detto mia moglie. Stava parlando con lui. "Ora sai. Andiamo, forza. Divertirsi un po."

Il ragazzo mi ha messo una mano dietro la testa. “Succhiami, amico. Succhiami, piccola sporca troia. Dai, sai che lo adori.

Sembrava molto più fiducioso, adesso. E aveva ragione. L'ho adorato. Mi è piaciuto succhiargli il cazzo. Amavo quello che stavo facendo e quello che mi stavano facendo. Mia moglie mi ha leccato leggermente l'orecchio e mi ha preso il cazzo, di tanto in tanto portandomi la mano sulle palle e toccandomi il buco del culo. Cazzo, palle, buco del culo, palle, cazzo. Ha fatto scorrere il pollice sulla mia testa di cazzo scivolosa. Un sacco di precum. Mi ha portato la mano sul viso e mi ha asciugato il naso con il pollice e ora il mio mondo era pieno dell'odore del mio cazzo.

Si sedette e si inginocchiò accanto al ragazzo e iniziò a baciarlo, accarezzandogli il viso mentre io lavoravo sul suo cazzo. Mi mancava la sua attenzione, ma ero felice di renderlo felice, perché rendendolo felice, rendevo felice anche lei. Sentivo il rumore dei baci mentre lavoravo, rumori dei baci che diventavano sempre più aspri sotto i suoi gemiti affannosi.

"Cazzo, è bravo", ha detto. "È davvero fottutamente bravo."

"Sborrerai?"

SÌ. Per favore, vieni. Ho bisogno del tuo sperma. Sborra nella bocca di questo frocio troia sporca.

"Sì, presto", disse il ragazzo.

Mia moglie mi afferrò per i capelli e mi allontanò la testa dal suo bacino. Il suo cazzo dondolava come un pennone nel vento. "Siediti indietro", mi ha detto, e io ho obbedito. Il ragazzo ha iniziato a protestare e sapevo come si sentiva. "No", disse. “No, non così. Non preoccuparti, avrai molte possibilità. Ma voglio mostrarti una cosa.

"Maritino, sdraiati sulla schiena." Ho obbedito.

Lei si è avvicinata, si è messa a cavalcioni su di me e mi ha infilato la figa proprio sulla faccia. Capelli castano chiaro. Pelle pallida. I suoi antenati danesi. Ho spinto la lingua verso l'alto per incontrare la sua fica, ma lei si è allontanata. "Non ancora", ha detto. Ora ha parlato con il ragazzo. "Va bene. Andiamo e fanculo a me. Entra dentro di me."

Il ragazzo si è avvicinato in ginocchio a mia moglie, con le cosce a cavalcioni sulla mia testa. Lei si allungò indietro, afferrò il suo cazzo e lo guidò dentro di sé e lui affondò profondamente nella fica di mia moglie. Le sue palle si spinsero dentro di lei.

"Sì", disse. "Prendimi i capelli."

Il ragazzo ha detto "Cosa?"

"I miei capelli", ha detto. "Prendi i miei dannati capelli e scopami."

L'ho sentito spostarsi, e il corpo di mia moglie si è irrigidito e lei ha gridato. "Cazzo, sì." E lei ha preso il mio cazzo in mano, e poi le sue labbra si sono strofinate sopra e intorno alla testa, e poi è uscita la sua lingua calda e grassa, e poi mi ha preso in bocca. Me lo spompino mentre il ragazzo la scopa da dietro e le tira i capelli. L'unica cosa che avrebbe reso le cose migliori sarebbe stata se avessi potuto assaggiare la sua fica, far scorrere la lingua sulla sua carne e giocare con il suo clitoride. Ma quella bella esperienza era troppo lontana. Tutto quello che potevo fare era respirare profondamente i profumi che stavano producendo.

Un pelo pubico vagante è caduto da mia moglie e sulla mia guancia. L'amavo più di quanto avessi mai amato, in quel momento.

È stato così, allora, per un po', mia moglie che gemeva, il ragazzo che grugniva, i fianchi che schiaffeggiavano le sue natiche, il sussulto di due umani veri, normali e sani sopra questo schiavo frocio, la bocca calda sul mio cazzo. Non avrei mai voluto che finisse.

Ma poi cominciò a finire. Potrei dire. Il suo sacco iniziò a flettersi e le sue spinte divennero più forti. Ha spinto più forte mia moglie e lei ha iniziato a cadere un po' in avanti. Ha staccato la testa dal mio cazzo, i suoi avambracci si sono piegati e ha appoggiato le sue guance contro le mie cosce. La sua fica, le sue palle e il suo cazzo caddero più vicino alla mia testa e cominciai a leccarle, con forza, ma facendo attenzione a non sconvolgerne il ritmo. Volevo migliorare la loro esperienza, non interromperla.

"Oh, cazzo", disse, e le sue spinte aumentarono. "Cazzo sì." Stavo chiaramente migliorando la sua esperienza.

"Andiamo", mormorò mia moglie. “Dai, vieni dentro di me, vieni dentro di me, cazzo. Sculacciami."

Il ragazzo le ha dato una pacca sul culo. Ma non è difficile. In via provvisoria.

"Cazzo, SPANK ME", ha detto. Non era proprio un grido. La sculacciò più forte e lei lo ricompensò con un "sì". Un'altra sculacciata, più forte. Sculaccia sculaccia sculaccia SPANK.

E poi si è fletteto, ha urlato e ha pulsato, e ho capito che il suo sperma stava venendo riversato su mia moglie. Succhiai leggermente la sua macchia e sentii le pulsazioni tra le mie labbra. Sia mia moglie che il ragazzo urlarono mentre lui sparava il suo seme direttamente nella sua fica, ancora, e ancora, e ancora. . . .

Le è caduto addosso. Il loro peso premeva sul mio viso attraverso il bacino di mia moglie. Le sue palle erano appoggiate sulla mia fronte. La cassa toracica di mia moglie sessantanove contro la mia mentre inspirava ed espirava, dentro ed espirava, espandi-trattieni-contrai, espandi-trattieni-contrai.

Non riuscivo a respirare. Il mio mondo era l’incrocio tra la fica di mia moglie e il cazzo e le palle del suo amante. Ho dovuto aspettare.

Ben presto il ragazzo si alzò un po'. "Penso che lo stiamo soffocando."

“Eh. Sì." Sembrava ubriaca. "Un giorno forse lo farò."

"Che cosa?"

"Ecco", disse. La sua mano tornò indietro e spinse leggermente contro la sua coscia. “Dai, siediti. C'è qualcosa che voglio che tu veda."

Si è tirato fuori da mia moglie con un leggero sorso, e il suo cazzo lucido mi è caduto sul naso e si è trascinato via dalla mia fronte. L'ho sentito sedersi sul pavimento dietro di me. Mia moglie si alzò sulle mani e sulle ginocchia, con le labbra sulle mie labbra. Il profumo misto di mia moglie e del suo amante si diffondeva dal suo buco. Il mio cazzo sussultò in segno di approvazione.

"Andiamo, tesoro", disse. "Tua moglie ha bisogno di un po' di pulizia."

Lo sperma dell'amante di mia moglie è emerso dalla sua fica. Giallastro, un po' grosso. Quando mi colpì la lingua, tutta la mia testa ronzò. Sono diventato stupido. Veramente stupido. Sono stato creato per questo. Per favore, sì. Le ho leccato la figa, ricevendo la mia ricompensa per essere stato buono, obbediente, docile, stupido e felice. Mi bruciò la gola mentre mi scivolava nel ventre.

"Wow", ha detto il ragazzo. Mia moglie si è limitata a gemere. Lei spinse ancora di più il mio viso e io affondai la lingua dentro di lei il più possibile. Avevo bisogno di tutto. Per favore, dammi da mangiare. Questo è ciò per cui vivo.

Alla fine si staccò da me e atterrò sul pavimento con un grugnito. La mia faccia era fresca e bagnata. Le mie sopracciglia solleticarono l'eccitazione gelificata. Mi sono sentito sballato. Il mio cuore pulsava nelle mie orecchie e nel mondo che ci circondava.

Da sott'acqua, ho sentito il ragazzo chiedere a mia moglie: "Sei scesa?". È stato gentile da parte sua.

"No", disse. "Sessanta nove. È davvero difficile per me andarmene in quel modo”.

"Sì", disse il ragazzo. "Oh."

Lei si avvicinò a lui. Rimasi semplicemente sdraiato con le palpebre pesanti, sentendo l'eccitazione di mia moglie seccarmi sulle guance e sul diritto. Non riuscivo a vedere, ma penso che si stessero accoccolando. Ho sentito dei baci leggeri.

"Così quello che ora?" Egli ha detto. “Vuoi finire? Lo fa?"

Davvero, questo ragazzo era così premuroso. Mi stavo innamorando.

"Nah", ha detto mia moglie. “Non va bene per lui. Lui viene, inizia ad aspettarselo. Inizia ad avere idee che se lo merita. Non è vero, tesoro? Non meriti di venire, vero?"

Ho scosso la testa, no. Non merito di venire.

"Wow", ha detto il ragazzo. "Voi?"

Potevo davvero sentire mia moglie sorridere, un crepitio di saliva. Potevo immaginare il suo vasto sorriso, tutto a trentadue denti. "Sei dolce. Non oggi. Ho bisogno di darmi una ripulita. Serata fuori con le ragazze."

"Quindi sarà meglio che vada, è quello che stai dicendo." E così si è vestito, lei lo ha accompagnato alla porta e ho sentito una conversazione a bassa voce. Non sono riuscito a capirne molto, tranne che l'ho sentito dire "la prossima volta" e ho sentito che lei sembrava essere d'accordo. E poi la porta si chiuse e lui se ne andò.

Non c'è molto altro da dire, adesso. Si è lasciata finire con la bocca e la lingua, ed è venuta così forte che quasi mi ha quasi strappato il collo. Lei mi spinse via e si stese sul pavimento, ansimando. Poi un lungo silenzio, poi lei si alzò e mi diede gli ordini.

Adesso sono seduto qui, a scrivere questo al computer, mentre mia moglie si fa la doccia e si prepara per la serata fuori. Dopo averlo letto, me lo farà pubblicare su mcstories con il mio alias. E poi mi farà fare la doccia, mi vestirà, andrò in macchina con il mio portatile e si metterà al posto di guida. E non appena chiuderò la porta, questo schiavo frocio dimenticherà tutto ciò che è successo, e io non noterò né il tempo perduto, né la mia lingua rigida, né l’odore del sesso in casa mia.

Condividerò la mia giornata noiosa con mia moglie, che ascolterà, con un po' di impazienza, mentre si prepara per uscire e divertirsi di nuovo con i suoi amici.

E io? Dopo che se ne sarà andata, guarderò un po' di televisione, e potrei masturbarmi, e desidererò un po' più di eccitazione nella mia vita, tranne che sono arrivato ad accettare che, nella mezza età, l'eccitazione è per gli altri .

Storie simili

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

610 I più visti

Likes 0

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

1.4K I più visti

Likes 0

Il compagno di un demone Parte 1: Il mio inizio

NOTA: NON c'è sesso in QUESTA PARTE della storia. Prometto che nei capitoli a venire ci sarà un sacco di sesso caldo e lussurioso. Questa è solo l'introduzione. Ero semplicemente seduto sul divano, a guardare un documentario su The Dark Ages. Era interessante. Quindi vedi praticamente il mondo intero andare all'inferno. All'improvviso, il mio telefono stava facendo rumore. Era il mio ragazzo. Beh, era una specie di mio ragazzo. Non ci eravamo mai incontrati nella vita reale. Ci siamo conosciuti tramite un sito web di amici di penna. E da allora avevamo sviluppato una vera relazione. Ha vissuto in Gran Bretagna...

1.5K I più visti

Likes 0

Il lottatore parte 1

Il lottatore prima parte Questa storia parla di un ragazzo timido e di un amico di famiglia che lo ha aiutato a superare le sue ferite e la sua timidezza per raggiungere la vetta. È un po' una lunga storia. Mi sono lasciato trasportare questa volta. Anche in questo caso sto usando una buona dose di correttore ortografico sicuro per la mia dislessia, ma consigli e commenti sono molto graditi. Fatemi sapere se siete arrivati ​​alla fine ragazzi per favore. The Silent Assassin era il suo ring name e non era un caso vero nome Adam, era un prodotto dello sviluppo...

1.2K I più visti

Likes 0

Il sostituto di mamma

Solo nei miei sogni potevo concepire ciò che sta accadendo. Devo stare sognando, questo non può essere reale, vero? Mi sveglio dal sogno di fare sesso con mia moglie. Un sogno che ora realizzo, perché mia moglie era morta due anni fa. Il sogno è di mia moglie più giovane di vent'anni, ma io ho l'età che ho adesso. Sono ancora intontito dal sonno, ma il sogno sembra continuare nella mia mente, poiché provo un intenso piacere all'inguine. Faccio scorrere la mano sotto le coperte volendo accarezzare il mio cazzo. Aspetta, il mio cazzo è duro e qualcosa si sta muovendo...

927 I più visti

Likes 1

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

625 I più visti

Likes 0

Jake, Robby e una sorpresa

Scriverò di più se ti piace. Inviami un'e-mail con commenti/suggerimenti: [email protected] Jake Greenman è seduto nella sua lezione di teoria musicale, annoiato a morte e giocherellando con una chitarra per cercare di compensare l'ansiosa diffusione di giovani ormoni in tutto il suo corpo tonico e caldo. I suoi capelli castani, lisci e magri nella carnagione, gli sfiorano leggermente la fronte e ricadono sul cuoio capelluto, e deve voltarli indietro periodicamente. Il suo modo di suonare la chitarra è un po' sporadico, le sue dita lisce e bianche accarezzano la tastiera e scivolano altezzosamente su e giù per la chitarra sub-par. È...

1.7K I più visti

Likes 0

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

1.5K I più visti

Likes 0

Desideri Proibiti - Parte 3

Susan Ramsey percorse il corridoio accanto a una fila di aule della scuola dove frequentava la seconda media. Indossava una gonna corta e un top attillato che a malapena rispettava il codice di abbigliamento della scuola. Bionda e con gli occhi azzurri, era ben sviluppata per una dodicenne, con un seno vivace e in erba e un culo carino che stava appena imparando a usare a suo vantaggio con i ragazzi. Non sapeva molto di sesso, ma sapeva una cosa per certo: praticamente ogni uomo che incontrava, giovane o vecchio, aveva un desiderio irrefrenabile di entrare nelle sue mutandine. Tecnicamente ancora...

1.4K I più visti

Likes 0

La prima scopata di Julia

Questa è la mia prima storia, quindi per favore dimmi cosa ne pensi! Julia era una matricola di quindici anni. Era poco più di 5'2 e aveva una figura ad eliminazione diretta. Era una di quelle ragazze piccole e formose. Aveva tette 32C e una vita minuscola che svaniva in un culo perfettamente rotondo. Aveva un viso spigoloso con labbra carnose e una pelle color avorio cremoso. Lunghi capelli castani le scendevano lungo la schiena. Ma la sua caratteristica più sorprendente erano i suoi occhi. Erano grandi, intelligenti e di un blu brillante, seminascosti sotto un ventaglio di ciglia scure. Ben...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.