Ricatto scolastico 01

658Report
Ricatto scolastico 01

Giovedì:

"Grazie allo staff e agli studenti per esservi riuniti con un preavviso così breve." Ha detto il preside della mia scuola, il signor Jones. "So che questa assemblea inaspettata ti sta facendo perdere tempo, quindi farò in fretta.".

Il signor Jones ha convocato un'assemblea proprio un minuto fa. Nessuno nella mia classe, nemmeno io, sa di cosa si tratta. Non era previsto, è tutto quello che sappiamo. Chi sono? Mi chiamo Ian e frequento l'ultimo anno della Stanapolis High School. Sono di altezza media, capelli biondi, occhi verdi e non pratico nessuno sport, semplicemente non mi interessano mai. Invece investo molto del mio tempo nei computer. Ho imparato ad hackerare altri computer nel mio tempo libero poiché non ho letteralmente nient'altro da fare con il mio tempo. Non ho amici, non svolgo lavori domestici e di certo non ho una ragazza. Povero me, pietà della festa. Buuuu. Questo è abbastanza per me però.

"Recentemente mi è venuto in mente che gli studenti usano ancora i loro cellulari al di fuori delle lezioni durante la scuola." Il signor Jones ha detto: "I vostri compagni studenti continuano a usare i loro cellulari nonostante i nostri avvertimenti. Quindi ora devo imporne uno nuovo".

Sì, la mia scuola è una di quelle scuole del tipo "Odiamo la tecnologia, se ti troviamo ad usarla ti uccideremo". Chi viene sorpreso ad usare il cellulare se lo vede sequestrare per tutto l'anno. Questo però non ferma nessuno. Solo un buon 50% dei miei compagni usa ancora il cellulare nei corridoi. Nessuno però cerca di usarlo in classe. Gli insegnanti ti sorvegliano come un falco.

"D'ora in poi, ogni studente sorpreso ad usare il proprio telefono verrà distrutto." Ha detto il signor Jones.

Ogni studente nell'aula magna rimase senza fiato. Li hanno distrutti? È legale? Nessuno pensava che questa assemblea riguardasse i telefoni e ancor meno l'innalzamento delle punizioni per chi li usa.

"Buu!" Il popolare gruppo di ragazze, composto da McKenna, Grayson, Samantha, Maia, Grace, Abby e Sophia, ha urlato. Sophia è la ragazza più popolare dell'intera scuola. Usa il telefono ogni volta che può. Ha lunghi capelli biondi, occhi azzurri, un seno della misura perfetta e forse il culo più grande della classe. Indossa sempre abiti che rivelano così tanta pelle e scollatura che è un miracolo che non infrangano il codice di abbigliamento scolastico. Ogni ragazzo la vuole. Sfortunatamente ha un ragazzo, un ragazzo di nome Zack, di cui onestamente non ho idea. Ogni volta che lascia un ragazzo, ne ha subito uno nuovo. Zack penso che sia la sua relazione più lunga. Sta con lui da quasi 2 anni.

Il loro sfogo ha fatto sì che anche il resto degli studenti, altri 193, (siamo una scuola molto piccola), cantassero cose come "Buu!" o "Non puoi farlo!!" o anche "Questo non ci fermerà!". Naturalmente gli insegnanti, che sono praticamente gli schiavi dei presidi, ci hanno detto di stare zitti.

"Questa nuova politica inizierà lunedì." Ha detto il signor Jones. Detto questo, si è allontanato verso il suo ufficio e la mia insegnante di matematica, la signora Malone, ha iniziato a riportare la mia classe nella sua classe.

Per il resto della giornata non riuscivo a smettere di pensare all'annuncio. Sono sicuro che nessun altro potrebbe farlo. Questo è stato di gran lunga il passo più duro a cui la scuola si è rivolta per assicurarsi che non utilizzassimo la tecnologia. In qualche modo è addirittura meglio posizionare una telecamera in ogni classe e in ogni angolo della scuola.

Dopo un paio d'ore estremamente lente, arrivai all'ultima lezione della giornata. Classe di arte. La classe che tutti usano come riempitivo di spazio. Tuttavia, il mio corso d'arte è speciale. Ho Sophia e la sua migliore amica, McKenna, in classe con me. McKenna è praticamente Sophia ma capelli castani, tette più grandi e un culo più piccolo. Per qualche motivo la nostra insegnante, la signora Kahl, permette anche a 2 persone di usare il bagno contemporaneamente. Ciò consente a te e al tuo amico di scappare in bagno e parlare per 10 minuti. Ovviamente, essendo me, non ne ho, quindi non ne trarrò mai vantaggio.

Durante la lezione d'arte, ho avuto una bella vista di Sophia. Le piace mostrare il suo corpo quasi quanto le piace usare il telefono. Di tanto in tanto, mentre camminava verso un'altra classe, giocava con i suoi capelli, dondolava il culo da un lato all'altro, si aggiustava il vestito in modo da poter vedere di più il suo reggiseno, e anche quando parla con i ragazzi si sporge verso di te in un modo che ti mette nella posizione perfetta per fissare la sua maglietta. Oggi ha fatto qualcosa di nuovo. Si è seduta di fronte alla classe in modo che tutti possano vederla, e ha abbassato i jeans mentre era seduta in modo da poter vedere una parte enorme del suo culo nudo. Non so come riesca a farla franca, ma sono felice che lo faccia. Lei è una tale troia. E sono vergine.

Venerdì:

Quando sono arrivato a scuola oggi per la prima volta, per la scuola circolavano pettegolezzi folli. Ci sono sempre pettegolezzi, ma niente rispetto ad oggi. A quanto pare Sophia è sempre stata vergine, ma ieri sera l'ha persa. L'ha ufficialmente "fatto" con qualcuno. E non era il suo ragazzo.

Hanno avuto una brutta rottura più tardi quel giorno. Sophia ha negato le voci, Zack non le credeva e, considerando che l'intera scuola affermava che era vero, era difficile negarlo senza una buona prova. Prova che Sophia non aveva. Quindi si sono lasciati. Tante urla, tante urla. È successo nel bel mezzo della lezione di Storia e, ovviamente, l'insegnante non voleva occuparsi del dramma, quindi sono stati mandati entrambi in Biblioteca per scrivere un saggio di 2 pagine su come non disturbare la classe.

Questo mi ha dato un'idea. Molto rischioso. Recentemente ho cercato di imparare come hackerare le telecamere di sicurezza. Stava andando bene, potevo farcela con qualche ora di lavoro, ma non riuscivo ancora a coprire le mie tracce. Quindi ecco il mio piano.

1. Durante il fine settimana, perfezionerei le mie capacità di hacking della fotocamera.

2. Lunedì sera, entravo nelle telecamere della scuola e le cercavo.

3. Se trovo Sophia che usa il suo telefono, salverò il video sul mio computer.

4. Eliminerei il tempo in cui Sophia usa il suo telefono dalla telecamera della scuola per evitare che la scuola lo scopra.

5. Il giorno dopo l'avrei ricattata. Non consegnerei il filmato se lei non facesse sesso con me.

6. Giorni felici,

Quindi sì, questo è il piano.

Lunedi:

Annunci del mattino:

"Questo è il tuo discorso del preside, bentornati a scuola! Questa è un'altra aggiunta agli annunci della Stanapolis High School! I promemoria di oggi sono: La nuova politica sui telefoni cellulari entrerà in vigore proprio adesso! Gli studenti hanno una gita a Cyan Park mercoledì prossimo ! Assicurati di ritirare la newsletter della scuola alla reception per una copia visiva degli annunci di questa settimana!"

Bla bla bla, non importa a nessuno. Per quelli di voi che vogliono sapere il mio programma, eccolo qui:

Arti linguistiche (persone importanti: Grace)

Spagnolo: (Persone importanti: Maia)

Sala Studio: (Persone importanti: Samantha e Abby)

Pranzo

Matematica: (Persone importanti: Zack)

Scienza: (Persone importanti: Grayson)

Arte: (Persone importanti: Sophia e McKenna)

Sì, ho la fortuna di avere tutte le ragazze popolari in classe con me. Mi fa molto eccitare però. A volte devo masturbarmi in bagno nel bel mezzo della lezione altrimenti non riesco a concentrarmi.

In spagnolo sono ricominciate le voci. A quanto pare Sophia ha trovato un nuovo fidanzato. Non è confermato se si tratti dello stesso ragazzo che ha scopato qualche giorno fa. Vorrei inoltre sottolineare che la mia scuola ha una sorta di news team non ufficiale che raccoglie tutte le notizie della settimana e le pubblica il venerdì. Inoltre scavano parecchio tra loro, quindi se hanno qualcosa da dire sai che è vero. Nessuno sa chi siano le persone che scrivono il rapporto, ma sappiamo che se un insegnante ti vede con un suo foglio, vieni mandato direttamente in ufficio. Direttamente in ufficio, non passi o ritiri $ 200. La mia scuola odia tutto.

Più tardi quel giorno, ad un ragazzo è stato portato via il telefono. Era così stupido da usarlo durante le lezioni, scienza tra tutte le cose. Ciò ha scatenato una petizione per fermare la distruzione del telefono dei bambini. Si intitola #PhoneLivesMatter.

Nessuna sorpresa, tutti nella classe, me compreso, l'hanno firmato.

Lunedì sera:

Ho appena finito di hackerare le telecamere della scuola. O più precisamente, dal computer che le gestisce, ora posso visualizzare tutte le telecamere contemporaneamente senza dover passare dall'una all'altra e hackerarle tutte. Ce ne sono 13 solo nella sala della 12a elementare. È ora di mettersi al lavoro. Ho riavvolto i video fino alle 8:30. L'ora in cui arrivarono gli annunci. La scuola è ufficialmente iniziata. Se dopo questo punto vedo Sophia sul suo telefono, è una vittoria per me!

Ora è il momento di guardare oltre 7 ore di riprese.

"Questo è il tuo discorso del preside, bentornati a scuola! Questa è un'altra aggiunta agli annunci della Stanapolis High School! I promemoria di oggi sono: La nuova politica sui telefoni cellulari entrerà in vigore proprio adesso! Gli studenti hanno una gita a Cyan Park mercoledì prossimo ! Assicurati di ritirare la newsletter della scuola alla reception per una copia visiva degli annunci di questa settimana!"

"Non posso credere che si siano lasciati"

"Sì. Mi chiedo chi abbia distrutto Sophia. Mi sarebbe piaciuto essere loro!"

"Non sappiamo nemmeno se sia vero però!"

"Preferirei spaccare McKenna, hai visto quelle tette?"

"Uffa lo spagnolo fa schifo, perché dovremmo imparare lo spagnolo?"

"Non lo so, forse perché il 20% degli americani lo parla?"

"Stai zitto furbo, non piaci a nessuno!"

"Ucciditi."

"La sala studio è inutile."

"Sì, averlo alla terza ora non ha senso."

"Amico, ho già fame."

"Oh evviva il pranzo! È ora di usare i nostri telefoni!"

"Ho sentito che alcuni ragazzi hanno già perso il telefono oggi!"

"Ahah."

BINGO. Boom. L'ho presa. 11:45. Proprio nel mezzo del corridoio. Circondato dai suoi amici. Intelligente. In questo modo nessuno potrà vederla. Accetta le persone che, sai, stanno guardando le telecamere. Non posso credere alla mia fortuna. Ho scaricato il filmato sul mio computer e sul mio telefono. Scacco matto a Sofia. Oppure è o controlla? Non so che solo i nerd giochino a scacchi.

Martedì:

Ero così eccitato da iniziare il ricatto. Ogni lezione è passata in modo confuso. Potevo solo pensare al corso d'arte. Quando è iniziata la lezione d'arte, mi sono seduto al mio posto. Sophia oggi indossava un vestito nero e sexy, uno di quelli che non coprono il seno. Non indossava nemmeno un reggiseno che le arrivasse sulle spalle, o forse addirittura non lo indossava affatto. Lei e McKenna usano sempre il bagno insieme a metà lezione, anche se chiedono 5 minuti di distanza per diminuire i sospetti. Quindi ho aspettato.

Alla fine, Sophia ha chiesto di usare il bagno. Il nostro infido, il signor Gear, ha accettato la sua richiesta e lei era in viaggio.

Un minuto dopo, ho chiesto di usare il bagno. Avresti dovuto vedere l'espressione sul volto di McKenna. "Che cazzo pensi di fare?" Tipo di aspetto. Ho preso il secondo pass per l'atrio e sono partito.

Sono arrivato ai bagni. Scrutai entrambe le estremità del corridoio. Non c'era nessuno in vista. La costa è libera. Sono entrato nel bagno delle ragazze. Nessuno accetta che Sophia fosse lì, ed era in una stalla. Meno male. Rimasi lì, con il telefono in mano, aspettando che uscisse dal box. A proposito, il bagno non era niente di speciale, era semplicemente un normale bagno scolastico.

"Chi cazzo sei e perché sei nel bagno delle ragazze?" Sophia praticamente urlò mentre usciva dal box.

"Silenzio, ho qualcosa da mostrarti." Ho detto.

"Fammi vedere? Preferirei non guardare. Vattene da qui, mostro!" Lei disse.

"No. Non finché non guardi quello che ho da mostrarti." Ho detto.

"Se non te ne vai, immagino che lo farò!" disse Sophia, e si diresse verso l'uscita.

"Diavolo, no." ho detto, e l'ho spinta via dall'uscita.

Poi abbiamo litigato a pieno titolo. Beh, non era un granché dato che lei indossava un vestito, e io no. Ha provato a respingermi, ma io l'ho schivato e l'ho spinta indietro. Più difficile questa volta. Inciampò e quasi inciampò nel suo stesso vestito. Poi l'ho spinta di nuovo e l'ho costretta contro un muro.

"Ascoltami." Ho detto. "Ho qualcosa da mostrarti."

"Stai via da me, cre-" cominciò Sophia.

Le ho abbassato il vestito a metà frase. Quanto basta per mettere in mostra il suo meraviglioso seno. Dopotutto non indossava il reggiseno.

"Come osi! Lasciami andare subito!" Lei disse,

"Non finché non mi permetti di mostrarti quello che devo mostrarti." Ho detto. Mi sono appena reso conto che il mio cazzo era duro come la roccia e il modo in cui la stavo immobilizzando, sfiorava molto la sua vagina.

Ha lottato ancora un po'. Cercando di liberarmi. Stava vincendo, leggermente. Ho deciso di sistemare la cosa, ho abbassato di più il suo vestito. Una buona parte della sua pancia era ora esposta. Il vestito rischiava di cadere completamente. La sua lotta non fece altro che peggiorare le cose, Sophia se ne rese conto e si fermò.

"Uffa, va bene! Fammi vedere!" Lei disse.

"Dovrò lasciarti andare per mostrarti il ​​video. Se osi provare a scappare ti toglierò tutto il vestito e otterrò quello che voglio da te adesso." Ho detto.

"Ottenere quello che vuoi da me? Qualunque cosa. Mi comporterò bene", ha detto.

Con riluttanza la lasciai andare e presi il telefono, che dovevo appoggiare sul lavandino. L'ho sbloccato e ho caricato il video.

"Vieni qui!" Ho detto.

Si avvicinò e si fermò accanto a me. Ho riprodotto il video. Mostrava lei e alcuni altri dei suoi famosi amici, McKenna, Abby e Maia, mentre usavano il telefono in mezzo al corridoio.

"Questa è stata scattata con una telecamera scolastica proprio ieri, alle 11:45 per l'esattezza." Ho detto.

"Aspetta! Non trasformerai questa cosa nella scuola, vero?" disse Sofia. Sembrava in preda al panico. Penso che abbia capito in che tipo di situazione si trovava. Il suo telefono era la sua vita e alla fine ho deciso se poteva tenerlo.

"Non credo." dissi compiaciuta.

"Che razza di risposta è questa?" Ha esclamato.

"Non darò il video alla scuola a determinate condizioni." Ho detto.

"Quali condizioni? Per favore, nominale! Non posso sopportare che mi venga portato via il telefono per sempre!" Lei disse.

"Uno, non dire a nessuno quello che è successo qui oggi. Due, lasciarmi scopare. Tre, non dire a nessuno di noi che scopiamo." Ho detto.

"Cosa! Vuoi che ti scopi? Diavolo, no!" Lei disse.

Sophia corse verso la porta. Me lo aspettavo. Le ho fatto lo sgambetto. Difficile. Uno dei suoi tacchi alti mentre volava attraverso la stanza mentre cadeva a terra. Anche il suo vestito scivolò via da lei al punto che se si fosse alzata completamente sarebbe caduto, e avrebbe dovuto impiegare diversi secondi per aggiustarlo. La seconda non l'aveva. Anche il suo telefono è caduto dalla tasca del vestito, cosa che non sapevo nemmeno fosse una cosa, ed è scivolato sul pavimento a diversi metri di distanza.

"Se non rispetti le mie condizioni, consegnerò il nastro alla scuola. Non solo perderai il tuo telefono, ma anche i tuoi amici perderanno il loro. Potresti convivere con questo? È colpa tua se non solo tu hai perso il telefono, ma anche i tuoi amici?" Ho detto. Sapevo di averla adesso.

"Ugh. Come faccio a sapere che la scuola non ha già la cassetta? Dopotutto era la loro macchina fotografica!" disse Sophia, ancora a terra.

"L'ho cancellato. Devi solo fidarti di me, o la scuola potrebbe averlo o lo avrà, scegli tu." Ho detto.

Si sedette lì per terra. Valutare le sue opzioni. Perdo il telefono o mi scopo questo ragazzo?

"Va bene. Accetto le tue condizioni. Quando e dove ci incontriamo?" Lei chiese.

"Venerdì sera a casa tua. Fallo funzionare. Dammi un orario giovedì." Ho detto. Tutti, me compreso, sapevano dove viveva. Non lo tiene esattamente segreto.

"Ottimo." Lei annuì. E detto questo si alzò. Il suo vestito le cadde fino alle caviglie. Poi mi voltò le spalle, arrossendo, mentre si rivestiva. Ovviamente anche lei non indossava mutandine. Tuttavia, prima che potesse iniziare a vestirsi, ho scattato una foto del suo corpo nudo.

Una volta finita di vestirsi, ha preso il cellulare, lo ha messo dovunque fosse quella tasca, e proprio quando stava per uscire si è girata verso di me.

"Come ti chiami? Non credo che ci siamo, beh, incontrati come si deve." Disse ed arrossì di nuovo.

"Ian." Ho detto.

"Ci vediamo dopo, Ian." disse Sophia con una voce un po' sexy. Poi si voltò e se ne andò.

Giovedì, dopo la scuola:

"23:30" disse alla fine. Eravamo nel corridoio e ci dirigevamo verso la lezione d'arte.

"Così tardi?" Ho detto, quasi piagnucolando,

"Beh, se veniamo scoperti, è una perdita per entrambi, eh?" disse Sophia, e strizzò l'occhio. Poi si scostò i capelli ed entrò in classe.

Venerdì sera:

Ho deciso di andare a casa sua, era a circa 15 miglia di distanza, non volevo chiedere a mia madre di accompagnarmi, non volevo che si insospettisse. Sai quanto è stato divertente camminare per 15 miglia nell'oscurità?

Comunque, sono arrivato alla sua proprietà. La nostra città era praticamente nel mezzo del nulla, quindi possedevamo tutti delle fattorie. Ha una bellissima villa alla quale conduce un sentiero che, giuro, è lungo quanto la passeggiata qui. Ettari e acri di terra lo circondavano, alcuni terreni agricoli, altri solo campi aperti. Stava aspettando all'inizio del sentiero, a pochi passi da me, al telefono come al solito. Ho notato che c'era una leggera brezza. I suoi capelli erano al vento e indossava solo un reggiseno sportivo e delle mutandine. Fuori faceva anche un bel po' freddo, ma lei non tremava. Lei alzò lo sguardo, mi vide e sorrise.

"Hai deciso di camminare?" chiese.

"Non potevo rischiare che i miei genitori scoprissero qualcosa." Ho risposto.

"Coraggioso da parte tua. Queste strade sono pericolose." Lei ha completato.

Ho sorriso. "Vestito bello."

"Entriamo dentro così posso togliermelo!" Sophia rispose, ricambiò il sorriso e cominciò a condurmi verso casa sua.

"Dobbiamo essere realistici." Lei disse. "I miei genitori stanno dormendo. Tuttavia, una volta arrivati ​​nel seminterrato potremo fare rumore quanto vogliamo."

Quindi mi ha guidato per casa sua, proprio come un topo. Alla fine ci siamo imbattuti in una porta opportunamente etichettata come "Seminterrato".

"Dopo di te." Disse, usando la mano per indicarmi.

Sono entrato, c'erano dodici gradini verso il basso. Ho iniziato a scendere e ho sentito la porta chiudersi dietro di me. Sophia era lì, anche lei scendeva le scale.

Ho raggiunto il fondo. C'erano candele che illuminavano la stanza ovunque, un pavimento di legno duro marrone. Un letto singolo queen size al centro. Questo posto è stato progettato per sembrare antiquato e mozzafiato, e ha inchiodato entrambe le categorie.

"Domanda veloce." dissi rivolgendomi a lei. "Sembri così emozionato, cosa ti ha fatto cambiare idea?"

"Voglio che tu abbia la migliore esperienza. L'ultima cosa che voglio è che tu sia insoddisfatto." Lei rispose. "Adesso sali su quel letto."

Ho obbedito, mi sono avvicinato al letto e mi sono seduto al centro. Era così morbido che mi sentivo come se potessi affondarci dentro e dormire per sempre. Sophia si avvicinò e si avvicinò a me. Poi si è tolta il reggiseno. Ho visto che anche le sue mutandine erano già tolte. Le sue tette erano perfettamente rotonde e i capezzoli erano già duri.

"Oh." Ho detto, non so cos'altro dire.

"Ti piace ciò che vedi?" chiese, sorridendo.

"Sì. Lo so. Posso vedere anche quel tuo culo?" Ho chiesto.

Si è girata a quattro zampe, mostrandomi il suo culo massiccio ma perfettamente rotondo.

"Adesso spogliati." Lei disse.

Senza esitazione, mi tolsi la maglietta e la gettai di lato. Poi mi sono tolto i calzini e li ho gettati dietro la maglietta. Poi mi sono tolta i pantaloni e la biancheria intima tutta in una volta e ho buttato giù dal letto anche quella. Ora ero completamente nudo di fronte a Sophie, la ragazza più sexy della mia scuola.

Si è arrampicata sopra di me e ha iniziato a baciarmi alla francese. L'ho baciata di rimando. La sua bocca era calda e morbida. Poi mi ha abbracciato e mi ha spinto giù. Lei cadde su di me, trattenendo ancora il bacio, e poi lo lasciò andare. Ci siamo fissati per un breve momento, poi abbiamo capito completamente. Ci siamo abbracciati e ci siamo baciati. I suoi capelli mi coprivano la testa. Tutto quello a cui potevo pensare era lei. Ero davvero felice. Anche il mio cazzo era così. Era duro come la roccia e ben 6,5 pollici. Poi mi lasciò andare e cercò qualcosa che non potevo vedere. Era una scatola di preservativi.

"Non li useremo." Ho detto.

Per un momento sembrò preoccupata, ma poi posò la scatola e mi baciò di nuovo. La prossima cosa che ho capito, ho sentito qualcosa di estremamente umido e morbido che si sfregava contro il mio cazzo. Ho guardato in basso, era la sua figa. Ha continuato a strofinarlo contro il mio cazzo per altri 5 minuti, facendomi capire che era pronta a prendermi dentro di sé.

"Sono pronto." Disse alla fine.

"Anche io." Ho detto,

Detto questo, interruppe lo sfregamento e si mise in posizione seduta. Poi ha spinto giù il mio cazzo. Restammo entrambi senza fiato. È stato incredibile. Ero dentro una donna per la prima volta. Sofia infatti. Poi ha cominciato a cavalcarmi, non so come abbia fatto ad accogliere così bene il mio malessere, visto che era la seconda volta. Beh, speriamo che lo sia stato,

Rimbalza su e giù sulla mia virilità, ansimando e gemendo insieme. Le sue tette rimbalzavano con lei e le ho afferrate velocemente e forte, questo l'ha fatta gemere così forte che ho pensato che avrebbe potuto svegliare i suoi genitori. Ha continuato a cavalcarmi per diversi lunghi minuti, ogni rimbalzo dava piacere al mio cazzo oltre ogni immaginazione. Poi, Sophia ha avuto un orgasmo. La sua figa sembrava pulsare, aumentava rapidamente la pressione e la rilasciava più volte, questa volta gemeva ancora più forte e i succhi della sua figa spruzzavano ovunque. Sono quasi venuto io stesso. Dentro di lei proprio lì e in quel momento. Ma ho resistito, desiderando che durasse il più a lungo possibile. Lei, quasi abbassata a metà, era crollata da me e sul letto. Rimaniamo così, senza parole, senza fiato, per ben 2 minuti.

"È stato fantastico! Qual è il prossimo passo?" Ha chiesto con impazienza.

"Voglio incularti!" Ho detto.

Sophia si alzò e prese una bottiglia di lubrificante. Me ne ha spalmato un po' su tutto il cazzo e si è caricato sul culo. Poi si è messa a quattro zampe, con me in ginocchio dietro di lei, il suo culo a pochi centimetri sotto il mio cazzo.

"Per favore, fai attenzione! Non l'ho mai fatto prima!" Lei disse.

Ho spinto lentamente il mio cazzo dentro di lei. Il suo culo era molto più stretto della sua figa, ma non così bagnato. Dopo un minuto ho avuto tutta la mia virilità dentro di lei. Rimasi seduto lì per un minuto lasciando che si abituasse al mio cazzo. Poi ho iniziato a spingermi dentro di lei. Duro e veloce. Ho visto il mio cazzo entrare sempre più in profondità nel culo enorme di Sophia, per poi uscire di nuovo, ancora e ancora. L'ho guardata. Stava facendo una smorfia, ovviamente provava un po' di dolore ma non si lasciava prendere.

Le ci è voluto un po' più di tempo per raggiungere l'orgasmo. Ero grato che lo facesse perché stavo iniziando a sforzarmi. Sapevo che non avrei potuto trattenere il mio seme ancora a lungo. In qualche modo gemette ancora più forte dell'ultima volta, e praticamente svenne quando mi tirai fuori da lei. Questa volta rimaniamo sdraiati lì per ben 5 minuti, senza fiato.

"Facciamo un'altra posizione." Ho detto.

"Oh mio Dio... okay," rispose infine.

Mi alzai e scesi dal letto. Ho praticamente trascinato Sophia fino ai piedi del letto. Mi sono messo sopra di lei e ho posizionato le sue gambe sulle mie spalle. Avremmo scopato come un missionario.

Ho posizionato ancora una volta il mio cazzo all'ingresso della sua figa. Ho spinto dentro di lei. Tutto in una volta. Sophia gemette forte. I suoi occhi quasi si rovesciarono dietro la testa mentre spingevo dentro e fuori dal suo buco. In qualche modo era ancora più bagnata di prima, presto avrei raggiunto l'orgasmo. Se non fossi attento, le verrei dentro. Poi ho avuto un'idea.

"Sofia!" Ho detto.

"Uh... Uh... sì?" Lei disse.

"Quali sono gli indirizzi dei tuoi amici popolari?" Ho detto.

"Uh... dimmi... oh mio Dio... di nuovo?" Lei disse. Si stava avvicinando all'orgasmo. Sapevo che questa volta non sarei riuscito a ritirarmi in tempo se non l'avessi fatto adesso. Non avevo intenzione di farlo.

"Dammi subito gli indirizzi dei tuoi amici o ti entro subito dentro!" Ho urlato.

"Uh... No... Per favore... Non farlo! Gli indirizzi... Sono su quel... Tavolo..." Urlò quell'ultima parola mentre raggiungeva l'orgasmo. La sua figa si è stretta al mio cazzo, praticamente implorandomi di venire. E così ho fatto. Ho riempito il grembo di Sofia con il mio seme. Ho avuto il più grande orgasmo della mia vita. Le ho spruzzato così tanto seme dentro che giuro di averle riempito tutta la figa. Poi un si tirò fuori da lei e si schiantò sul letto accanto a lei.

"Oh cazzo, mi hai riempito con il tuo..." disse. Non ha mai finito la frase. È svenuta.

Dopo circa 10 minuti mi sono alzato il culo e in effetti c'erano degli indirizzi su un foglio sul tavolo. Ciascuno etichettato con l'amico corrispondente. Ero pronto per la vita. Ora conoscevo l'ubicazione di tutte le ragazze popolari. Potrei ricattarli tutti catturandoli con i loro telefoni durante la scuola. Posso scoparmeli tutti e li scoperò fino all'ultimo.

Presi i pantaloni e la biancheria intima e li indossai, infilando il foglio nella tasca destra.

Mi sono messo la maglietta. Mi sono diretto verso le scale. Ho rubato un'ultima occhiata a Sophia. Il suo caldo corpo nudo sdraiato sul letto, la sua figa traboccante del mio sperma, le sue gambe rilassate lungo i fianchi, i suoi capelli biondi che le circondavano il viso. E lei stava ancora dormendo. Ho scattato una foto.

Sono uscito da casa sua. Lunedì cancellerò quel video dal mio telefono. Ma lo avrò comunque salvato sul mio computer. Non sono più vergine.

Storie simili

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

610 I più visti

Likes 0

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

1.4K I più visti

Likes 0

Il compagno di un demone Parte 1: Il mio inizio

NOTA: NON c'è sesso in QUESTA PARTE della storia. Prometto che nei capitoli a venire ci sarà un sacco di sesso caldo e lussurioso. Questa è solo l'introduzione. Ero semplicemente seduto sul divano, a guardare un documentario su The Dark Ages. Era interessante. Quindi vedi praticamente il mondo intero andare all'inferno. All'improvviso, il mio telefono stava facendo rumore. Era il mio ragazzo. Beh, era una specie di mio ragazzo. Non ci eravamo mai incontrati nella vita reale. Ci siamo conosciuti tramite un sito web di amici di penna. E da allora avevamo sviluppato una vera relazione. Ha vissuto in Gran Bretagna...

1.5K I più visti

Likes 0

Il lottatore parte 1

Il lottatore prima parte Questa storia parla di un ragazzo timido e di un amico di famiglia che lo ha aiutato a superare le sue ferite e la sua timidezza per raggiungere la vetta. È un po' una lunga storia. Mi sono lasciato trasportare questa volta. Anche in questo caso sto usando una buona dose di correttore ortografico sicuro per la mia dislessia, ma consigli e commenti sono molto graditi. Fatemi sapere se siete arrivati ​​alla fine ragazzi per favore. The Silent Assassin era il suo ring name e non era un caso vero nome Adam, era un prodotto dello sviluppo...

1.2K I più visti

Likes 0

Il sostituto di mamma

Solo nei miei sogni potevo concepire ciò che sta accadendo. Devo stare sognando, questo non può essere reale, vero? Mi sveglio dal sogno di fare sesso con mia moglie. Un sogno che ora realizzo, perché mia moglie era morta due anni fa. Il sogno è di mia moglie più giovane di vent'anni, ma io ho l'età che ho adesso. Sono ancora intontito dal sonno, ma il sogno sembra continuare nella mia mente, poiché provo un intenso piacere all'inguine. Faccio scorrere la mano sotto le coperte volendo accarezzare il mio cazzo. Aspetta, il mio cazzo è duro e qualcosa si sta muovendo...

927 I più visti

Likes 1

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

625 I più visti

Likes 0

Non ho scelta

Non ho scelta Di EFon (Questa è una lunga storia e ha qualche costruzione, ma credo che ne valga la pena per impostare davvero la trama.) Cosa farò adesso? Sono bloccato in una situazione senza vittorie e lo stress mi sta uccidendo. Non ho mai voluto una vita complicata, ma ho un tempo che mi piaccia o no. La cosa strana è che mentre so che è sbagliato, non posso fare a meno di amarlo comunque. Ora ho passato dei momenti selvaggi al college, ma mentre ero ancora giovane, mi sono innamorato e ho sposato la mia fidanzata del college Rachel...

1.5K I più visti

Likes 0

Jake, Robby e una sorpresa

Scriverò di più se ti piace. Inviami un'e-mail con commenti/suggerimenti: [email protected] Jake Greenman è seduto nella sua lezione di teoria musicale, annoiato a morte e giocherellando con una chitarra per cercare di compensare l'ansiosa diffusione di giovani ormoni in tutto il suo corpo tonico e caldo. I suoi capelli castani, lisci e magri nella carnagione, gli sfiorano leggermente la fronte e ricadono sul cuoio capelluto, e deve voltarli indietro periodicamente. Il suo modo di suonare la chitarra è un po' sporadico, le sue dita lisce e bianche accarezzano la tastiera e scivolano altezzosamente su e giù per la chitarra sub-par. È...

1.7K I più visti

Likes 0

Cassie e sua madre_(1)

Jo-27 anni Tracie-30 anni Cassie-9 anni Tutto è iniziato il giorno in cui ho incontrato Tracie. Tracie ha lavorato presso la banca locale dove ho fatto tutte le mie operazioni bancarie. Bene, Tracie e io abbiamo iniziato a parlare e in poco tempo abbiamo iniziato a frequentarci. Dopo alcuni mesi Tracie e sua figlia, Cassie, si sono trasferite da me. Tutto stava andando alla perfezione, la vita non poteva andare meglio, avevo una sorpresa. Era l'estate del 98 e Tracey dovette portare suo padre in ospedale. Cassie è rimasta con me, il che non era insolito che ci fossero state molte...

1.6K I più visti

Likes 0

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.