La data del matrimonio di Jennifer

721Report
La data del matrimonio di Jennifer

Non era proprio dell'umore giusto per un matrimonio. Ma Katie era sua amica dai tempi del college, quindi Jennifer sentiva di doversene andare. Inoltre Joe era un bravo ragazzo. Quindi ha frugato nel suo armadio per trovare il vestito giusto. Di recente aveva perso una trentina di chili, quindi era un po' eccitata all'idea di provare uno dei suoi vestiti sexy più vecchi. Ha trovato quello giusto. Era lucido e nero. Non troppo corto ma nemmeno molto lungo. Non molta scollatura ma abbastanza per ottenere una seconda occhiata. Niente calze di nylon, dopotutto era estate. E le sue gambe lisce sembravano molto sexy ultimamente. Una sciarpa rossa e i suoi tacchi rossi aperti con il cinturino. Oh sì, era pronta. Mentre lo stendeva sul letto ebbe un pensiero. Forse sarebbe diventata un po' più conservatrice in chiesa. Pantaloni neri e camicetta rosso chiaro con le stesse scarpe, sì, buona idea.

La cerimonia era appena iniziata e Katie era bellissima. I fazzoletti sono usciti velocemente. Jennifer si stava tamponando gli occhi umidi. All'improvviso: "Scusami, perdonami". Dio, odiava i ritardatari e sentivano sempre il bisogno di sedersi accanto a lei. Si voltò e mentre lui scivolava oltre la vecchia signora per poco non cadde e la urtò. "Oh, mi dispiace profondamente." Venne la voce più profonda che avesse mai sentito. Si voltò e fissò gli occhi più pieni di sentimento e sexy che avesse mai visto, marrone scuro quasi nero. Che corrispondeva alla sua pelle nera molto scura e liscia. Era molto alto, testa rasata e sorriso caloroso. "Per favore perdonami, sono così goffo." Disse mentre si sedeva. Normalmente Jennifer non era attratta dagli uomini di colore, ma lui era stupendo. E aveva un profumo meraviglioso. Cercò di nascondere il suo sorriso ironico.
Più tardi quel pomeriggio, dopo essersi cambiata nel suo vestito sexy, Jennifer è arrivata alla cena del ricevimento. Era in una sala modesta, ma con un bell'allestimento. Ha notato dei piccoli segnaposto sui tavoli. Così cercò il suo nome e si sedette. C'era già una coppia di anziani seduti al tavolo e dopo che lei prese posto c'era una sedia in più. Si presentò mentre si sedeva. Si scopre che la coppia era amica dei genitori di Joe; il loro cognome era Edwards. Dato che c'erano solo quattro persone a un tavolo, si chiese con chi fosse in coppia stasera? Katie cercava sempre di metterla in contatto con qualcuno.
All'improvviso, mentre il cibo veniva servito e la maggior parte delle persone era arrivata, il signor Late pants dalla chiesa si presenta e guarda tranquillamente la carta accanto a lei. "Immagino che questo sia io." Disse mentre si presentava alla coppia Edwards. A quanto pare si chiamava Mark Stevens. Poi si rivolse a Jennifer e quel caldo sorriso della chiesa apparve sul suo viso. In realtà era molto bello. “Beh, ciao straniero. Nota che questa volta non ti sono caduto addosso. Devo stare meglio. È un vero piacere conoscerti, sono Mark, Mark Stevens.
“Beh, ciao, Mark Mark Stevens, piacere di conoscerti. Il mio nome è Jennifer." Disse sentendosi un po' diabolica. Ridacchiò mentre prendeva gentilmente la sua piccola mano nella sua mano molto grande, forte ma morbida e la baciava dolcemente.
"Piacere mio, Jennifer, un nome così bello." È arrivata la sua risposta diretta.
Con il passare della notte era quasi come se l'altra coppia non fosse nemmeno al tavolo. Lei e Mark parlavano all'infinito. Ha scoperto che oltre ad essere alto, forte, un grande ballerino, bellissimo e profumato di paradiso, era anche figlio unico e lavorava come architetto per una grande azienda. Gli raccontò un po' della sua vita, che considerava molto noiosa. Ma in realtà sembrava interessato al suo lavoro di lavorare con i bambini in età prescolare. Quando i tavoli si sono sparecchiati e le danze sono iniziate, anche le risate e le bevute sono iniziate. Jennifer si stava un po' rilassando e si stava divertendo un mondo con questo splendido uomo oscuro e adorabile.
Mentre ballava o non se ne accorgeva o non le importava, forse entrambe le cose. Che le mani di Mark stavano diventando sempre più familiari con i suoi fianchi e il suo fondoschiena. Stava toccando, strofinando ea volte anche stringendole il culo. In realtà le è piaciuto un po'. Ok, le è piaciuto molto. La stava rendendo piuttosto eccitante. Ogni volta che tornavano a sedersi per riposare, il che non era proprio perché gli piaceva davvero ballare, la sua mano atterrava più in alto sulla sua coscia. Anche a lei non importava.
Se Jennifer fosse stata attenta avrebbe notato che anche la sua mano era appoggiata sulla sua gamba. Dopo una serie di numeri particolarmente veloce ed energica, si sedette di nuovo, si sfilò la scarpa e si massaggiò i morbidi piedi scuri con pedicure. Amava queste scarpe ma erano solo per lo spettacolo. Non erano fatti per ballare tutta la notte. Mentre lo faceva, le presi la caviglia e le chiesi: "Ti dispiace?" Le mise il piede in grembo e cominciò a massaggiarle il piede; era molto bravo. Ha sorriso e ha confessato di avere un po' di feticismo per i piedi e di aver sempre trovato i piedi delle donne molto erotici. Non sapeva se era d'accordo con lui. Ai suoi piedi erano solo piedi, ma dannazione lui era bravo a strofinarseli. Ha finito con uno e lei gli ha offerto l'altro.
La notte è continuata un po' di presa qui un po' di compressione là. Una volta Jennifer stava persino strofinando il piede nudo lungo la gamba di Mark. Questo ovviamente lo stava eccitando alla grande. Amava l'idea che solo la sensazione del suo piede sulla sua pelle lo rendesse così eccitato. Allungò una mano e voleva sentire la sua coscia. Ma doveva aver sbagliato a giudicare la sua distanza, perché era un po' fuori posto. Quello che sentiva invece era il suo cazzo molto grosso e molto duro. Era da quello che poteva dire molto, lungo e spesso. Si tirò indietro rapidamente, ma non prima di aver sentito un brivido percorrerle il corpo. Wow pensò, si era sempre chiesta cosa la gente avrebbe detto degli uomini di colore. Ma non avevo mai pensato che sarebbe successo qualcosa del genere.
Mark sorrise e le prese la mano molto gentilmente e la rimise sul suo cazzo. Fece scivolare la mano su e giù per il pozzo. Questo la stava rendendo così eccitante. Il suo cazzo era molto spesso ed estremamente duro. Jennifer era così persa in quello che stava provando che se ne rese conto a malapena finché non fu troppo tardi. La sua mano era sul suo vestito e le sue dita le stavano accarezzando la figa bagnata. Jennifer indossava raramente biancheria intima. E qualsiasi mutandina con questo vestito ha rotto la linea del materiale, quindi non l'ha mai fatto con questo vestito. L'idea di niente mutande sembrava eccitare ancora di più Mark. Fece scivolare un dito nel suo buco bagnato e lei emise un rantolo. Lo fece scivolare dentro e fuori un paio di volte facendola appoggiare allo schienale del sedile e inclinare la testa all'indietro. Quest'uomo di sicuro sapeva come lavorare una fica bagnata che si sentiva così bene.
Lei lo accarezzò e lui la toccò per un po'. Poi si chinò e le sussurrò all'orecchio: "Che ne dici di uscire di qui e andare in un posto più comodo?" Mentre lo faceva, le baciò dolcemente il collo e le mordicchiò il lobo dell'orecchio. Lei disse di sì e poi si sorprese a baciarlo forte sulle labbra.
"Fammi solo prendere il mio maglione e ci vediamo davanti." Disse, ma aspettò qualche secondo prima di togliere la sua mano dalla sua figa gocciolante. Dopo qualche altro istante lei gli prese il polso e disse che ci vediamo davanti. Era così eccitata per quest'uomo in questo momento. Si alzò e mentre lo faceva si sentì un po' stordita e dovette tenersi in equilibrio contro lo schienale della sedia. Fu allora che notò che al ballo erano rimaste solo poche persone. Controllò l'orologio. Erano le dodici e un quarto. Ricordava di aver visto Joe e Katie fuori. Ma era davvero passato tanto tempo?
Jennifer andò al guardaroba. La ragazza del guardaroba era già tornata a casa. Quindi ha dovuto passare attraverso le piccole porte oscillanti tipo saloon per entrare nella stanza. Vide i pochi cappotti rimasti sopra un grande tavolo. Si avvicinò e stava cercando il suo maglioncino rosso che aveva portato con sé. Proprio mentre lo trovava e stava per prenderlo, una grande mano le coprì la bocca e un'altra le afferrò il seno. Capì in un istante dalla colonia e dal profumo della sua figa bagnata sulle sue dita che era Mark. Le tirò indietro la testa contro il suo ampio petto e le sussurrò all'orecchio con voce molto profonda: "Non vedevo l'ora!"
Le strinse forte il seno ma non troppo. La rendeva solo umida e desiderava di più. Mentre cercava di raddrizzarsi, sfiorò il suo accovacciarsi. Poteva dire che non solo il suo cazzo era ancora più duro di quanto non fosse prima, ma era anche uscito dai suoi pantaloni. Allungò una mano e iniziò ad accarezzarlo con forza. Il suo cazzo era meraviglioso nella sua mano. Le tolse la mano dalla bocca sapendo che non avrebbe urlato e causato scompiglio tra i pochi ospiti ubriachi rimasti. La spinse in avanti in modo che fosse sdraiata a faccia in giù sul tavolo. Poi le sollevò la gonna rivelando la sua figa fradicia. Oh mio Dio, pensava che mi avrebbe fottuto. Non ho mai nemmeno considerato l'idea di stare con un uomo di colore. Una volta Jennifer era uscita con un uomo dall'Inghilterra ed era interrazziale come non aveva mai avuto.
Mentre pensava, fece scivolare quel grosso cazzo nero scuro nella sua figa in attesa e volenterosa. Emise un forte gemito; la sua mano tornò indietro e attutì il suono prima che uscisse dalla piccola stanza. Continuava a spingere più forte e più a fondo. Questo era senza dubbio il cazzo più grosso che avesse mai avuto. Ma la sua figa stretta era così bagnata che l'ha presa volentieri. "SÌ." mormorò attraverso la sua grande mano forte. "SÌ!" Continuò a spingere con l'altra mano le aveva liberato i seni dalla parte superiore del suo vestito e le stava pizzicando i capezzoli scuri e rotondi, lei lo adorava. “Fanculo la mia piccola figa. Scopami fino in fondo. ordinò Jennifer. Marco obbedì. Le sue spinte stavano diventando sempre più dure e profonde. Poteva sentire il suo cazzo così in profondità che era meraviglioso.
Mentre spingeva di più si chinò su di lei in modo che la sua bocca fosse al suo orecchio. “Sei una donna così fottutamente sexy. La tua figa è così bagnata e stretta. Lui le ha detto. “Adoro quanto del mio cazzo stai prendendo. Adoro quanto sei bravo a scopare. Disse tra un respiro e l'altro. Spostò la mano libera sul suo clitoride gonfio e lo strofinò finché non fu completamente persa nell'estasi.
“Sì, sbatti quella piccola figa. Fanculo duro! Adoro il tuo grosso cazzo nero! Ha detto che entrambi non si preoccupavano di chi se qualcuno avesse sentito. Continuò a spingere e strofinare la sua clitoride mentre lei sentiva il fiotto di un orgasmo colpirla. Lei si lasciò andare e sentì che inzuppava il suo grosso cazzo palpitante mentre lui continuava a spingerla con forza e fermezza. Ha gridato: “Sto venendo! Sto venendo su tutto il tuo fottuto enorme cazzo!
"Fallo!" Lui ha risposto. "Inzuppami tutti i tuoi succhi mentre ti scopo."
Lei ha fatto così. Sentì il suo cazzo bagnarsi con il suo succo di figa. E l'umidità aggiunta la rendeva sempre più calda. Continuava a spingersi contro di lui. Dicendo più e più volte: "Sto venendo così forte!"
"SÌ!" Egli gridò. “Sei proprio un gran stronzo. Adoro la tua dolce piccola fica stretta! Prendi tutto il mio cazzo! Mentre gridava questo, lei sentì il suo denso carico di sperma riempirle anche la figa. Mentre veniva e gridava, seppellì la faccia nella parte posteriore del suo collo. Entrambi gemettero di piacere ed erano senza fiato. Quando all'improvviso sentirono delle voci. Balzarono in piedi e si raddrizzarono proprio mentre un altro gruppo di persone ubriache e ridenti entrava nella stanza. Mark e Jennifer sono usciti dalla stanza. Mentre lei aspettava alla porta, lui prese la macchina e si fermò sul marciapiede. "Ciao bella ti serve un passaggio?" Ha detto che amava l'ironia di quella dichiarazione che ha fatto.

Storie simili

Salvataggio di Daisy

John era un imprenditore sui trent'anni; costruzione generale, sposato giovane e divorziato entro un paio d'anni. Ora era uno scapolo felice e se la cavava bene da solo abbattendo ben 6 cifre, vivendo in una delle sue case specifiche e facendo ciò che aveva sempre desiderato. Non usciva molto perché tutto ciò che significava per lui era un'altra seccatura come prima e aveva abbastanza seccature da durargli una vita. Si era guadagnato una certa reputazione in giro per la città per essere un costruttore dannatamente bravo ed era ben meritato. Aveva sempre avuto questo talento per sapere cosa sembra buono e...

1.3K I più visti

Likes 0

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta in fuga dai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve la afferrò per le braccia e sul suo viso si spostò un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane a soli 23 anni, ancora un bambino da elfi, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stato risparmiato a causa della mia bellezza naturale e venduto come schiavo anni dopo sono finito nel mezzo dove un ricco uomo della tribù dell'Orintash...

1.6K I più visti

Likes 0

Quando non si proietta ombra

Quando un uomo che non proietta ombra è di questo mondo ed etereo. Attento all'amore fatale che porta perché è la tua anima che viene a rubare Nessuno camminerà davanti a lui né calcherà le sue orme. Perché dimora tra i vivi, ……… così come tra i morti. -Michael Fletcher Il Prologo. Torbridge, Devon. 1973 . Quando Elaine Hamilton trova un neonato abbandonato sulla soglia della chiesa tre giorni dopo il funerale di suo padre, il reverendo David Hamilton, lo vede come un segno di Dio. Avvolto solo in una coperta sottile e nudo come vuole la natura, il bambino era...

713 I più visti

Likes 0

Storia secondaria del patto del diavolo: Alison e Desiree si sposano

Il patto del diavolo da miopenname3000 a cura del Maestro Ken Diritto d'autore 2014 Side Story Il patto del diavolo: Alison e Desiree si sposano Nota: questo avviene tra i capitoli 32 e 33. Venerdì 12 luglio 2013 – Alison Hertz – Il matrimonio Il giorno del mio matrimonio con la mia bellezza latina, Desiree, era finalmente arrivato. Dopo oggi, sarei Alison de la Fuente. Dopo aver annullato il suo matrimonio con Brandon, Desiree è tornata al suo nome da nubile. Era un nome molto più carino di Fitzsimmons. Desiree e io abbiamo passato diverse notti a letto a parlare del...

1.1K I più visti

Likes 0

Una serata fuori - Parte 4

Parte 4 Usciamo dal club e risaliamo il vicolo fino alla strada principale. Fermo un taxi nero di passaggio e saliamo sul sedile. Do all'autista il nome di una strada che non conoscete e partiamo. Mi lanci uno sguardo interrogativo, ma io sorrido in cambio, la mia mano si posa sul tuo ginocchio, poi scivola dolcemente su e giù per la tua coscia, ogni colpo si avventura un po' più in alto. Decidi di rilassarti sul sedile e goderti il ​​viaggio. La miscela del vino che hai bevuto e il leggero accarezzamento della tua coscia ti fanno sentire rilassato. Sei riportato...

768 I più visti

Likes 0

Regina Yavara: Capitolo 8

Capitolo otto YAVARA Avevo visto Elena nuda centinaia di volte. Durante la nostra prima adolescenza ero stato terribilmente invidioso della forma della sua donna, e spesso l'ho ammirato. Ricordo come arrossiva quando mi sorprendeva a fissarla, ma non ha mai tentato di nascondersi. Sapevo perché allora, ma non ho mai detto niente. L'omosessualità era disonorata nella società delle Highland, e io temevo per lei. A dire il vero, avevo un po' di paura per me, perché anche all'età di tredici anni, avevo sentito uno strano formicolio quando avevo contemplato la perfezione che era Elena Straltaira. Ora ero cresciuto in un corpo...

767 I più visti

Likes 0

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

696 I più visti

Likes 0

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

691 I più visti

Likes 0

La fantasia del cavallo di Tanya

Io e la mia ragazza siamo seriamente presi da alcune fantasie tabù! Fantasie che purtroppo al momento rimangono tali ma che presto diventeranno realtà! Io ho 29 anni, lei 26! Ha una taglia 6-8 ed è assolutamente stupenda! Il giorno in cui l'ho incontrata sono davvero caduto in piedi! Per diversi anni ho fantasticato su ragazze con animali ma non avrei mai pensato di incontrare qualcuno che provasse la stessa cosa! Quando ci siamo incontrati per la prima volta abbiamo entrambi testato il terreno come fai tu e ci sono voluti quasi 8 mesi per affrontare effettivamente l'argomento del porno animale!...

412 I più visti

Likes 0

Il medaglione - Capitolo 7

Lunedì sera - Parte 1 Jack Winters era seduto in macchina fuori dalla casa di sua sorella. Non era ancora tornata dal lavoro, ma lui sapeva che Emily e le altre due ragazze erano già lì. Tirò fuori il medaglione da sotto la camicia e gli diede una buona occhiata, pensando a ciò che David gli aveva detto prima. Non so se mi stai davvero cambiando, ma se lo sei, ho bisogno che tu non mi incastri la testa stasera, disse alla pietra di giada. Con un sospiro, aprì la porta e si diresse verso casa. Emily aprì la porta quando...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.