Sì signore, farò quello che vuole Parte 3 che ho dovuto guardare

445Report
Sì signore, farò quello che vuole Parte 3 che ho dovuto guardare

Capitolo 4 ; La festa privata di Colin.
Ho inventato un milione di scuse con il mio ragazzo negli ultimi tre giorni, e dopo aver avuto paura che fosse in ospedale ho provato a chiamare per spiegare. Non ha risposto. Fanculo. Ho lasciato un messaggio di merda e mi sono precipitato verso l'ingresso inquietante del Trump International. Ho fatto in modo di non essere in ritardo per non volere un altro duro culo dal mio capo. Il mio culo era ancora dolorante. Ogni volta che ci pensavo la mia faccia arrossiva e sentivo caldo dappertutto.
Hotel ridicolo. Le camere erano come appartamenti lussuosi a partire da $ 500 a notte. Tutti sarebbero stati a questa festa. La maggior parte degli ospiti erano celebrità di serie A o CEO di tutti i tipi di ceti sociali. Dopo aver lasciato l'hotel di Colin la scorsa notte, mi sono diretto dritto al bar più vicino. Ho passato tutta la notte a cacciare donne sexy per questi "amici" partner d'affari Colin non voleva rimanere bloccato senza appuntamenti. Ho cercato le troie più eleganti possibili e avevo una buona lista di talenti per la presentazione. La maggior parte erano giovani professionisti che lavoravano in centro. Una ragazza mi ha persino fatto vedere le sue tette, ubriaca da morire, probabilmente pensando che fosse uno scherzo, sperando segretamente di essere filmata. Ragazzaccia. Perfetto per quello che volevo. Stava solo per divertirsi, mi sbatteva le tette in faccia chiedendomi di fare un tiro dal suo rack.
Colin mi ha incontrato nell'atrio. Era devastante nel suo abito blu argentato con accenti neri. Gli ho passato la lista e ho pensato di averlo beccato a dare un'occhiata alla mia camicetta. Mi ero vestito in modo particolarmente provocatorio oggi. Con lui c'era un ragazzo più alto e magro. Ho pensato che fosse un altro della razza di Colin, un giovane, troppo intelligente per i suoi ragazzi, ingegnere del software. L'ho sentito spogliarmi anche con gli occhi. Mi sono rivolto a Colin cercando di ignorarlo. Farei qualsiasi cosa per scopare Colin. Ho pensato brevemente a come Gene mi aveva filmato mentre lo scopavo, mi aveva umiliato di fronte a diversi professionisti d'élite e come ero stato costretto a scrivere nudo nel suo ufficio mentre lui giocava con il mio corpo. A parte il fatto che il mio ragazzo lo abbia scoperto, potevo solo immaginare come Gene avrebbe usato i nastri se non avessi obbedito ai suoi capricci. Non vedevo l'ora che il signor Lamar offrisse il mio corpicino caldo a Colin.
"Gina, ho bisogno che tu intrattenga mio fratello questo pomeriggio." Fece un cenno al ragazzo accanto a lui facendo rimbalzare le gambe mentre ci sedevamo nell'atrio del lussuoso Trump International. Sembrava ansioso. Era bello come suo fratello ma con il naso più lungo. Sembrava un ragazzo punk rock vestito con un abito troppo attillato per la sua figura magra. Non poteva avere più di 20 anni. I suoi lineamenti del viso erano ben sviluppati. Tirò una cravatta stretta. Sorrisi un po' apprezzando il disagio che doveva provare. Mi sorrideva ampiamente ogni volta che dovevo sporgermi dal tavolino da caffè per consegnare a Colin tutti i documenti necessari.
Alla fine sono diventato l'appuntamento di Steven per quella festa calda e mi sono sentito come una fottuta baby sitter. Ho dato da bere a Steven tutta la notte cercando di farlo svenire. All'improvviso mi sono ritrovato nella stanza d'albergo di Steven.
“Stai solo cercando di farmi ubriacare per approfittare di me” Barcollò un po' mentre si avvicinava al letto. “mmmmmm vieni ere’….lascia….cazzo…”
"Sì, non credo... e non voglio che tuo fratello sappia che sono qui così..." Fui interrotto da un suono nell'altra stanza adiacente. Mi sono precipitato a chiudere la porta adiacente, ma mentre l'ho fatto, non ho potuto fare a meno di sbirciare attraverso la fessura. Una bella bruna molto magra stava ridacchiando quando Colin la costrinse ad alzarsi contro la porta. Le stava baciando il collo e accarezzando il suo corpo mentre lei gemeva. Ero accaldato dalla gelosia. Volevo strappargli la puttana.
Le tolse il vestito. Ho guardato impotente mentre le leccava il petto baciando la parte superiore dei suoi seni sporgenti fino alla parte coperta del reggiseno delle sue tette. La sollevò contro la porta lasciando che la puttana gli avvolgesse le gambe attorno al collo. Lo vidi spingere di lato la sua biancheria intima rosa visibilmente bagnata e seppellire il viso tra le sue gambe. Lasciò che lui la sollevasse in alto contro la porta emettendo "oooohhhhs" ad ogni leccata. Potevo sentire la familiare sensazione di formicolio tra le mie cosce. La mia faccia divenne calda mentre premevo inconsciamente la parte inferiore del corpo contro la fessura della porta cercando di fare pressione sul mio clitoride. Colin guardò quella cagna per tutto il tempo in cui l'ha succhiata. Volevo così tanto essere me. Mi sono immaginato mentre cavalcavo la sua faccia mentre mi accarezzava la figa con i movimenti rigidi della sua lingua. Ho sentito le sue mani sui miei fianchi mentre mi cullava dolcemente nella sua bocca, avanti e indietro, indietro, permettendomi di spingermi forte contro la sua faccia.
Sollevò la bella ragazza dal muro, portandola in alto sulla sua spalla, poi facendola cadere su un letto gonfiabile. Rideva come una scolaretta. Scese di nuovo su di lei, questa volta usando le mani libere per iniziare a togliersi i vestiti.
“Sì piccola…..toglilo…” sussurrai accidentalmente.
"Cosa stai guardando?" Steven si sedette guardandomi intontito. Cazzo, ho pensato. Stava iniziando a stare bene.
"Uh... La stanza di tuo fratello è fantastica..." Non la stava comprando. Steven si alzò e si strofinò gli occhi. Non ho potuto fare a meno di notare l'erezione nei suoi pantaloni. Di cosa era entusiasta? Sapeva cosa stavo guardando? Si avvicinò alla fessura della porta che sbirciava attraverso la fessura prima che potessi bloccarlo. Sorrise quando vide cosa stavo guardando. Ormai quella piccola bruna, troia della porta accanto era davvero rumorosa. Potevo solo immaginare cosa le stesse facendo Colin adesso. Steven non mi ha permesso di guardare.
“OHHHhhhhhhh FUCK YA…………AWwwwwww…… FUCK COLIN……..YES FUCK ME……..OH FUCK ME COLIN……….OHHHHhhhhhhh SHIIIiiiiiiiiiTTTTT!”
All'improvviso Steven si voltò per non vedere la ragazza che strillava.
"Mettiti in ginocchio" mi ha ordinato come se fosse il mio capo. Sono quasi uscito, ma il signor Lamar mi aveva ordinato di fare qualsiasi cosa per intrattenere Steven o avrei "soffrito delle conseguenze". Scivolai a terra guardandolo rabbiosamente negli occhi pensando alla dura punizione che avrei ricevuto da Gene se non l'avessi fatto.
“A quattro zampe” ha scherzato. Ho allargato le mani per posizionarmi come un cane e ho posizionato la mia figura strettamente coperta rivolta lontano dalla fessura con le natiche leggermente sporgenti dal vestito corto rosso. L'ho guardato come per dire che questo stronzo è abbastanza bravo?
"Guarda attraverso la fessura, voglio che tu guardi" È stata la prima cosa interessante che mi ha detto tutta la notte. Ho guardato come Colin ha cominciato a spingere il suo corpo muscoloso e caldo contro la piccola troia calda sul letto. Le teneva le gambe ampiamente divaricate stringendo il suo sedere perfetto mentre si infilava profondamente nella sua figa visibilmente bagnata. Stava grugnindo, anche se era difficile sentire i rumori di quella cagna.
“Mmmmmm…..SI COLIN……NON FERMARSI…….MI SENTO COSÌ BENE……OH SHIIIIIIIITTTTT…….FUCK ME COLIN……..FUCK ME!!!!!! SÌ!!!!! OHHHHHHH DIO SÌ!!!”
Mentre la guardavo convulsioni diverse volte tremando per orgasmi molto rumorosi, ho sentito un paio di grandi mani scivolare sotto il mio vestito rosso aderente. Steven ha suonato con le mie corde perizoma. Ero così eccitato che non mi importava quando iniziò a tirare forte, tirandomi le mutandine bagnate. Con l'altra mano mi strofinava e mi carezzava il culo. Ho immaginato che fossero le mani di Colin mentre lo guardavo accarezzare la ragazza e giocare con le sue vivaci tette finte. La sua struttura era troppo piccola per un rack così grande. La sua bella bocca si apriva e piangeva mentre lui si arrampicava sul letto ancora dentro di lei.
“Ohhhhhhh FUCK ME!!!!! SÌssssss……..OH DIO COLIN……….Mmmmmmm……DAMMELO…….”
Steven scivolò giù per le mie mutande fino alle ginocchia piegate. Ha sollevato il mio vestito appena sopra il mio culo. Ho sentito le sue labbra cadere sulle mie da dietro. Mi ha sputato sul clitoride e ha strofinato il dito su e giù per la mia figa. Non ne aveva bisogno. La mia fessura era scivolosa, pronta per la sua puntura palpitante. Ho lasciato che le mie cosce si allargassero mentre lui mi strofinava, aspettando e avendo bisogno di lenire la lussuria per essere scopata.
"Sei così bagnato" sussurrò. Cazzo, Steven, stavo guardando il mio porno privato. La sua altra mano raggiunse la mia cerniera, tirandola delicatamente verso il basso per rivelare la mia carne nuda. Aprendo il mio reggiseno, ha rilasciato le mie tette in modo da poter giocare liberamente con i miei capezzoli.
"Ti fotterò il culo" Steven tranquillamente si disse mentre iniziava a godersi davvero il mio corpo, toccando i miei capezzoli gonfi e accarezzando la mia dolce piccola figa con la mano libera. Si mosse per mettere il dito indice nella mia bocca aperta mentre guardavo Colin costringere la troia sul suo letto a raggiungere un estenuante orgasmo dopo l'orgasmo. Lo succhiai generosamente, sentendo le mie guance stringersi attorno al suo dito. Ha provato a tirarlo fuori ma l'aspirazione lo ha tenuto intrappolato nella mia saliva. Ho assaggiato i miei deliziosi succhi sul dito che aveva usato per inserire nella mia figa.
"Oh, fottutamente così?" sussurrò Steven.
Ho sentito la puttana nell'altra stanza gridare “OH SHIT! …..Sì, non smettere, lo adoro….amo essere scopata dal tuo cazzo duro Colin….uhhhhhhh merda…….ohhhh cazzo gioca con le mie tette…..gioca con il mio…..uhhhhhh cazzo….. io…..ohhhhh merda”.
Il mio respiro iniziò a diventare rapido guardandola inarcare la schiena, spingendo contro Colin. Ho una vista fantastica del suo cazzo che viene ingoiato duramente dalla sua fica inzuppata. Ho sentito un rossore ardente sulle mie guance, rendendomi conto che Steven stava per violentarmi. Ho visto Colin girare il piccolo pezzo di culo caldo e iniziare a fare la sua pecorina, le sue grandi tette che oscillavano nell'aria. Si avvicinò per solleticarle i capezzoli. L'ho vista piagnucolare quando lui ha pizzicato e colpito i suoi cumuli di seni che stavano per colpirla in faccia a causa della velocità con cui Colin aveva iniziato a scoparla. "ooooohhhhhh sei così cattivo Colin... sì, fallo a me così... è sporco..." ridacchiò oscenamente la cagna.
Non mi rendevo conto di quanto fosse oscenamente esposto il mio corpo fino a quando il lungo cazzo molto forte di Steven pulsava dentro di me, accarezzandomi i muscoli e calmando delicatamente il desiderio ardente di cazzo che avevo. Ho strillato leggermente mentre spingevo indietro il suo grosso cazzo eretto. Avevo imparato a stringere e fare in modo che quei muscoli increspassero qualsiasi lunghezza del cazzo nella mia figa per dare piacere a un uomo e portarlo all'orgasmo. Ho sentito la sensazione di contrarsi completamente riempita quasi fino alla cervice dal suo pene, lasciando che quei muscoli facessero la loro magia. Mi sono guardato indietro per un secondo per vedere la pellicola bianca dei miei succhi che gli bagnavano il cazzo.
"Mmmmmmm vaffanculo..." dissi tranquillamente dondolandomi sul suo cazzo.
Ho continuato a guardare Colin mentre Steven faceva scivolare lentamente il suo cazzo enorme dentro e fuori dalla mia figa molto bagnata. Potevo sentire la mia figa sciatta tranne che per tutta la sua lunghezza mentre spingeva il più possibile verso l'interno, i miei succhi scorrevano dalla mia fica. La ragazza ora era in ginocchio a guardare Colin mentre succhiava il suo cazzo dall'aspetto delizioso. Ho sentito Colin dirle di succhiarlo e ingoiare tutto il suo sperma caldo. Mmmmm un compito piacevole, mi sentivo ardente, caldo di gelosia. Steven mi afferrò forte per i fianchi dimenandomi dentro mentre bramavo il cazzo di Colin leccandomi apertamente le labbra. Il mio respiro era irregolare ma il rumore nell'altra stanza mascherava i miei deboli gemiti.
“Ohhhhh FUCK YA…..” Mi voltai a guardare il cazzo di Steven che si tuffava dentro di me facendo rimbalzare il mio ma contro la sua asta. “MMmmmmmm Fottimi! Ya……FUCK……ME……STEVEN.”
Steven ha raggiunto il mio corpo con la mano destra e ha giocato con il mio clitoride. Ho iniziato a sentire i brividi scorrermi giù per la figa. Sono venuto proprio mentre Colin si è riversato sulla bocca di quella ragazza, in ginocchio, schiavo per diventare il suo piccolo e cattivo succhiacazzi. Sottomessa allargò la bocca lasciandolo sparare sulla sua lingua e sul suo viso, prima di ingoiare forte il suo carico caldo. Sorrise mentre si leccava le labbra e gli permise di pulirlo completamente. Mi sono sentito sparare su tutto il cazzo palpitante di Steven quando ha ricominciato a succhiargli il cazzo. Ho fatto il giro del cazzo di Steven, ruotando i miei fianchi nel suo inguine. Emettendo un abbastanza udibile "mmmmmmm yah… …..DAMMI QUEL CAZZO STEVEN……VORrei CHE FOSSE TUO FRATELLO MA DOVRAI LAVORARE DEL FUCKIN……..FUCK YA……OOOOOOOHhhhhhhhh DIO SÌ!!!! FUCK ME STEVEN” dissi spruzzando su tutto il suo cazzo, il mio corpo convulse mentre il liquido caldo scorreva su entrambi.
Ho guardato indietro attraverso la fessura. Ho guardato rimbalzare le tette vivace della bruna che succhiava Colin, mentre si muoveva su e giù per il suo albero e leccava sotto le sue palle. Lui emise dei grugniti mentre lei lo finiva.
Potevo sentire la mia fica stretta iniziare a spremere Steven fino all'estasi. Il suo cazzo è cresciuto così grande che ho sentito che era sull'orlo dell'esplosione. All'improvviso si è tirato fuori dalla mia figa fumante e mi ha afferrato per la mia coda di cavallo stretta, trascinandomi un po' sul tappeto. Nonostante le ustioni mi sono rapidamente ripreso rendendomi conto che era proprio come suo fratello. Ho sorriso mentre mi ha versato giz su tutta la lingua.
"Ohhhhh CAZZO SÌ!" Disse ad alta voce, speravo che non ci beccassimo, "Sei meglio della mia ragazza... OHHHhhhhhhh SHIiiiiiiiiiTTTTT... AWwwwwww YA!!!"
È fluito dalla mia bocca fino al mio collo. Ha spruzzato parecchio ed era disordinato sul posizionamento. Mi ha strofinato il cazzo sulla faccia come aveva fatto ieri il mio capo. Ho fatto scorrere la lingua su e giù per il suo albero ispirato dal succhiacazzi troia nell'altra stanza. Quando ha iniziato a tirarlo fuori dalla mia bocca, ho allungato una mano per afferrare il suo cazzo semiduro, spingendolo di nuovo dentro. Gli ho lasciato che mi toccasse la parte posteriore della gola, il suo grosso cazzo che mi massaggiava facilmente le tonsille. Mi ha leggermente soffocato, ma gli ho lasciato che si facesse strada nella mia bocca, spruzzando il suo sperma in profondità nella mia gola. Gemette forte. Con le mie mani libere ho pizzicato e strofinato le mie tette sentendo il suo sperma gocciolare su tutto il mio seno. Si inginocchiò e io continuai a bagnargli il cazzo, accarezzandogli il sacco con la mano sinistra. Si accasciò sul pavimento e mi afferrò la mano tirandomi sul suo corpo mentre cadeva. Rimasi con lui mentre si riprendeva, nervosa per la porta leggermente aperta tra le loro stanze. Ho sentito piccoli rumori dall'altra stanza fino a quando alla fine si è sentita un'altra porta chiudersi. Quella fottuta troia. Quanto avrei voluto essere lei.
************************************************** ***********************
Entrai nel suo ufficio la mattina dopo con un costoso vestito di maglia grigio che avevo comprato da Guess qualche giorno prima. Le mie gambe erano nude ed esposte come voleva il mio nuovo “padrone”. Stranamente le scale erano state chiuse a chiave oggi e Frank mi ha messo alle strette in un ascensore. Ne aveva completamente approfittato, facendo scivolare le sue dita sul retro del mio vestito. Ho cercato di non far notare a nessuno le sue mani vaganti giocando con i gemelli della mia camicetta bianca a balze che avevo sotto il vestito stretto e abbottonato. Mi ha accarezzato le chiappe. Il mio pavimento si è alzato proprio quando ha trovato la mia figa.
Gene era in riunione con i due fratelli. Mi lanciò uno sguardo di rabbia mentre mi intromettevo. Ho iniziato a ritirarmi.
"No, vieni qui Miss Martin." Non si mosse, fissandomi alla scrivania mentre camminavo mezza nuda durante il peggior inverno che avessi mai sofferto. "Ho saputo che ieri sera sei andato alla presentazione di Colin." Annuii ricordando la scena piena di vapore a cui avevo assistito.
"Ti è piaciuto?" Stava tramando qualcosa che potevo dire dai suoi modi di fare e dal sorriso sul viso di Colin. Ho cercato di non guardarlo ancora arrabbiato per la gelosia che ho provato per averlo visto scopare con qualcun altro la notte scorsa. Abbasso il mento per guardare il pavimento.
"Sì, signor Lamar." Ho mentito.
"Quanto?" Mi stava sicuramente mettendo alla prova. Ho visto Steven dare un'occhiata a Gene. Evidentemente amava farmi sembrare uno stupido. Non potevo rispondere. Ha lasciato che il silenzio peggiorasse facendomi sentire a disagio, ritardando il momento scioccante che mi aspettava. Poi ha rotto il silenzio per schiarirsi la voce e dirmi qualcosa che non ero pronto a sentire.
“Potresti non rendertene conto, signorina Martin, ma in questo stato è illegale scopare con un minore. Steven è solo un innocente 17 anni, e mi ha detto che l'hai fatto ubriacare parecchio ieri sera. La mia bocca si abbassò, non riuscivo a credere a quello che stava dicendo Gene. Quel che era peggio era pensare a come i tre avevano probabilmente pianificato l'intera faccenda per costringermi a un nuovo compito attraverso il ricatto. Ha continuato a vedere la mia sorpresa: "Ha anche condiviso con me che ti sei approfittato di lui. Sembra che mentre lo costringevi a guardare suo fratello che scopava con una ragazza, tu lo succhiassi e lo fottessi a secco. "Mi mordo forte il labbro, non sono sicuro di come spiegarlo.
"Che cosa hai da dire per te stesso?" Sembravano tutti in attesa, in attesa della mia risposta. Mi sono sentito agitato mentre balbettavo cercando di spiegare, soprattutto a Colin che volevo ancora disperatamente. Ho cercato di risolvere la triste situazione dicendo che non conoscevo la sua età, che mi aveva chiesto di portargli delle bevande alcoliche e qualunque altra cosa potessi fare per giustificare le bugie che gli erano state dette.
Gene si sedette sulla sua sedia alta di pelle lasciandomi andare in estasi. Dopo che ebbi finito con la mia debole spiegazione, declamando la mia innocenza nella situazione, sia lui che Colin scoppiarono, di tutto cuore, a ridere. Rabbrividii alla loro fredda reazione. In precedenza ero stata nei guai per essere una ragazza cattiva, ma mai niente di così grave. Mai niente, ILLEGALE!
"Perché sei una piccola troia cattiva" ribatté. "Beh, ovviamente dovrai essere punito per aver approfittato del mio cliente, ma a Steven è piaciuto, ne sono sicuro."
"Oh cazzo sì, l'ho fatto." Steven ammise volentieri. “Ha una bocca come un Hoover. La cagna era più bagnata della mia ragazza la maggior parte delle volte che l'ho scopata. Le è piaciuto” Mi sorrise di rimando, il figlio di puttana bugiardo. Volevo eliminarlo.
"Ora per la tua punizione" disse Gene. Ma non sembrerebbe una gran punizione. Avevo già scopato Steven, praticamente su richiesta del signor Lamar e avevo voluto Colin tanto. Se li avessi scopati tutti e tre lì sarebbe stato meglio di quando Gene mi aveva costretto a farmi sculacciare davanti alla fotocopiatrice da Frank e alcuni dei suoi amici prima che me ne andassi ieri.
"Va bene Colin, ci vediamo dopo" Con mia sorpresa Colin e suo fratello annuirono ridendo mentre lasciavano l'ufficio. L'aveva fatto apposta per lasciare che Colin mi vedesse arrossato dall'imbarazzo per averlo guardato la notte scorsa. Ho sentito un'ondata di tristezza e di degrado cadere su di me. Ho lasciato che una lacrima mi rigasse il viso.
Gene si avvicinò al punto in cui mi trovavo impotente. Mi ha preso senza precedenti tra le sue braccia con la sua mano forte accarezzandomi la schiena. Poi mi ha detto: "Sei una cattiva ragazza... sai che ottieni ciò che meriti". Mi staccò la faccia dal petto lasciandomi guardare con i miei occhi pieni di lacrime. "Si signore………. Me lo merito.» Stavo cominciando a sottomettermi completamente al suo governo. Mi sussurrava all'orecchio gli altri nomi che dovevo chiamarlo mentre mi ammoniva in privato; padrone, papà, signore, il signor Lamar sempre davanti ai miei colleghi. Mi ha dominato completamente e mi sono arreso.
Mi ha spogliato fino alle mie mutandine. Le mie tette stavano in piedi in modo prominente sfidando l'aria fredda nel suo ufficio mentre lui mi accarezzava le chiappe. Mi leccò il capezzolo sinistro, mordendomi di tanto in tanto lasciando piccoli segni di denti rossi sul mio seno. Ha succhiato la mia destra, coprendola generosamente di baci e leccate mentre accarezzava il mio corpo. Lo sentii tirare la mia faccia per ricevere un bacio profondo. Gemetti piano mentre lasciava che le sue grosse dita cadessero tra i miei capelli sciolti. Affondò la sua lingua nella mia bocca mentre io l'accettavo prontamente, confuso perché fossi diventato così eccitato dalla mia tristezza. Gli baciai il collo in segno di apprezzamento per la sua improvvisa tenerezza. Provavo un ardente desiderio che mi avesse di nuovo, preferibilmente sulla sua grande scrivania di mogano.
Mi baciò molte altre volte mentre faceva scivolare le mani sul mio stomaco e giocava con la macchia bagnata delle mie mutandine. Mi ha strofinato generosamente il clitoride. Mi sentivo come una ragazzina confusa che sapeva di meritare il rimprovero per aver fatto qualcosa di brutto. Che cosa avevo fatto se non ogni cosa sessualmente disgustosa a cui riusciva a pensare, chiedendomi di eseguirla perfettamente secondo i suoi standard? Mi ha spinto in ginocchio dove ho visto l'imponente tenda piantata nei suoi pantaloni. Mi era stato insegnato molto tempo fa come accontentare un cazzo arrapato e ho giocato con lui fuori dai pantaloni. Ho succhiato la sua testa attraverso il tessuto e ho sentito la lunghezza della sua asta premere saldamente le mie labbra ai suoi lati mentre diventava ancora più eretto. Ha creato attrito quando ho mosso la testa su e giù sul suo membro attraverso i vestiti, felice di stuzzicare il suo cazzo e guardarlo gonfiarsi più fuori. Gli slacciai la cintura e gliela sfilai velocemente dai pantaloni, porgendogliela. Mi alzai e mi chinai sulla scrivania nel caso avesse sentito che avevo bisogno di picchiare il mio culetto cattivo. Ho guardato indietro tra i miei capelli arruffati per vederlo fissare felicemente le mie guance in attesa di una buona punizione.
Mentre mi batteva leggermente il sedere, picchiettandomi sul sedere con la pelle della cintura, mi disse quale sarebbe stato il mio nuovo compito.
“C'è un uomo bastardo che volevo rovinare da molto tempo, e tu mi aiuterai a distruggerlo. In cambio ti permetterò di continuare a lavorare qui e di non consegnarti alla polizia per aver violentato Steven", volevo protestare contro l'accusa, ma continuai a lasciare che mi informasse della mia punizione, "In qualche modo, signorina Martin, dovrai seduci quest'uomo e fallo sembrare uno stupro. Non dovrebbe essere difficile per te, comunque sei sempre stata la mia piccola troia manipolatrice. Inoltre lo conosci. È il padre dei tuoi ragazzi” sussultai un po'. Mi sono guardato indietro dicendo: “Mr. Lamar…..uh……io…..per favore, posso fare tutto tranne quello….per favore non farlo…”
"Vieni qui soprattutto domani presto." Ribatté lui in risposta alla mia supplica. Ero impotente.

Storie simili

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

346 I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

473 I più visti

Likes 0

La prima notte in cui ha provato l'anale

Ti sei fatto entrare con il mazzo di chiavi che ti ho dato un paio di mesi fa. Li butti sul tavolo, insieme alla tua borsa, cercando di stare zitto. Non sei sicuro se sto dormendo o meno. Lasci tutti i tuoi vestiti sporchi vicino alla lavatrice e sfrecci oltre la camera da letto, nudo, in bagno. Ti ammiri allo specchio pensando anche se coperto dalla sporcizia della giornata, i tuoi capelli sono in disordine, ti senti sexy. I tuoi seni sono vivaci, con adorabili capezzoli nella posizione giusta che darebbero a un coniglietto di playboy una corsa per i loro...

218 I più visti

Likes 0

Studente schiavo_(0)

Mi chiamo John Smith. Ho 32 anni, capelli castani, alto circa 5 piedi e 8 pollici e ho un cazzo di 15 pollici. Insegno matematica al decimo anno. Amo il mio lavoro per via di tutti gli adolescenti sexy che vedo. Ce n'è una in particolare di nome Katie che si veste sempre come una troia. Camicie attillate senza reggiseni e minigonne. Lei ha 16 anni. Venerdì, dopo un esame di matematica, l'ultima lezione della giornata, si è avvicinata a me dopo che tutti gli studenti erano usciti. Indossava una canotta bianca e una minigonna piuttosto corta. Sig. Smith, ho bisogno...

607 I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

594 I più visti

Likes 0

Il mio primo seminario

Il mio primo seminario! Ho lavorato per un'azienda che, come parte della loro formazione manageriale, spesso inviava manager e vicedirettori a seminari di 4 o 5 giorni, di solito da qualche parte vicino al nostro ufficio distrettuale. Il mio primo seminario si chiamava Leadership situazionale e dovevo stare con un altro manager maschio di un altro ufficio. Dan ed io ci conoscevamo da circa un anno, quindi abbiamo deciso di stare insieme. Non sapevamo chi altro avrebbe partecipato alla conferenza, ma entrambi non vedevamo l'ora di divertirci, poiché molti altri manager ci avevano raccontato delle loro imprese in altri seminari. Siamo...

574 I più visti

Likes 0

Le avventure di Jenny e Tory Capitolo. 2

**Avviso finale! Se non ti piacciono gli sport acquatici o la pipì, NON LEGGERE OLTRE! Jenny afferrò la mano di Tory, ridacchiò e la condusse un po' più su lungo il sentiero verso un'area appartata dove Tory poteva fare i suoi affari. Mentre Tory si abbassava lo slip del bikini, Jenny si voltò, ma non prima di aver intravisto il bellissimo cazzo di nove pollici di Tory. Ha immaginato di avvolgere le sue labbra succose attorno a quel meraviglioso cazzo da ragazza e ha sentito il fondo del bikini diventare di nuovo cremoso. Tory lasciò che il suo flusso scorresse e...

522 I più visti

Likes 0

Tenero amore II

Introduzione: Per comprendere e apprezzare appieno questa storia, leggere la Parte I di Tender Love. Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per la parte 2, mio ​​padre è morto e io ero distratto. La giovane donna latina giaceva sopra la mia forma nuda con il mio cazzo duro come una roccia ancora incastrato tra le labbra della sua figa, come se fossi un dildo umano per il suo piacere. Potevo sentire i suoi caldi succhi d'amore che cominciavano a raffreddarsi mentre gocciolava dai lati delle mie cosce. Si è riposata dal potente climax che aveva appena sperimentato strofinando...

509 I più visti

Likes 0

Demogirl

La ragazza della dimostrazione Avevo 17 anni, vivevo in un monolocale a Londra. Non è stato così avventuroso: la banca per cui lavoravo ha trovato il monolocale e ha pagato il mio deposito in anticipo. Era un buon stile di vita se eri pronto a sopportare l'alloggio e ad apprezzare la posizione. Vivevo a Bayswater, lavoravo nel West End e giocavo a rugby a RIchmond per il London Welsh ogni fine settimana. Quel sabato particolare io e il mio amico stavamo andando da Richmond a un pub in Grays Inn Road per qualche pinta. Era uno di quei pub intorno al...

481 I più visti

Likes 0

Festa del 4 luglio

NOTA: per coloro che non vivono in America ho aggiunto un grafico di conversione della storia alla fine. +++++ Festa del 4 luglio Mia moglie ed io abbiamo deciso di organizzare una festa in famiglia Il 4 luglio nella nostra fattoria. Abbiamo diverse centinaia di acri di terra e possiamo fare qualsiasi cosa vogliamo. Era stato pianificato con diversi mesi di anticipo in modo da avere tutto il tempo per preparare un campo negli ultimi quaranta per tenere la festa. Poiché il quarto era di mercoledì quest'anno, abbiamo invitato tutti quelli che conoscevamo a trascorrere l'intera settimana e anche entrambi i...

483 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.