Demogirl

674Report
Demogirl

La ragazza della dimostrazione

Avevo 17 anni, vivevo in un monolocale a Londra. Non è stato così avventuroso: la banca per cui lavoravo ha trovato il monolocale e ha pagato il mio deposito in anticipo. Era un buon stile di vita se eri pronto a sopportare l'alloggio e ad apprezzare la posizione. Vivevo a Bayswater, lavoravo nel West End e giocavo a rugby a RIchmond per il London Welsh ogni fine settimana.

Quel sabato particolare io e il mio amico stavamo andando da Richmond a un pub in Grays Inn Road per qualche pinta. Era uno di quei pub intorno al centro gallese in Grays Inn Road dove l'accento della valle non era una disabilità sociale. Lungo la strada abbiamo incontrato queste due ragazze a New Oxford Street, che cercavano di farsi strada da una dimostrazione che avevano fatto per tornare a Paddington per un treno per tornare nel West Country. Dato che erano le otto di sera, erano nei guai se pensavano di prendere l'ultimo treno del sabato sera, ma ci siamo offerti di aiutarli e portarli a Paddington in metropolitana nel caso avessero avuto fortuna.

Avevano perso il treno. Non erano contenti, ma non avevano molta scelta, né molte possibilità di trovare una stanza d'albergo. Quindi quella magra, quella con la faccia di diciotto anni con il corpo di una quattordicenne, che è quello che era, ha telefonato a sua madre da una cabina telefonica e ha mentito su un'amica di uno dei loro insegnanti che aveva anche partecipato alla demo mettendo li svegli per la notte. Non c'erano telefoni cellulari a quei tempi e sembravano pensare che sarebbero stati in grado di farsi coprire dall'insegnante prima che le loro mamme potessero scoprirlo, quindi erano liberi a Londra per la notte. Poi quella grassoccia ha seguito la stessa routine con sua madre, ed è iniziata la partita. Siamo andati allo Shakespeare di Westbourne Grove e abbiamo bevuto un po' meno di quanto avrei fatto normalmente, ed evitato l'occhio vagabondo del padrone di casa, a cui non importava dei bevitori minorenni a condizione che rimanessero tranquilli e fuori dalla vista. E abbiamo risolto l'idea della notte; che sarebbero rimasti a casa mia, con Dai che si accasciava sul pavimento con quello paffuto dall'aspetto familiare e quello magro nel letto con me. Si sarebbe tenuta i jeans, a quanto pareva. Dai sembrava avere prospettive migliori, e sentivo di aver sprecato parte del tempo che avevo passato a impressionare il magro con commenti pseudo intellettuali e politiche di letraset che avrebbero fatto arrossire un adulto.

Questo era l'accordo, però, ed è così che siamo finiti. Dai aveva il piumone di riserva e alcuni cuscini, e quello magro era fedele alla sua parola, a cuccetta in una delle mie magliette, i suoi jeans e un broncio. Non riuscivo a capirlo: si aspettava davvero di sistemare il letto da sola?

Poi è iniziato quello grassoccio. Stava trattando con Dai come un Dyson con un turbo montato, ed era impaziente. Non è stata una consolazione per me, ma gli effetti sonori sono stati un ulteriore motivo di lamentela. C'è entusiasmo e c'è semplicemente rumoroso. Neanche quello magro approvava. Cominciò con lo sguardo lontano da me, verso il suo compagno, ma anche dopo che avevo messo un po' di musica per coprire il rumore proveniente da sotto il piumone, si voltò dall'altro lato, lasciandola di fronte a me. Quindi, mentre Tom Robinson cantava sulla vita a Berlino Est, noi cercavamo di parlare e di ignorare i rumori.

Dopo alcune cose saltuarie su band di cui non aveva mai sentito parlare e cose pop che non sopportavo, ha detto "fa sempre così" e l'ho baciata sulla punta del naso, come se fossi molto più grande e più saggio.
"Le è permesso di essere se stessa, se vuole." Lei aggrottò la fronte.
'Ma perché farlo e basta? Lei si autostima.'
A giudicare dai rumori, non era tanto economica quanto libera, ma quel punto probabilmente non mi avrebbe fatto guadagnare amici. Sostenere che le persone dovrebbero fare quello che vogliono non l'ha nemmeno persuasa.
«Le ha a malapena detto una parola per tutta la notte. E scommetto che non gli piace nemmeno questo album.'
Lui no, lei aveva ragione, ma questo non sembrava inibirli e, ad essere onesti, era una brutta discussione. Non ero sicuro che mi piacesse nemmeno l'album, ma mi piaceva il suono vitreo della chitarra e l'aria di estraneità e distanza che circondava gli arrangiamenti scarsi. Così l'ho lasciata a lavorare con l'illusione che mi piacesse tutto dell'album, e ho cercato di fingere di essere davvero arrivato alla fine dell'album di Scritti Politti che avevo comprato perché Green una volta aveva vissuto non lontano da noi.

Quando la conversazione si fermò, decisi di rischiare baciandola. Non sembrava importarle, ma dopo un altro paio di baci e un tentativo incerto di mettere la mia mano sotto la maglietta fuori misura (facendo pubblicità ai Pirates - non una band che immaginavo le sarebbe piaciuta) si voltò dall'altra parte, quindi era rivolta lontano da me, ma verso i corpi che si contorcevano sotto il piumone. Non c'era molta luce dallo stereo, ma doveva essere in grado di vedere il piumone muoversi, proprio come me.

Non ero del tutto dissuaso. Ho provato a baciarle la nuca. Ha funzionato. Si è posata contro di me e non si è divincolata quando ho messo la mia mano sul suo stomaco sotto la maglietta. L'incantesimo si è rotto quando una gamba è apparsa da sotto il piumone con un paio di mutandine intorno alla caviglia. Skinny si voltò verso di me, come disgustata, ma non fece alcuno sforzo per togliere la mia mano da sotto la maglietta, anche quando l'ho fatta scivolare verso l'alto per appoggiarla sul suo seno piccolo coperto di reggiseno. Quello grassoccio ora stava dando voce, esortando Dai a fare di più. Quello che stava facendo che doveva essere fatto di più era evidenziato dai rumori di schiaffi e dal modo in cui si vedeva il suo culo muoversi su e giù sotto il piumone. Mentre Dai ne dava diciannove alla dozzina, stavo spendendo quelli che sembravano anni per slacciare il cinturino del reggiseno di quello magro, ma alla fine ci sono arrivato ..

Il piccolo sussulto che ha dato quando il reggiseno è stato slacciato ne è valsa la pena. Anche la durezza dei suoi capezzoli era una sorpresa; erano come piccoli gioielli, che rispondevano a ogni tocco. Non ha obiettato nemmeno quando le ho accarezzato il culo sui jeans. È diventata più esitante quando il rumore dal pavimento si è attenuato dopo quello che sembrava un rumoroso orgasmo da Little Miss Enthusiasm. Ho avuto l'impressione che Little Miss Skinny, al contrario, non volesse essere al centro dell'attenzione. Dopo una pausa gli altri due hanno iniziato a sussurrare e ridacchiare - potrebbe esserci stata una scoreggia di fanny che li ha fatti esplodere, ma non potevo esserne sicuro. Ho colto l'occasione, una volta che hanno iniziato a fare un po' di rumore e hanno cercato di slacciare il bottone in cima ai suoi jeans. Mi afferrò il polso, ma si rese subito conto che potevo tenerle entrambi i polsi in una delle mie mani mentre ero libero di lavorare sul bottone con l'altra.

Non so se me l'ha lasciato fare perché non voleva che la sua amica sapesse cosa stava succedendo, o perché non le importava, ma in ogni caso sono riuscito a tenerle le mani davanti al petto con una mano sola mentre le sbottonavo il bottone, la cerniera si abbassava ei jeans si allentavano sui fianchi. Poi mi sono fermato. Indossavo una maglietta e degli slip e volevo metterla alla prova. Con una mano le tenni la sinistra contro il petto; con l'altra mano ho trascinato la sua mano destra verso il basso in modo che si appoggiasse al mio cazzo ricoperto di tessuto. Lo stereo si è spento e ho sentito Dai alzarsi e mettere un altro album. Maledetto REO Speedwagon. Tuttavia, non mi stavo muovendo per cambiare la musica. Stavo muovendo la mia mano al rallentatore, costringendo le sue dita ad aprirsi in modo che si adattassero al rigonfiamento del mio cazzo, ed era silenziosa, tranquilla mentre usavo la sua paura contro di lei, sfidandola a dire qualcosa e sapendo che era imbarazzata e l'avrebbe fatto 'T. Una volta che l'ho tenuta lì, con le dita avvolte intorno al mio cazzo, l'ho baciata di nuovo. Ho fatto quella cosa che i ragazzi imparano a fare con un senso di stupore, facendo contrarre il mio cazzo nella sua mano. Non si staccò e mosse le dita per regolare la presa mentre il mio cazzo si contraeva. Per tutto il tempo stavo cercando di capire cosa fare dopo. Una volta che le sue dita si sono sentite completamente a proprio agio attorno al mio cazzo, come se avesse accettato quello che era successo, era ovvio. Girala sulla schiena, con i polsi intrappolati sotto di lei, e abbassa i jeans e i pantaloni. Ci sono volute due tentativi, perché la prima volta ha cercato di fermarmi, in un modo muto e silenzioso che non era affatto una sfida. Una volta che i suoi jeans le sono stati intorno alle cosce, ha lottato per liberare le mani, poi è diventata più sommessa mentre le ho fatto tenere di nuovo il cazzo. Avere le mani libere non era una buona opzione che sembrava decidere. Non chiedere come facevo a saperlo, ma sapevo abbastanza per rallentare un po', per non metterla subito sotto pressione. Quindi l'ho lasciata abituare alla sensazione del mio cazzo, l'ho baciata, e ho lasciato che l'altra mano si riposasse al suo fianco mentre le accarezzavo i seni e spostavo il reggiseno da parte. Sembrava una lunga pausa, ma era solo una traccia dell'album, e poi iniziò a dimenarsi come se i jeans e i pantaloni intorno alle cosce le fossero scomodi. Ho mormorato "Togliamo questi di mezzo" come se le stessi facendo un favore, ma senza aspettare il permesso prima di forzare i jeans fino alle caviglie e poi toglierle completamente una gamba. Ha collaborato, ma non potevo essere sicuro se fosse perché voleva quello che sarebbe successo dopo o non l'aveva considerato. Ad ogni modo, non ci è voluto molto del mio peso per separarle le cosce; era bloccata, in modo che potessi usare la mia mano per tenerle le mani mentre spingevo via i miei pantaloni in modo che tenesse il mio cazzo nudo. Non so se sapesse cosa stava succedendo, ma il suo compagno sì. Stava andando per la seconda volta con Dai, e ci faceva molto rumore. Skinny era mortificato.
'Non posso farlo se suono così - è orribile.'
Le ho messo la mano sul viso.
"Ti coprirò la bocca, dolcemente", e le baciò la fronte come se le stessi proponendo un gesto gentile. Ha ceduto e mi ha permesso di avvicinare il mio cazzo alla sua figa spingendo le sue cosce con le ginocchia. Ha funzionato; ha persino sollevato le ginocchia una volta capito che poteva essere più comodo in quel modo. Non ha fatto molta differenza per ottenere il mio cazzo dentro di lei però; era ancora stretta e ho dovuto spingere forte anche per far passare il mio cazzo oltre le sue labbra esterne. Una volta che era lì, mi sembrava di non poter entrare ulteriormente dentro di lei senza farmi male. Quindi ho aspettato e mi sono fermato. Ho tolto la mia mano dalla sua bocca e l'ho baciata, e ho continuato a baciarla finché la sua lingua non si è mossa contro la mia. Poi le ho rimesso la mano sulla bocca e l'ho spinta di nuovo. Si contorceva e si contorceva, ma il mio cazzo è andato più a fondo dentro di lei e le ha provocato un irrigidimento della schiena che non riguardava solo la resistenza. La paffuta stava avendo un orgasmo rumoroso mentre ricevevo le palle in profondità nel suo compagno, tenendola ferma e sperando di non venire troppo presto, anche se la sensazione delle mie palle che rimbalzavano contro il suo culo mi faceva rimanere senza fiato. Mentre si accontentava della presenza del mio cazzo dentro di lei, tolsi la mano dalla sua bocca e la baciai di nuovo. Non c'è stata alcuna esitazione questa volta; la sua lingua cercava attivamente la mia.
Ho deciso che era ora di andare avanti. Ho tirato su una delle sue gambe, poi l'altra, poi ho iniziato a muovere il mio cazzo dentro e fuori di lei. Ha fatto un verso come un gattino che è stato messo in piedi da sua madre, ma non ha dato alcun segno che voleva che la smettessi. Così le ho messo le braccia sotto le ginocchia, piegandole le cosce verso il petto, consapevole di quanto fosse facile muoversi, del modo in cui le sue cosce avevano le dimensioni dei miei avambracci, del modo in cui potevo muoverla e manipolarla. La sua figa si sentiva un po' più bagnata, fammi muovere dentro di lei un po' di più, fammi pensare meno a forzare il mio cazzo e di più a cercare di farla reagire. E i rumori, i piccoli segnali che stava reagendo, arrivavano più frequentemente. Quella grassoccia si fermò nel suo collo con Dai per incoraggiarla; 'Fai Karen'.
Non è andata per questo; anche lei semplicemente non ha impedito che accadesse, e quando è arrivata, con un sussulto profondo e stridulo, ho avuto l'impressione che fosse più una sorpresa per lei che per me. Mi sono fermato mentre lei riprendeva fiato, e poiché si lamentava del dolore alle cosce, ho fatto scivolare fuori il mio cazzo e l'ho girata. Borbottò qualcosa sul fatto di non voler rimanere incinta. Le ho detto che c'era una risposta a questo. Non credo che si sia resa conto di cosa intendessi finché non le ho messo la testa del cazzo nel culo. Ha cercato di scappare, di dimenarsi, di muoversi sotto di me. Le ho messo una mano sulla nuca, un'altra sotto di lei, poi ho premuto il mio cazzo più a fondo dentro di lei. Ha gridato, un suono lamentoso, ma ha anche risposto quando ho iniziato a strofinare l'indice contro il suo clitoride. Anche quando ha iniziato a emettere singhiozzi, lacrime, rumori gutturali, si è mossa allo stimolo del mio dito sul suo clitoride. Mi sono sporto in avanti e ho messo la bocca vicino al suo orecchio.
'Non mi interessa se piangi - ogni volta che ti tocco il clitoride reagisci come una puttana. Quindi sopportalo.'
E per essere onesti, lo ha fatto. Mi ha permesso di spostarla verso l'alto, di accarezzarle il clitoride finché non ha iniziato ad ansimare e di cavalcarla. È venuta prima che le entrassi nel culo, e poi si è allontanata da me, rannicchiandosi in una palla. Mi sdraiai dietro di lei e avvolsi le mie braccia intorno a lei
'Ti è piaciuto. Abituati.'

Per tutta la notte ha dormito in modo irregolare. Passò dal rannicchiarsi intorno a me per voltarmi le spalle. Non l'ho reso facile con lei. Per due volte, quando si è raggomitolata dandomi le spalle, mi sono indurito e l'ho scopata. La seconda volta, il mio terzo orgasmo della notte, ho scelto di fotterle anche il culo, tenendole la mano in bocca mentre si mordeva le nocche.

Quando venne il mattino, e la luce del giorno inondava attraverso le tende mal adattate, sembrò scioccata da tutto quello che era successo prima. Ne ero confuso anch'io. Tanto sesso, e veniva ripetutamente, ma il suo viso era macchiato di lacrime e non voleva guardarmi negli occhi. La paffuta, che sembrava felice della sua notte, si avvolse nella giacca da combattimento di Dai e si diresse verso la doccia dopo aver chiesto dove fossero gli asciugamani. (Nell'armadio di aerazione vicino al bagno). Più Karen teneva il broncio, più mi eccitavo di nuovo. E non ha lottato quando le ho riportato la testa del cazzo nel culo. Lei sussultò quando la penetrai, ma non ci furono difficoltà. Dai stava guardando i nostri corpi muoversi sotto il piumone e Karen seppellì la testa sotto un cuscino. Mi sono infastidito dal suo comportamento e ho iniziato una conversazione su di lei con Dai.
'Non so come sia stata la tua serata, ma questo è il mio quarto tentativo, tre di loro in culo.'
Ha riso.
'Non crederti figlio. Scommetto che non l'hai infastidita davvero.' Sapevamo entrambi cosa stava pensando l'altro. Ho tolto il piumone e ho tirato via il cuscino dalla sua testa in modo che potesse vederla tutta. Poi le ho messo il braccio sotto la coscia e le ho aperto le gambe in modo che potesse vedere chiaramente dov'era il mio cazzo. Mi ha chiamato bastardo, ma la sua fica era bagnata al mio tocco e si è contratta quando le ho dato un colpetto al clitoride. La doccia era ancora in funzione in bagno, e ho detto a Dai di venire e unirsi a lei. Si è messo in piedi accanto al letto e mentre iniziavo a prendere il ritmo lui le fece scorrere il cazzo sulle labbra. All'inizio non apriva bocca, ma alla fine lo fece e quella grassoccia entrò e trovò noi due che prendevamo il suo compagno alle due estremità. Dai le è venuto in bocca e sono riuscito a farmi una sottile goccia di sperma su per il culo prima che fuggisse sotto la doccia.

Li abbiamo visti alla stazione e l'ho salutata con un bacio alla biglietteria. Anche lei ricambiò il bacio, la sua lingua cercava la mia. Anche lei ha scritto per tre mesi, raccontandomi della vita in un piccolo villaggio, ma senza mai menzionare il sesso, poi le lettere si sono fermate. Non mi sono mancati.

Storie simili

Fantacalcio parte 3

Se non lo sai, questa è la mia prima serie di racconti fantasy. Sono un nuovo scrittore e sembra che stia migliorando man mano che vado avanti. So che la mia prima storia è andata bene... e la mia seconda è stata anche meglio, ma spero di stupirvi con questa. Apprezzo le critiche costruttive... e leggo davvero tutti i commenti. --- *BIP BIP BIP BIP* Mi svegliai. Ohhhhh... dissi, stropicciandomi gli occhi. Che cosa è? Ho guardato l'orologio sul comodino di Kevin, le 8:30. Merda!! Kevin svegliati!!! Ho urlato. I suoi capelli erano ancora arruffati dalla sera prima, ci siamo divertiti...

559 I più visti

Likes 0

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta in fuga dai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve la afferrò per le braccia e sul suo viso si spostò un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane a soli 23 anni, ancora un bambino da elfi, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stato risparmiato a causa della mia bellezza naturale e venduto come schiavo anni dopo sono finito nel mezzo dove un ricco uomo della tribù dell'Orintash...

733 I più visti

Likes 0

IL DOLORE: volume 1

Ho lasciato il lavoro tardi e sono tornato a casa e non ho potuto fare a meno di pensare all'uomo che ho beccato a fare il masterbatch nella sua stanza d'albergo mentre per sbaglio l'ho incontrato mentre stavo facendo il mio lavoro. sono entrato pensando che la stanza fosse vuota per vederlo completamente nudo e curvo su una rivista porno sul suo letto che sembrava eiaculare su tutte le lenzuola che avrei dovuto cambiare. aveva circa 28 anni e il suo corpo era sudato e rosso mentre pompava sperma dappertutto con una mano strofinandosi le palle e l'altra mungendo la campana...

368 I più visti

Likes 0

Kumiko - Parte 2: Svegliarsi_(0)

Ancora una volta, questa è la parte 2 del repost! ____________________________________________ Introduzione: Parte 2 della serie Kumiko. La parte 3 è già in fase di scrittura! Più corto dell'ultimo ma la parte 3 sta arrivando. Come sempre, vota e lascia commenti. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------------- Si svegliò con un brivido, notando l'oscurità nella stanza. I suoi occhi si adattarono rapidamente alla luce e vide un fuoco che stava per spegnersi. Non ricordava che ci fosse un caminetto nella sua camera da letto e poi notò il leggero peso tra le sue braccia. Era Kumiko, nuda come lui, profondamente addormentata con uno sguardo...

230 I più visti

Likes 0

Un giorno con il mio amico

Gemetti piano mentre mi sentivo svegliarmi, sbadigliavo e guardavo l'orologio con i miei occhi velati, dormivo come un compagno inafferrabile eppure altrettanto difficile da eliminare. 9:30, eh? pensai, ovviamente pensando che potevo riposare un po' di più. Tuttavia, quando ho visto la data sullo schermo digitale del mio segnatempo, sabato, sono saltato fuori dal letto e sono corso in bagno. Ho avuto la fortuna di aver trovato un lavoro decente e un appartamento con i comfort di una casa, anche se più piccola. Non direi di essere benestante, ma almeno potevo mantenermi a mio agio. Quando ho raggiunto il bagno mi...

176 I più visti

Likes 0

È pronta per il primo cumming

Nota dell'autore: questa storia contiene azioni sessuali che coinvolgono minori, se questo ti infastidisce o ti offende allora dovresti leggere una storia diversa. Inoltre questo è il mio primo tentativo di una storia, quindi buone recensioni si tradurranno in ulteriori storie. Un po' lungo e ci vuole un po' per arrivare alla vera azione, ma vale la pena leggerlo se aspetti un po'. Era stata una settimana difficile al lavoro, quindi non vedevo l'ora di godermi una birra e rilassarmi un po'. Quando sono tornata a casa ho trovato la sorellina Bree della mia coinquilina sdraiata sul divano a guardare qualcosa...

120 I più visti

Likes 0

Legalmente vincolante, cap.4

Ho guardato mentre la sua espressione passava dalla vuota incomprensione allo shock, a una comprensione e accettazione lentamente nascenti, e infine a un profondo senso di liberazione e poi: pura felicità. I suoi occhi traboccarono di nuovo, ma per un motivo diverso. Annuì vigorosamente, incapace di parlare, e mi gettò di nuovo le braccia al collo come se stesse accettando una proposta di matrimonio. E 'questo quello che vuoi? dissi piano nel suo orecchio. Sì. Ohhhh... sì! Mi ha baciato la guancia, la mascella, il collo e mi ha stretto ancora di più. Ho aspettato che il suo primo entusiasmo si...

128 I più visti

Likes 0

Storia secondaria del patto del diavolo: Alison e Desiree si sposano

Il patto del diavolo da miopenname3000 a cura del Maestro Ken Diritto d'autore 2014 Side Story Il patto del diavolo: Alison e Desiree si sposano Nota: questo avviene tra i capitoli 32 e 33. Venerdì 12 luglio 2013 – Alison Hertz – Il matrimonio Il giorno del mio matrimonio con la mia bellezza latina, Desiree, era finalmente arrivato. Dopo oggi, sarei Alison de la Fuente. Dopo aver annullato il suo matrimonio con Brandon, Desiree è tornata al suo nome da nubile. Era un nome molto più carino di Fitzsimmons. Desiree e io abbiamo passato diverse notti a letto a parlare del...

87 I più visti

Likes 0

Pantaloni del pigiama a pois

Ciao! Questa è la mia prima storia, spero vi piaccia e apprezzo sinceramente qualsiasi feedback, commento, domanda, opinione, richiesta, ecc... la mia unica umile richiesta è che lo facciate con rispetto. Posso continuare questa storia se alla gente piace. Grazie per aver letto, divertiti! _____________________________________________________________________________________ Il suo appartamento odorava di ammorbidente, incenso Om Nagchampa e cannabis dolce. Le porte del balcone erano tutte aperte e il calore della sua ansia filtrava costantemente nel freddo tropicale della notte di gennaio. Indossava meno del solito, questa era la prima volta che vedeva le sue gambe lunghe e tornite. I suoi occhi percorsero la...

101 I più visti

Likes 0

Fare da mentore a Brandon Capitolo 12

MENTRE BRANDON Di Bob Capitolo 12: Fantasie finalmente realizzate Mentre scivolavo in un sonno profondo non potevo fare a meno di pensare a ciò di cui io e Bran avevamo parlato. Sapevo di avere più esperienza di Brandon nel campo del sesso, dato che ero la sua prima esperienza sessuale. Potrei anche dire che era piuttosto incuriosito da un'esperienza sessuale multipla. Credevo anche che sarebbe stato molto divertente, ma non volevo spingere troppo perché non volevo perdere l'amore della mia vita. Stavo per addormentarmi quando ho sentito un rumore accanto al letto. Abbiamo davvero dimenticato di chiudere a chiave la porta...

75 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.