Il mio adven... le mie parole

643Report
Il mio adven... le mie parole

La mia prima avventura


Non avevo mai tradito mio marito in ventitré anni di matrimonio, ma lui era assolutamente convinto che avessi una relazione ed era ossessionato dall'idea di farmelo ammettere. L'Inquisizione era stata indossata per tutta l'estate e dopo aver passato gli ultimi due mesi a schernirci su una base quasi quotidiana, ho scoperto che aveva una relazione tutta sua.

Quando l'ho affrontato, ha insistito sul fatto che la sua relazione era perfettamente giustificata dal momento che ne avevo già uno, e si è rifiutato di credere che non l'avessi fatto. Lungi dall'aiutare le cose, semmai, confrontarsi con lui sui suoi affari sembrava solo aver intensificato la sua ossessione di farmi ammettere una relazione che non era mai avvenuta; e mentre gli interrogatori continuavano giorno dopo giorno, ho iniziato a pensare che se era già una conclusione scontata che stavo dormendo in giro, forse avrei dovuto semplicemente andare avanti e farlo.

Era circa l'una di pomeriggio quando il protagonista è venuto a dirci che saremmo tornati a casa con due ore di anticipo. In quel momento, mi è capitato di essere in piedi accanto al mio banco di lavoro a parlare con uno dei miei colleghi che ha fatto un commento sul fatto che sarei potuto venire a casa sua per due ore e nessuno lo avrebbe saputo. Era uno dei tanti ragazzi con cui mi divertivo a flirtare durante il giorno, e commenti del genere non erano affatto rari. Nessuno l'ha preso troppo sul serio e in qualsiasi altra occasione, probabilmente l'avrei deriso; ma questa volta gli è capitato di essere nel posto giusto al momento giusto. La frustrazione per la situazione in casa stava raggiungendo il punto di rottura; Ne avevo avuto abbastanza e in quel momento qualcosa si è spezzato nel profondo.

Anche se Ritchie non sarebbe stata la mia prima scelta in un amante, è stato recentemente divorziato e nessuno di noi ha avuto una bella scazzottata per un po'; oltre al fatto che viveva a solo un paio di miglia dalla mia strada, il che significava che potevo entrare e uscire senza destare sospetti se fossi stato visto lungo la strada. Se non altro, questa era la mia occasione per smaltire un po' della frustrazione, dimostrandogli finalmente che si sbagliava dopo anni in cui mi era stato detto più e più volte che ero grassa e brutta e che nessun altro mi avrebbe mai voluto. Così …. Perchè no?

Mettendo da parte i miei dubbi, presi un respiro profondo; guardando mentre i suoi occhi cadevano sul mio petto gonfio. “Ritchie, oggi è il tuo giorno fortunato. Incontrami nel parcheggio e ti seguirò fino a casa".

Dopo una breve discussione, ci siamo scambiati informazioni sul veicolo e abbiamo deciso che avrei aspettato che passasse e poi lo avrei seguito a casa in modo che nessuno ci vedesse insieme dopo il lavoro.

Ero molto nervoso mentre uscivo verso il parcheggio ma allo stesso tempo era anche molto eccitante; le mie mutandine erano fradice e non ero così eccitato da anni. Mi sono presto ritrovato seduto nella mia macchina, ad aspettare, con mille cose che mi passavano per la testa. La cruda eccitazione per ciò che stavo progettando lottava contro il senso di colpa mentre sedevo lì chiedendomi se dovevo (o potevo) farlo davvero quando vedevo la sua macchina passare.

Questo è stato il mio momento.... Lo seguo a casa, come promesso, o mi tiro indietro?
Prendendo un respiro profondo, presi la mia decisione e mi tirai fuori per seguirlo.

Mentre guidavamo verso casa sua, la lotta tra il senso di colpa e l'eccitazione continuava. Non era la prima volta che ci pensavo dopo aver scoperto della sua relazione, ma ne avevo sempre parlato prima che arrivasse così lontano. Mentre ne discutevo, i miei pensieri continuavano a tornare al consiglio che un caro amico mi aveva dato sull'argomento quando avevo raggiunto la fine della mia corda un paio di settimane prima: "Non puoi riprenderlo una volta fatto, quindi sii certo che è quello che vuoi veramente prima di farlo”, ha detto. “Ma se hai intenzione di farlo, non trattenere nulla. Non ti sentirai meno in colpa se il sesso non fosse davvero eccezionale, quindi concediti completamente al tuo amante mentre sei lì, anche se è solo per un'ora. Se hai intenzione di farlo, non aver paura di godertelo. Meglio esplorare ogni piacere che voi due potete offrirvi l'un l'altro; poi se ti senti in colpa per questo, almeno avrai il ricordo del tempo meraviglioso che avete passato insieme.

Quando siamo arrivati ​​a casa sua, ha imboccato il vialetto mentre io parcheggiavo in strada; poi lo seguì in casa. Una volta entrati mi sono tolta le scarpe e mentre lui si girava per chiudere a chiave la porta, mi sono voltata e ho discusso su cosa fare un'ultima volta mentre le mie dita tremanti trovavano il davanti dei miei jeans.

"Questa è la mia ultima possibilità di cambiare idea", ho pensato tra me e me. ‘Se lo faccio, cambierà tutto. Voglio davvero farlo o no?'

La mia testa girava per il senso di colpa e la frustrazione, ma qualcosa doveva cedere. Ho preso una decisione e mi sono rapidamente tirata giù i jeans e le mutandine intorno alle caviglie prima di avere la possibilità di dissuadermi di nuovo. Mi sono tolto i pantaloni e li ho piegati prima di metterli sul tavolo della cucina e mi sono girata per trovarlo lì in piedi che mi guardava.

Mi sono bloccato come un cervo paralizzato dai fari quando la realizzazione che sarebbe successo davvero questa volta è affondata. Non sapevo se pensava che fossi davvero serio riguardo al fare sesso con lui, specialmente dopo aver scherzato su questo per così lungo; e non ero stato troppo sicuro io stesso; ma mentre stavo lì, nudo dalla vita in giù, sapevamo entrambi che ora non si poteva tornare indietro. Questa volta sarebbe successo davvero.

Mentre rimanevo radicato in quel punto, la mia mente si offuscava, si avvicinò a me e prendendomi tra le sue braccia, mi baciò a lungo e profondamente. Il mio corpo tremava di eccitazione mentre sentivo le sue mani prima accarezzare i miei panini nudi, e poi scivolare sotto la mia maglietta per slacciarmi il reggiseno. Interrompendo il bacio, mi ha tirato su la maglietta sopra la testa; poi si fermò per un momento con le sue mani che mi massaggiavano dolcemente le spalle mentre mi mordevo nervosamente il labbro mentre contemplava il fatto che stava per togliermi l'ultimo capo di abbigliamento, lasciandomi completamente esposta e vulnerabile.

"Ho aspettato a lungo questo momento", ha detto mentre agganciava i pollici nelle cinghie e mi faceva scivolare il reggiseno sulle braccia, depositandolo sopra la pila di vestiti sul tavolo della cucina.

Quando fece un passo indietro per vedere meglio, rabbrividii un po' al pensiero che questa era la prima volta in oltre 20 anni che qualcuno, a parte mio marito, mi vedeva nuda... figuriamoci in piedi nudo nella loro cucina.

"Patty, sei ancora più bella di quanto avessi mai immaginato."

Mi irrigidii un po', appassionata ma incerta, mentre mi prendeva tra le mani i miei seni pieni; massaggiando la mia carne morbida; guardando i miei capezzoli indurirsi mentre lui faceva scorrere i pollici su di essi. Poi la passione ha cominciato a prevalere quando ha iniziato ad arrotolare i miei capezzoli tra il pollice e le dita mentre tirava fuori delicatamente allo stesso tempo. Era come se sapesse cosa mi eccitava mentre si chinava per succhiare e leccare i miei capezzoli duri, ottenendo un profondo gemito di piacere da me.

La passione crebbe più forte quando le nostre lingue si intrecciarono ancora una volta e mentre pensavo ancora una volta al consiglio di Jamie, mi arresi completamente a lui, facendo sciogliere i miei dubbi e le mie paure, consumato dalle fiamme crescenti come una passione ardente e cruda come non avevo mai fatto. sentito negli anni mi ha superato.

Ho sentito la sua mano muoversi dal mio seno e iniziare a scivolare verso il basso per strofinare delicatamente il mio clitoride. In risposta, ho spostato la mia mano verso il basso per strofinare il suo cazzo duro attraverso i suoi pantaloni, poi sono caduto in ginocchio e gli ho aperto la cerniera dei pantaloni. Dopo aver rilasciato il suo cazzo, mi sono chinato in avanti per leccare la testa gonfia prima di far scivolare le mie labbra lungo la sua lunghezza, prendendolo il più profondamente possibile nella mia bocca, solleticando il sedere con la lingua mentre le mie labbra scivolano su e giù per la sua asta.

Gemendo di piacere, dice: "Continua così, e ti porterò proprio qui sul tavolo".

Dopo aver contemplato quella possibilità per un momento, ho fatto roteare la lingua intorno alla testa un'ultima volta prima di rilasciare il suo cazzo dalla mia bocca. Quando mi alzai, mi prese per mano e mi condusse in camera da letto, dove giacemmo nudi insieme sul letto, baciandoci profondamente e appassionatamente mentre le nostre mani si esploravano a vicenda.

Tremai di piacere mentre la sua bocca affamata scendeva dalle mie labbra ai miei seni ansanti; e le sue dita si mossero dai miei capezzoli per sondare le profondità intime tra le mie cosce. Per la prima volta da mesi, mi sentivo un amante da prendere in giro e godere, piuttosto che un prigioniero da intimidire fino alla sottomissione. Sapevamo entrambi che ero completamente suo, pronto e disposto a dargli piacere in qualsiasi modo volesse.

Lo spinsi sulla schiena e mi inginocchiai accanto a lui, accarezzandogli dolcemente il cazzo e le palle con la punta delle dita mentre mi accarezzava i seni pendenti.

"C'è qualcosa che vuoi, Ritchie?" ho chiesto scherzosamente.

"Sai cosa voglio, Patty."

Mike non si era mai esibito per via orale su di me; e sapendo che Ritchie era ansioso quanto me, ho iniziato a baciarlo sul suo petto girandomi mentre mi facevo strada fino a quando non stavo leccando la testa del suo cazzo e la sua testa era tra le mie ginocchia.

Mentre succhiavo il suo cazzo nella mia bocca, tremai di piacere quando afferrò l'invito e lo sentii accarezzare leggermente i miei panini sensibili mentre la sua lingua calda iniziava ad esplorare le mie morbide pieghe, portandomi al limite dell'orgasmo. Non volevo ancora raggiungere l'orgasmo, quindi quando la sensazione è diventata così forte che stavo perdendo il controllo, mi sono alzata e mi sono voltata con le teste unite. Ancora una volta condividendo un profondo bacio appassionato, l'ho guardato profondamente negli occhi e ho detto: "Ritchie, voglio che tu faccia l'amore con me in questo momento. ho bisogno di te dentro di me”

Mi ha spinto sulla schiena e ho allargato le gambe mentre si muoveva su di me. Tremante di anticipazione, gli ho dato un lungo bacio appassionato mentre lo sentivo posizionare la sua virilità e iniziare a spingerla in profondità nella mia fica fradicia. Mentre penetrava nei miei segreti più profondi, ho sentito un'enorme liberazione emotiva come un'ondata di colpa, passione ed eccitazione combinata con un ritrovato senso di libertà in una miscela inebriante e inebriante. Dopo mesi di dibattito, finalmente stava accadendo; Mi sentivo come se fossi di nuovo vergine e avevo intenzione di godermelo al massimo.


All'inizio lo prese lentamente, prendendo entrambi del tempo per assaporare il fatto che stesse accadendo davvero. Avvolsi le mie gambe intorno al suo corpo per tirarlo più a fondo, muovendomi per incontrare le sue lunghe spinte profonde mentre stringevo i miei muscoli interni sul suo cazzo per farlo sentire particolarmente benvenuto. Man mano che l'eccitazione cresceva, ha iniziato a spingere sempre più forte fino a sbattere contro di me come un pazzo, martellandomi così forte che il mio sedere rimbalzava sul letto ad ogni spinta e tutto quello che potevo fare era resistere per il viaggio.

Mentre continuava a picchiarmi senza pietà, fui completamente sopraffatto dal flusso di sensazioni e presto sentii il primo formicolio del mio imminente orgasmo crescere dentro di me. La sensazione è diventata sempre più intensa e proprio mentre stavo raggiungendo l'orgasmo, si è spinto in profondità tra le mie cosce e si è fermato; lasciandomi a contorcermi impotente intorno al suo cazzo immobile. Stavo barcollando sull'orlo di un orgasmo, e così acceso riuscivo a malapena a respirare, lasciavo parlare, ma riuscivo a sussurrare: "Oh dio, non fermarti ora. Sono così vicino;" mentre lottavo invano per ottenere quell'ultima piccola stimolazione di cui avevo bisogno per mettermi al limite.

Ignorando la mia supplica, si staccò da me e scivolò lungo il mio corpo, dove rivolse di nuovo la sua attenzione ai miei seni ipersensibili. Mentre succhiava e mordicchiava i miei capezzoli duri, tenendomi su quel bordo, mi guardò, "Voglio assaggiare ancora una volta quella tua dolce figa prima di riempirla con il mio sperma."

Baciando e mordicchiando lentamente il mio corpo tremante fino a quando la sua testa non fu di nuovo tra le mie cosce, la sua lingua iniziò ad esplorare dolcemente le mie pieghe morbide, scivolando in profondità nel cuore della mia femminilità come un piccolo cazzo flessibile, poi si ritrasse per leccare ancora un po' ; per tutto il tempo stringendo e arrotolando i miei capezzoli con le sue dita. Gemetti e mi dimenai di piacere mentre la sensazione si intensificava con lui che faceva scivolare un paio di dita in profondità, trovando il mio punto G mentre mi stuzzicava il clitoride con la lingua. Presto, stavo sbattendo contro la sua bocca mentre cominciavo a venire - tremando ancora, e ancora, e ancora; gridando di piacere mentre uno degli orgasmi più intensi della mia vita mi travolgeva. Mentre i tremori continuavano, si allungò accanto a me e mi tenne stretta finché non fui in grado di muovermi di nuovo.

Volendo ricambiare il favore, l'ho girato sulla schiena e mi sono spostato tra le sue gambe dove ho iniziato a baciare e leccare il suo cazzo, prendendo le sue palle nella mia mano mentre facevo schioccare la lingua sopra la punta, poi alternavo leccando su e giù la lunghezza del suo cazzo e facendolo scivolare in profondità nella mia bocca di suzione. Dopo diversi minuti di questo trattamento, il suo cazzo inizia a gonfiarsi nella mia bocca e mi dice che sta per venire. Guardandolo, ho chiesto: "Vuoi che ingoi?"

Allungandosi per prendere un seno in ogni mano, mi tirò verso di sé così che mi mettessi a cavalcioni del suo corpo. Senza fiato, ha risposto: "Voglio che tu lo cavalchi".

Sporgendomi un po' indietro per dargli una buona visuale, mi calai sul suo palo palpitante; i miei seni rimbalzavano e ondeggiavano mentre cavalcavo lentamente su e giù sul suo cazzo. Si allungò per massaggiarmi il seno prima di decidere di assumere un ruolo più attivo, tirandomi in avanti per portare le sfere morbide e carnose alla sua bocca facendomi gemere più forte mentre succhiava e mordeva i miei capezzoli duri mentre spingeva il suo cazzo dentro di me. Ero già così eccitato che non ci volle molto prima che sentissi il mio corpo iniziare a irrigidirsi e tremare, segnalando l'inizio del mio orgasmo. Mi misi a sedere di nuovo e lo cavalcai più forte mentre la sensazione cresceva in un crescendo tremante.

Quando il mio orgasmo mi ha raggiunto, i miei muscoli contratti lo hanno mandato oltre il limite, il suo cazzo pulsare mentre sparava un flusso dopo l'altro di sperma caldo in profondità dentro di me. Esausta, crollai senza fiato sopra di lui, ancora piena del suo cazzo, e rimasi lì per un po' godendomi il caldo bagliore della passione che avevamo condiviso.

Quando abbiamo potuto muoverci di nuovo, ci siamo allontanati lentamente e con riluttanza e ci siamo coccolati insieme per un po' mentre ci riposavamo.

Mentre mi sedevo sul letto, mi voltai verso di lui: "Sono tutto appiccicoso e sudato, e non posso tornare a casa con l'odore di sesso, quindi vado a farmi una doccia". Poi abbassando la voce in modo seducente, "Puoi unirti a me, se vuoi".

Sceso dal letto, mi condusse, nuda, in bagno e iniziò a fare la doccia. Siamo entrati insieme e siamo rimasti lì per qualche minuto lasciando che l'acqua calda scorresse sui nostri corpi sudati. Spruzzandomi un po' di sapone liquido in mano, ho iniziato a insaponarlo; prestando particolare attenzione al suo cazzo, che stava ricominciando a prendere vita. Una volta che era tutto insaponato, mi sono girato in modo che potesse insaponarmi la schiena. Ho fatto un piccolo salto mentre mi spruzzava una linea di sapone freddo sulle spalle, e poi mi scioglievo per la sensazione mentre le sue mani scivolavano lungo la mia schiena, sulle morbide curve dei miei fianchi e giù fino ai miei piedi. Mentre risaliva il mio corpo, fece scivolare le mani intorno per prendere il mio seno morbido tra le sue, premendo il suo cazzo duro contro il mio sedere mentre lo faceva.

Urlando scherzosamente, ho scacciato via le sue mani, "Ora, ora, puoi giocare con quelle in un minuto", l'ho rimproverato. "Prima finisci di lavarmi la schiena." Non sapeva che avevo dei piani per lui…..

Una volta che ha finito di insaponarmi le spalle e le braccia, mi sono girato di nuovo in modo che potesse lavarmi il davanti. Mentre mi insaponava i seni, mi abbassai per far scivolare dolcemente la punta delle dita su e giù per la lunghezza del suo cazzo, che ora era in piedi sull'attenti come un soldatino.

"Hmmm... Sembra che qualcuno sia pronto per un po' più di amore", dissi, scherzosamente. "Ho un'idea. Insapona le mie tette davvero bene."

Ho continuato ad accarezzare delicatamente il suo cazzo mentre spruzzava un altro getto freddo di sapone sulla parte superiore dei miei capezzoli, poi ho iniziato ad accarezzare e impastare i miei molli come se fossero pasta di pane.

"Ti piace giocare con le mie tette, Ritchie?" chiesi, scherzosamente.

"Cosa te lo fa pensare?" risponde, abbinando il mio tono, mentre afferra i miei capezzoli e tira delicatamente, ottenendo un leggero gemito da me.

"Oh, non lo so... Forse il fatto che ci stai lavorando come non hai mai visto una tetta prima..."

"Ti stai lamentando?"

“Oh, per niente. Assicurati solo di insaponarli per bene e ti mostrerò qualcosa che ti piacerà ancora di più".

"Che cos'è?"

"Oh, vedrai..."

Una volta che i miei seni furono completamente ricoperti da una spessa schiuma bianca, mi sono inginocchiato davanti a lui e ho iniziato ad accarezzargli delicatamente le palle con le dita mentre leccavo su e giù la parte inferiore del suo cazzo. Spostandomi in alto, ho bloccato le mie labbra sopra la testa, facendo roteare la lingua intorno al bordo prima di lasciare che le mie labbra scendessero alla base della sua rigida virilità.

Dopo aver mosso le mie labbra su e giù per la lunghezza alcune volte, mi sono alzato un po' in modo da poter spremere il suo cazzo nella valle scivolosa tra i miei seni, facendole scivolare su e giù sul suo albero duro, con suo ovvio godimento. Quando il suo respiro pesante mi disse che il Vesuvio stava per eruttare, lasciai cadere i miei seni e feci scivolare le mie labbra sul suo cazzo, scivolando su e giù per l'asta con lunghi colpi lenti mentre lo scopavo con la mia bocca. Quando ho sentito il suo cazzo iniziare a gonfiarsi, ho iniziato a succhiare più forte, rendendo chiaro il mio desiderio; finché non venne con un forte gemito, riempiendomi la bocca con il suo denso seme cremoso. Ora che eravamo entrambi soddisfatti, abbiamo finito la nostra doccia e ci siamo asciugati a vicenda.

Tornando in cucina, con l'intenzione di vestirsi, Ritchie mi raggiunse e afferrò il mio reggiseno dalla pila di vestiti sul tavolo.

“No, Ritchie, non lo tieni come souvenir. Sembrerei terribilmente sospettoso tornando a casa senza reggiseno, non credi?"

Mi ha guardato: "Sì, probabilmente hai ragione. Almeno mettiti il ​​top per ultimo".

"Va bene." Così mi sono vestito mentre lui guardava; poi gli diede un grande abbraccio, lasciandolo giocare con i miei seni nudi un'ultima volta prima di chiedergli il reggiseno.

Mentre ero pronto per andare a casa, ha detto: "Dopo tutti gli anni passati a lanciare piccole osservazioni avanti e indietro, non avrei mai pensato che sarebbe successo davvero".

"Neanche io. Oggi è stato il tuo giorno fortunato. Anche il mio, davvero. Dopo anni di minacce alla sottomissione, mi hai mostrato che potevo trovare la forza per fare qualcosa che volevo; e, almeno per il momento, non preoccuparti di cosa avrebbe pensato Mike. Grazie, Ritchie. Spero che ti sia piaciuto quanto me".


Mentre tornavo a casa, pensavo ai piaceri che avevamo appena condiviso. Avevo appena fatto qualcosa che era stata, nella migliore delle ipotesi, una fantasia solo poche ore prima e sì, ne è valsa la pena. Sarebbe successo di nuovo? Solo il tempo lo direbbe....

Storie simili

La prima scopata di Julia

Questa è la mia prima storia, quindi per favore dimmi cosa ne pensi! Julia era una matricola di quindici anni. Era poco più di 5'2 e aveva una figura ad eliminazione diretta. Era una di quelle ragazze piccole e formose. Aveva tette 32C e una vita minuscola che svaniva in un culo perfettamente rotondo. Aveva un viso spigoloso con labbra carnose e una pelle color avorio cremoso. Lunghi capelli castani le scendevano lungo la schiena. Ma la sua caratteristica più sorprendente erano i suoi occhi. Erano grandi, intelligenti e di un blu brillante, seminascosti sotto un ventaglio di ciglia scure. Ben...

1 I più visti

Likes 0

La giovane Amy combatte i suoi desideri.

Durante il fine settimana, Amy ha pensato che Max l'avesse scopata. Sì, era sicura nella sua mente che fosse quello che era successo venerdì pomeriggio. Max l'aveva scopata. Non era colpa sua. Ma lei continuava a pensarci e a pensarci, ei pensieri continuavano a farle sentire una sensazione di formicolio sessuale nei suoi lombi che le fece scivolare la mano tra le cosce per strofinarsi. Adesso era lunedì pomeriggio e la scuola era finita. Era stato difficile tenere la mano tra le cosce durante le lezioni, ma in qualche modo ci era riuscita. Ora tornando a casa, poteva sentire l'umidità delle...

588 I più visti

Likes 0

Il risveglio sessuale di Jennifer - Ch5 - Prendere il sole

1 suggerimento Jennifer, ti ricordi che ho menzionato un bel posto appartato dove possiamo andare a prendere il sole in pace? 'Sì.' Vorresti andarci domani? 'Oh si.' È un po' fuori dai sentieri battuti, quindi che ne dici di noleggiare un paio di biciclette per arrivarci? Ok, ma non ci renderà un po' accaldati e sudati quando arriviamo? «Oh, sì, decisamente, ma questo è il punto. Ne varrà la pena, vedrai.' 2 Prepararsi Cosa dovrei indossare? si chiese Jennifer, guardando attraverso il suo guardaroba e sistemandosi su un crop top scollato con una minigonna avvolgente. Decise che avrebbe indossato anche il...

386 I più visti

Likes 0

Il viaggio in spiaggia_(3)

Il viaggio in spiaggia Non ho mai pensato a me stesso come uno spettatore. Non direi che sono brutta, ma non ho mai pensato che le ragazze parlassero di me e non fossi molto ricercata. Ero più un amico. Uscivo sempre con le ragazze, ma non pensavo che nessuna di loro fosse interessata a me. Ho 15 anni, circa 5'11, 150 libbre e niente di veramente speciale. Occhi castani, capelli castani, quasi del tutto nella media. Ero abbastanza in forma, grazie al fatto che giocavo a calcio, e avevo molto successo a scuola. Ero andato fino alla terza media senza una...

439 I più visti

Likes 0

Parte 5_(1)

Accendi la fotocamera: Toni è seduta sul bordo del letto con Joe e io in piedi su ogni lato di lei si sta accarezzando un cazzo in ogni mano, a turno succhiandoli e leccandoli a turno, inizia a prendersela davvero mentre fa la gola profonda gemendo e conati di vomito mentre va avanti ci tira su sul letto per i nostri cazzi e ci mettiamo in posizione. Joe si è sdraiato sulla schiena e Toni a cavallo di lui ha guidato il suo grosso casco nella sua figa bagnata, l'ho guardata un po' per poterla vedere una crema bianca densa scivola...

439 I più visti

Likes 0

Parte 25: Calore corporeo

Episodio II Delle avventure di John e Holly Parte 25: Calore corporeo Sabato mattina ci siamo svegliati e abbiamo scoperto che il caldo era morto. Nessun caldo a novembre significa che fa molto freddo nel nostro appartamento. Stephanie e Sandy non volevano restare, così andarono a casa di un'amica. Non possono essere qui fino a lunedì disse Holly, alzandosi dal telefono e sedendosi accanto a me sul divano. Entrambi indossavamo la tuta. Potremmo approfittare del freddo dissi. Come mi ha chiesto Holly. Calore corporeo ho detto. Pochi minuti dopo eravamo entrambi nudi, con un'enorme coperta avvolta intorno a entrambi, i nostri...

339 I più visti

Likes 0

Sharon è di proprietà pt 2 , dopo il ballo_(2)

Sharon si stava masturbando Billy mentre parlava con Cindy sul cellulare, era il giorno dopo il ballo di fine anno ed erano le 15. Sharon e Billy avevano passato quasi tutto il tempo a letto. Aveva anche suo padre, George portava loro la colazione a letto mentre lei continuava a dare la testa a Billy. La scorsa notte Billy era tornato a casa super eccitato perché era stato masturbato solo da Cindy nella limousine, nient'altro. Quindi, essendo la brava troia del sesso, Sharon stava aspettando nel letto di Billy indossando il suo reggiseno rosa e slip preferiti. Ha mormorato un rapido...

55 I più visti

Likes 0

Pane e burro

Nota dell'autore; Questa storia è una storia d'amore, e il sesso si verifica verso la fine. Ad alcuni potrebbe non piacere per la sua mancanza di luridezza vicaria dall'inizio alla fine. La poesia che John condivide con Rachel; Autumn appartiene a Emily Elizabeth Dickenson, (10 dicembre 1830 - 15 maggio 1886). Era una poetessa americana. L'ho scelta perché è la mia poesia preferita dell'autunno e il mio periodo dell'anno preferito. Pane e burro Beagle9690 Settembre 2019 Ha servito ventisette anni nei Marines, ritirandosi come colonnello a quarantacinque. I Marines hanno temprato John duro e resistente come il ferro forgiato. Era rispettosamente...

595 I più visti

Likes 0

Adottato 2

Adottato parte 2 Patty si rifiutò di scopare di nuovo il figlio adottivo quel giorno, tutte le volte che lui l'ha infastidita per un'altra possibilità di far scivolare il suo cazzo apparentemente sempre duro dentro di lei figa. Rifiutarlo non è stato facile. Ha passato la maggior parte della serata a scopare con le dita, chiusa nella sua stanza e sfregandosi febbrilmente la sua figa bagnata, tutto a pensieri di gioia che aveva provato con l'enorme cazzo del figlio adottivo. La mattina dopo, Walter si presentò al tavolo della colazione completamente nudo, con un'enorme palpitante erezione che stava già perdendo sperma...

621 I più visti

Likes 0

L'autostoppista Capitolo 15 - Casa dolce casa

Erano appena passate le 23 quando siamo entrati nel mio garage, ho preso la borsa con le cose che avevo portato e l'ho fatta entrare. Ho detto ad Alexa di accendere le luci del bar quando siamo entrati e May Ann ha detto: Gesù Tony, questo è bellissimo .” Mettiti a casa mentre metto via tutto. Vagò per le scale, andò nella veranda e accese la luce esterna in modo da poter vedere il grande cortile, il ponte e la piscina. Poi tornò dentro, guardò alcune foto e salì al piano di sopra. L'ho trovata seduta sul bordo del mio letto...

568 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.