Per un"

463Report
Per un

Per un"

Forse dovrei spiegare. Si tratta di un resoconto di vita reale, aggiornato e coinvolgente, che coinvolge persone reali che, per molte ragioni, sarebbero vulnerabili sia nella loro vita professionale che personale se troppi dettagli fossero resi pubblici. Sono sicuro che tu, il lettore, perdonerai la mancanza di nomi o dettagli accurati sulla posizione. Chi mi conosce bene probabilmente riconoscerà alcuni aspetti e magari farà due più due. Dovrò occuparmi di questo, se e quando arriverà il momento. La mia reputazione, sebbene importante per me, è un po’ meno importante da considerare rispetto a quanto lo sia la “A” per entrambi.

"A" è una donna molto bella che non è di questo paese. È impiegata nella mia stessa organizzazione. Il suo ruolo è quello di assistente personale del mio superiore e, come tale, significa che interagiamo quasi quotidianamente. "A" ha quarant'anni e sette anni nel suo secondo matrimonio, ho la sensazione che non tutto vada bene in quel reparto, ma è qualcosa di cui non abbiamo discusso troppo a fondo. Ha vissuto in Inghilterra per tutta la durata del suo matrimonio. "A" parla solo di parti della sua vita al di fuori del lavoro e di argomenti legati al lavoro. Tiene il resto privato e sotto chiave. Posso capirlo e, fino a un certo punto, anche entrare in empatia con esso. Venendo dalla Polonia e con l'educazione che ha avuto in una famiglia severa, condividere alcune informazioni non è una condizione naturale e non vorrei intromettermi.

È bellissima con un sorriso bizzarro e sbilenco che le illumina il viso e increspa gli angoli degli occhi. È sempre vestita in modo elegante e ha la tendenza a indossare abiti che alludono alle delizie sottostanti, mostrando una scollatura appena sufficiente ad attirare l'attenzione, ma senza essere meno che di buon gusto. Alcuni dei suoi vestiti sono piuttosto corti e possono mostrare lampi dell'interno coscia che stuzzicano questi sensi di cui soffro. Se fossi scortese, direi che la sua acconciatura non è lusinghiera. Se fossi davvero scortese, direi che sembra che un giardiniere miope, essendo di lunghezze diverse, l'abbia tagliato. Chi sono io per discutere o commentare la moda dei capelli? Mi aggrappo al mio spazzolone ultrasottile e lo faccio tagliare il più corto possibile.

"A" ha occhi color nocciola che sono grandi ed espressivi. Trasmettono i suoi stati d'animo cambiando colore, diventando più scuri quando è eccitata o turbata. La sua bocca ha questa cadenza ed è leggermente asimmetrica. Lo trovo accattivante. Le sue visite regolari alla sala fitness e gli esercizi di danza Zumba mantengono il suo corpo in ottima forma. Aveva già gli elementi costitutivi giusti su cui lavorare, il regime ha semplicemente levigato i bordi fino a creare un delizioso piacere visivo.

"A" è di gran lunga il mio junior nell'organizzazione e negli anni. Il mio ruolo di senior manager comporta spesso il ricorso ai suoi servizi come verbalizzante nelle riunioni, quindi ci vediamo spesso e abbiamo sempre condiviso una risata. Scherzare può essere un po' difficile laddove il suo linguaggio, sebbene estremamente buono, non traduce necessariamente le sfumature dell'umorismo. Dovrei aggiungere che ho il mio senso dell'umorismo e la mia risposta che molti non capiscono, quindi può essere perdonata.

È stato davanti a una tazza di caffè che abbiamo trovato un terreno comune. Le ho detto che ora avevo pubblicato diversi racconti, ma non le avrei detto dove trovarli. Non vorrei che pensasse che sono una specie di pervertito, che scrive libri erotici da rimbambito. Ho sessantuno anni, la scrittura mi è arrivata tardi e da allora ho cercato di recuperare il tempo perduto. Alla fine ho accettato di farle leggere uno dei miei racconti, inserendolo in una memory stick in modo che potesse leggerlo a suo piacimento. "The Office" è un pezzo che ho scritto circa un anno fa, è divertente, ma racconta anche la storia di un giovane uomo in un ambiente d'ufficio, pieno di donne intelligenti da strada. Una descrizione grafica del suo incontro sessuale fa parte della storia, ma non è l'intero pezzo, quindi è meno che pornografica e mi sento piuttosto più a mio agio nel far sì che la gente lo legga rispetto ad alcuni dei miei altri pezzi.

Sono sposato da più di quarant'anni. Ammetto di non essere stato del tutto fedele... beh in realtà ho colto quasi tutte le opportunità che mi si sono presentate. Qualunque sia il motivo, e non per cercare apertamente alternative al mio matrimonio, ho avuto più della mia giusta dose di partner alternativi. Alcuni di loro sono stati affari una tantum, ma anche alcuni legami molto più intensi che hanno coinvolto troppe emozioni per essere confortanti. Amo le donne. Adoro la loro sensazione, il tocco e l'odore. Un bel corpo mi entusiasma così come l'intelligenza, l'arguzia e la sensibilità. Se nel mix ci sono anche le lentiggini e gli occhi verdi, allora rimango completamente sbalordito.

Da questo umile inizio di condivisione della mia storia con lei e da alcune conversazioni che inevitabilmente finivano sul sesso in una forma o nell'altra, sono iniziate le basi di ciò che segue. Ad "A" è piaciuta la storia e ha scoperto un lato di me che pochissime persone conoscono. "Intrigante" è stata la sua descrizione e da lì in poi è stata creata una fantasia che ci ha coinvolto, nella nostra situazione attuale. "A" deve prendersi un po' di merito nel contenuto della fantasia, il suo contributo ha contribuito a renderla quello che è.

Devo dire, in chiusura di questa introduzione, che "A" è una persona molto sessuale. Appena sotto la superficie di un carapace ben mantenuto batte il cuore di una leonessa, che potrebbe facilmente strapparti via il cuore e te lo restituirebbe in piccole quantità, quanto basta per mantenere vive le tue speranze e i tuoi sogni. Il trucco sta nell'entrare sotto quello scudo protettivo e poi scoprire quanto profondamente sei stato coinvolto. È spaventoso quanto velocemente e totalmente puoi essere trascinato in una rete a imbuto con poche opzioni per fuggire.

La cosa insidiosa è che più sei coinvolto, meno ti importa. Basta non interrompere la corsa per scendere.

Fantasia.

È la prima serata, forse le sei e mezza, quando nell'edificio c'è molto più silenzio. Sono rimaste solo poche persone. Erano iniziati i corsi serali. Era un momento in cui sapevo che non saremmo stati disturbati.

La serratura della porta del mio ufficio era chiusa. Le luci sono state abbassate tramite il varialuce sul muro e le persiane sono abbassate fino alle finestre dal pavimento al soffitto. Per quanto possibile, eravamo isolati nel mio ufficio, un piccolo spazio in questo enorme edificio. Finalmente soli e questo era il momento che desideravamo e a cui pensavamo. Finalmente stiamo per consumare la nostra collaborazione e ciò verso cui ci siamo diretti in queste poche settimane.

Stavi al centro della stanza con le mani intrecciate dietro la schiena, come ti era stato detto. Ti avevo detto di toglierti i collant, ma di lasciare le scarpe. A parte questi articoli, sei completamente vestito. Ma, anche con gli strati di vestiti, probabilmente ti sentivi più vulnerabile di prima. Non sei abituato a ricevere istruzioni quando si tratta di sesso. Nessuno di noi sapeva veramente cosa aspettarsi l'uno dall'altro e forse era proprio il non sapere ad aumentare l'emozione. Potremmo solo sperare che questa unione sia reciprocamente gradita.

Ti studio mentre sono seduto sulla mia sedia. Valutare in silenzio il tuo corpo e pensare che sembreresti fantastico nudo. Non per la prima volta ti guardavo, ammiravo le tue forme femminili. Il mio sguardo fermo ti stava innervosendo. Forse era la mancanza di attività, forse una leggera impazienza che ti teneva leggermente fuori equilibrio. Sebbene entrambi sapessimo cosa riservava l'immediato futuro, la lentezza deliberata che stavo adottando ti faceva sentire sempre più nervoso, dandoti tempo per pensare, per preoccuparti che potesse non essere una buona idea. Era questa la cosa giusta da fare? Era troppo pericoloso? Era un delizioso dilemma impresso in modo trasparente sui tuoi lineamenti e mi stavo godendo il tuo disagio.

Alla fine, quando pensavo che fossi rimasto in piedi abbastanza a lungo, mi alzai dalla sedia e attraversai la stanza, mettendomi dietro di te. Ti ricordo, sussurrandoti all'orecchio, di tenere le mani dietro la schiena e che devono restare lì, a meno che non ti dica diversamente. Mi fa piacere la tua acquiescenza perché, nonostante ne abbiamo parlato da colleghi e poi da amici, prima di lasciarci coinvolgere in questo folle preludio all'attuale situazione, non ero sicuro che avresti adempiuto e, infatti, hai già affermato che lo saresti stato normalmente non sottomesso.

Tremi. Non so se sia nervosismo, paura, eccitazione o una combinazione di tutte queste emozioni, arrotolate in un nodo di tensione. So che risponderai ancora di più mentre i tuoi sensi corrono a questo ritmo febbrile. Anche questo mi fa piacere e posso rilassarmi, prendermi il mio tempo e godermi l'effetto che ogni continuazione ha su di te.

Deliberatamente provocatorio, faccio scorrere il dorso del mio indice lungo la linea della mascella, accarezzandoti la pelle, passando sotto l'orecchio e poi lungo il lato del collo, percorrendo la giugulare fino a raggiungere l'incavo della clavicola. È la prima volta che ti tocco e mi diletto nel brivido che prova il tocco. I tuoi occhi sono socchiusi, nascondendo parzialmente i tuoi occhi nocciola, come se ci fosse troppa luce. Noto per la prima volta che cambiano leggermente colore, diventando leggermente più scuri man mano che la temperatura aumenta.

Stando di nuovo dietro di te, abbasso la cerniera della tua gonna e, quando è caduta a terra, ti ordino di toglierla in modo da poterla raccogliere e appoggiare su una sedia. La tua camicetta, spiegazzata in fondo nel punto in cui era infilata nella cintura della gonna, copre abbastanza la tua metà inferiore da preservare la tua modestia. Ho intenzione che la situazione cambi rapidamente e ti mantenga sbilanciato. Ti voglio nervoso, insicuro e pieno di trepidazione. Si aggiunge al mio senso di eccitazione e al sentimento di aspettativa. Il fatto che siamo nel mio ufficio e fino a un certo punto vulnerabili non mi sfugge e aumenta il puro pericolo di ciò che stiamo per fare.

E poi ti dico di alzare le braccia. Li sollevi sopra la testa e li fai oscillare leggermente per aiutare le maniche della camicetta a scivolare sulle tue spalle. La camicetta è attaccata alla gonna e le tue mani tornano dietro la schiena senza che te lo dica. Questo mi fa piacere.

Ho pensato a lungo che avresti un corpo favoloso e non sono minimamente deluso mentre stai, tremando, indossando nient'altro che il tuo reggiseno, slip e scarpe. Hai una figura che mi sembra fatta per l'amore, né troppo magra né sovrappeso. Evidentemente i tuoi allenamenti in palestra ti stanno facendo bene, lo dimostra lo stato del tuo tono muscolare. Le tue curve sono proporzionali alla tua altezza e mi sento privilegiato ad averti in questo momento, nel mio ufficio e sul punto di diventare il mio amante. Hai un aspetto favoloso, in forma e splendidamente sano.

Il bisogno di toccare la tua nudità è quasi opprimente, una sensazione a cui mi sono abituato nelle ultime settimane. È stato molto difficile non allungare la mano e non toccarti, tenere le mie mani lontane da te dove hai infiammato il mio desiderio e mi hai incuriosito. Forse sono affascinato e invischiato nel tuo fascino.



Ma, in qualche modo, riesco a resistere all'impulso di spogliarti delle tue mutande. Invece, faccio scorrere le mani da dietro di te, intorno alla tua vita, correndo leggermente sopra i tuoi fianchi finché le mie mani non si incontrano al tuo stomaco. Tremi e ti viene la pelle d'oca. Ho dovuto fare mezzo passo avanti per essere abbastanza vicino da circondarti la vita. Mi mette in contatto con le tue mani, ancora giunte dietro la schiena. Puoi sentire la mia durezza attraverso gli strati dei pantaloni. Lentamente e con la massima leggerezza possibile, le mie mani, all'unisono, viaggiano verso l'alto finché non avrò i tuoi seni, uno in ciascuna mano, soppesandoli e assaporando la sensazione che, anche attraverso il tessuto del tuo reggiseno, sia fantastico. Sono perfetti come sapevo che sarebbero stati e cedono al mio delicato massaggio. Ti bacio il collo, appena sotto l'orecchio e ti assaggio per la prima volta e mentre il gusto mi scorre sulla lingua, l'odore del tuo profumo mi infiamma il naso. Il profumo che indossi è uno che non riconosco, sottile, ma ha l'effetto desiderato e aumenta il mio bisogno di te.

I miei pollici agganciano le spalline del tuo reggiseno e le sfilano dalle tue spalle. Faccio un passo indietro per lasciarmi lo spazio tra noi per slacciare l'indumento. Significa che il contatto delle tue mani è interrotto e per un momento ne piango la perdita. Ti dico di muovere le mani in avanti in modo che il reggiseno possa essere rimosso completamente. L'ho messo con la gonna e la camicetta. Hai rimesso le mani dietro la schiena. Ancora una volta mi faccio da parte, rinnovando il contatto delle tue mani sulla mia durezza. Le mie mani avvolgono i tuoi seni nudi e i tuoi capezzoli già semi-duri vengono strofinati e tirati delicatamente tra il pollice e l'indice. Si induriscono e le areole si raggrinziscono. Un gemito sfugge dalle tue labbra e sento che le tue ginocchia tremano. Spero che non si arrendano prima che io sia pronto a prenderti. Non voglio affrettare le cose, ho bisogno di prenderle ad un ritmo che permetta di assaporare ogni tocco, ogni carezza, di deliziarmi in ognuna e di fissarle tutte nella memoria, per essere godute ancora e ancora nei miei pensieri privati.

I miei pollici si agganciano alla fascia elastica dei tuoi slip e li abbassano, facendo scivolare l'indumento sui tuoi fianchi e lungo le gambe. Ti dico di toglierli e di metterli sopra il reggiseno.

Con una voce vibrante di passione crescente, ti chiedo di voltarti e, per la prima volta, ti vedo nella tua nudità. Lo spettacolo è sorprendente, più di quanto avrei potuto immaginare e devo resistere fisicamente all'impulso di leccarmi le labbra in anticipo. Sei molto più bella di quanto la mia immaginazione avrebbe potuto evocare. Sei la perfezione e mi chiedo come potrei essere così privilegiato di averti qui in questo momento.

Mi muovo per iniziare a slacciare i bottoni della camicia. Dimmi che lo farai. Per un secondo esito e poi realizzo che sono stato io il dominante nel spogliarti. Ora tocca a voi prendere l'iniziativa e dovrei permetterlo. Ti avvicini mentre io mi appoggio all'indietro con il sedere appoggiato sul bordo della scrivania, i piedi sul pavimento e le gambe divaricate in modo che tu possa avvicinarti a me.

Lentamente, uno per uno, slacci ogni bottone e togli i lembi della camicia dalla cintura dei miei pantaloni. I lembi anteriori si aprono, rivelando il mio petto quasi glabro. Slacci i polsini, tenendomi la mano, con il palmo rivolto verso l'alto, e li baci mentre i bottoni vengono rilasciati.

Le tue mani si appoggiano sul mio petto per un momento, come se provassero che sono reale. Poi, con cura e tocco morbido, mi metti la maglietta sulle spalle e lungo le braccia. Ha bisogno che io mi alzi dalla scrivania, in modo che tu possa togliere e mettere da parte la maglietta. Ti inginocchi ai miei piedi e slacci i lacci delle mie scarpe. Mi dici di sollevare ciascun piede in modo da poter togliere ogni scarpa. Mentre li metti da parte, mi tolgo i calzini, usando un trucco che ho imparato diversi anni fa quando non riuscivo a piegarmi nel punto in cui mi ero infortunato. Noti quello che ho fatto e una piega ti attraversa la fronte. Sorrido in modo colpevole, ma sono felice che tu non abbia avuto a che fare con i miei calzini. Di tutto il mio abbigliamento, i calzini sono qualcosa di cui non mi sento molto felice.

Ti avvicini e mi baci il petto, mordicchiandomi i capezzoli, che rispondono immediatamente, induriti e improvvisamente teneri. Mentre mi baci e mi mordi dolcemente, le tue dita manipolano e rilasciano la mia cintura e sbottonano la cintura dei miei pantaloni. Deliberatamente lentamente, abbassi la cerniera, sfiorando la mia durezza. Rilasci il mio capezzolo e ti inginocchi per abbassarmi completamente i pantaloni e poi mi dici di toglierli. Si uniscono alla mia maglietta.

Ti inginocchi di nuovo e mi baci la pancia. Il tocco delle tue labbra è elettrico sulla mia pelle e quasi non mi accorgo che mi stai abbassando gli slip finché il mio cazzo, nella sua eccitazione, non scatta libero di puntare verso di te, duro e pronto. Noto il moto di sorpresa quando ti rendi conto che sono senza peli, la mia condizione preferita.

Un piede alla volta, mi tolgo gli slip così che possano unirsi alla pila dei miei vestiti.

Ti avvicini a me e prendi la mia durezza nella tua mano mentre i tuoi occhi nocciola mi guardano fissamente. Ora siamo uguali. Nessuno di noi ha il dominio ed entrambi sono vulnerabili quanto l'altro quando si spogliano dei vestiti.

Afferrandoti la vita, ti giro in modo che tu sia appoggiato al bordo della mia scrivania. Calcio via la sedia e ti dico di aprire le gambe. Non avevo dimenticato che mi avevi detto che ricevere sesso orale non era una cosa che ti piaceva particolarmente, ma avevo anche in mente che avresti detto che avresti voluto provare con me. La mia intenzione in realtà non è altro che imprimerti totalmente, nella mia memoria. Mi inginocchio sul pavimento e assorbo il tuo muschio. Il tuo profumo naturale eccita il mio naso, un respiro profondo è tutto ciò che serve davvero, ma il desiderio di andare ancora un po' più lontano mi porta. Assaporo il tuo profumo naturale e anticipo il tuo gusto. È allettante come pensavo che sarebbe stato. Sei pura manna dal cielo, elisir di lunga vita e un mix inebriante. La mia lingua registra il tuo aroma mentre scivola sul tuo sesso, il mio naso preme forte contro il tuo clitoride. Il tuo sapore è come nettare, sapevo che sarebbe stato e riconosco la tua prontezza, assaporando la tua umidità.

Non è ancora il momento giusto per esplorare il mio dono di soddisfazione per te attraverso le azioni della mia lingua. Forse è qualcosa da esplorare quando la nostra situazione è diversa, quando abbiamo tempo e il lusso di poter conoscere veramente i rispettivi corpi. Dovrebbe essere un hotel o qualcosa che consenta completa libertà.

Decidi che i ruoli dovrebbero essere invertiti. Mi ordini di stare in piedi e, mentre nell'atto di mettermi in posizione eretta, ti inginocchi e afferri il mio membro turgido con la mano destra. Quindi abbassi la testa finché la lingua non ne accarezza l'estremità, inumidendola. Deliziosamente lentamente, le tue labbra si aprono e circondano il mio cazzo. La sensazione, per me, è oltre il sublime. Per tanto tempo avevo immaginato e sognato un momento come questo con te. Non avrei mai potuto evocare un sentimento così divino. Non so per quanto tempo continui così, il tempo scorre inosservato, so solo che voglio che non finisca mai.

Alla fine, però, la progressione naturale riprende. Devo toccarti, stringerti, sentire il tuo corpo vicino al mio e sentire il tuo cuore battere contro di me. Delicatamente, ti afferro la testa e ti guido ad alzarti. Devo baciarti. Ho bisogno di baciarti, all'improvviso e disperatamente. È un bisogno travolgente che i ruscelli non rifiutano. Le nostre labbra si toccano e poi si fondono insieme, condividendo il respiro. Le nostre lingue si esplorano, si assaporano a vicenda.

Corpi stretti, uniti ai fianchi e stretti tra le braccia. È un momento, in un periodo di tempo pieno di delizie e scoperte, del tutto singolare, un'oasi che si distingue da sola ed è tanto più speciale. Un momento in cui, se fosse possibile, diventeremmo un corpo solo ed è il momento in cui so di essere sublimemente felice; anche la gioia e la lussuria diventano qualcosa di completamente diverso.

I baci vengono consegnati al tuo collo, alle tue spalle e alla gola e vengono ricevuti in cambio da te. Ogni sfioramento di labbra e denti alimenta le fiamme di una passione crescente. Non voglio trattenermi più, il tormento di non essere dentro di te mi sta facendo impazzire. Ho bisogno di te. Ti voglio e so che provi lo stesso.

Ti appoggi alla mia scrivania, piegandoti all'anca. È un invito per me a unirmi a voi in un'unione di corpi, legati dal cordone ombelicale del mio membro. La tua parte bassa della schiena è accarezzata dalla punta delle mie dita, volteggiando in schemi non tracciati. L'altra mia mano si allunga e trova il tuo sesso. Mi aiuta a guidarmi dentro di te.

Dici qualcosa, ma non lo sento. Tutta la mia concentrazione è centrata sull'entrare nel tuo corpo e poi fare l'amore con te come desidero da tanto tempo. Alla fine, sono sepolto dentro e posso sentire, allo stesso tempo, il tuo calore e la tua umidità mentre mi accetti. Per un attimo nessuno dei due si muove. Sto assaporando la tua meravigliosa sensazione e voglio prolungare quella sensazione per un po'. Ma poi il ritmo istintivo del sesso comincia a essere registrato e i nostri corpi rispondono al richiamo della melodia. All'inizio lentamente, come se mettessimo alla prova i limiti, ma gradualmente le nostre spinte diventano più veloci, più forti e più insistenti.

I miei piedi sono divaricati per mantenere l'equilibrio. La stabilità libera le mie mani per esplorare, afferrare, massaggiare e trattenere. Riesco a raggiungere i tuoi seni, che si annidano nei palmi delle mie mani, massaggiando e impastando mentre i nostri corpi si scontrano l'uno contro l'altro, costruendosi furiosamente fino al punto di rilascio.

Piangi perché mi fermi. Ti alzi, costringendomi a uscire dal tuo corpo e a voltarti. Mi dici che vuoi trattenermi, vuoi vedermi e assistere al momento in cui cederò i miei fluidi dentro di te.

Ti bacio la bocca e ti guido in modo che tu sia mezzo seduto sul bordo della scrivania, con i piedi per terra e le gambe divaricate, pronto a ricevermi ancora una volta. Le tue braccia mi circondano il collo mentre mi faccio strada dentro di te e, attirandomi così verso di te, le nostre labbra si toccano, le bocche si aprono, il respiro si mescola e la nostra temperatura aumenta ancora di più. La danza dell'accoppiamento ricomincia ad un ritmo deciso di comune accordo, ciascuno guidato dalle spinte e dai dondolii pelvici. Mi spinge profondamente dentro di te. Vedo che i tuoi occhi sono diventati piuttosto scuri, più scuri del nocciola che sono normalmente. Mi sorridi e poi mi stringi forte in un abbraccio che ti aiuta ad ancorarti e a permettere ai tuoi fianchi di muoversi più liberamente e di adattarsi esattamente al mio ritmo. Le tue gambe mi circondano e mi attirano ancora di più dentro di te.

Gemo, basso e gutturale mentre il mio rilascio si avvicina. La mia bocca è sulla tua gola, ti bacia e ti assapora. Il tuo respiro, caldo, mi sfiora la pelle, sopra la spalla e sulla nuca. Ognuno di noi emette suoni dal fondo della gola con gli sforzi che stiamo compiendo. Man mano che il momento del climax reciproco si avvicina, i nostri gemiti si accorciano, trasformandosi quasi in grugniti.

E poi, all'improvviso, arriva il momento dell'ultimatum. Non posso resistere più a lungo. Le pulsazioni dell'orgasmo ti inondano e, mentre senti il ​​mio seme, il tuo stesso orgasmo ti travolge. La tua testa è gettata all'indietro, gli occhi ben chiusi e i denti serrati mentre le increspature ti attraversano. Ti stringo a me, lottando per riprendere fiato. Sono perso in te e, per quel momento, non mi importa e non penso nemmeno alle conseguenze di questa relazione illecita. Tutto ciò che consuma è la passione condivisa che abbiamo avuto. È un momento senza età, senza tempo e sembra durare un'eternità ma è solo pochi secondi fugaci.

Alla fine scivolo dal tuo corpo, ma non voglio lasciarti andare, anche se abbiamo bisogno di ripulirci. Ho paura che, se ti lasciassi fuori dalle mie braccia, potrei non avere mai più la gioia di te. Ti sussurro all'orecchio dicendoti grazie. Sorridi ed è un sorriso delizioso quello che si irradia nel mio cuore.

La realtà ritorna in noi e, con riluttanza, dobbiamo ripulirci, vestirci e poi uscire nel mondo oltre la porta del mio ufficio. Solo che ora il mondo ha una nuova prospettiva su questo argomento. Il nostro segreto è sconosciuto oltre le mura di questo ufficio e coloro con cui lavoriamo, che ci conoscono bene, sono sconcertati dal nostro sorriso costante mentre attraversiamo le nostre giornate.

Quindi, ora hai letto la storia di ciò che potrebbe, potrebbe essere. Spero che spieghi cosa provo per te, come ti sei spostato in uno spazio nella mia mente che sono sicuro sia sempre stato riservato solo a te. Aspetto la tua reazione, sentendomi un condannato, aspettando che il patibolo sia finito per poterlo salire fino alla sua rovina. La fantasia è troppa? Mi sono spinto troppo oltre? Non lo so e aspettare la tua reazione mi sta paralizzando.

Ci incontriamo per pranzo, scegliendo un posto a poche centinaia di metri dal College, nel nuovo caffè Marks and Spencer nel loro nuovo edificio. È rumoroso e fai fatica a mangiare la pasta nel suo bozzolo di plastica trasparente. Fai fatica a causa della tensione nervosa tra noi. Esteriormente sembro calmo, composto e a mio agio, ma dietro la facciata c'è un tumulto di emozioni contrastanti, di conflitti e confusione.

Sorseggio il mio tè e ti osservo, inquieto. Sorridi un secondo mentre manteniamo il contatto visivo e poi, il successivo, distogli lo sguardo come se fossi imbarazzato e il sorriso svanisce o si intensifica, a seconda di ciò che ti passa per la mente. Riesco a conoscere la tua storia, o almeno, tutto ciò che sei disposto a rivelare liberamente. Non posso fare a meno di pensare che sia successo qualcosa di traumatico nella tua vita e dubito che ne verrò mai a conoscenza.

Mi sbalordisci quando dici che uscire dal tuo matrimonio per fare sesso non è al di là del regno delle possibilità. È implicito, ma dichiarato apertamente, che il sesso con me non è qualcosa a cui saresti contrario. L'attrazione tra noi è evidente, ma questa è la prima volta che ti sento ammetterlo.

Cercando di essere obiettivi, parliamo e discutiamo della fantasia. I nostri sentimenti e le nostre emozioni sono confusi, la confusione e l'eccitazione scorrono nelle nostre vene, sostituendo i globuli e le piastrine, fluidificando il sangue in modo che il colpo di adrenalina sia molto più forte.

Ti sei chiesto se questa fosse una previsione di eventi a venire, o una fantasia piacevole, ma sempre e solo quella, una fantasia in cui non potremo mai imbarcarci. La struttura delle nostre menti fertili porta con sé tutte le caratteristiche di una nascente relazione d'ufficio che potrebbe essere la rovina di entrambi. Il pericolo di essere scoperti ha conseguenze di vasta portata che potrebbero rovinare entrambe le nostre carriere e rovinare i nostri rispettivi matrimoni. Ma rimane questa attrazione fisica e spetta a noi decidere se portarla a quella che, ne sono sicuro, sarebbe una conclusione reciprocamente soddisfacente.

E poi ancora, questa esplorazione reciproca sarebbe sufficiente? Potrebbe essere qualcosa di casuale? Vorremmo mantenere o propagare una relazione che possiamo solo sperare di mantenere segreta? In qualche modo dubito che sarebbe mai una cosa semplice o una cosa sola. Le dinamiche della nostra relazione devono cambiare. Potrei essere in grado di tenere separata la mia vita professionale da quella privata, ma tu puoi? Le emozioni hanno l’abitudine di intralciarsi, di essere trasparenti per coloro con cui lavoriamo.

C’è un’altra domanda che merita di essere posta. È meglio pianificare in modo calcolato o dovrebbe avvenire spontaneamente con tutti i rischi di scoperta che ne derivano? Potremmo essere abbastanza obiettivi da tenerlo nascosto? Oppure verremmo trascinati dalla marea della lussuria, come tanti relitti, per poi ritrovarci alla deriva quando tutto alla fine finirà per essere diffuso dai nostri colleghi e poi dai coniugi.

Non posso conoscere le risposte, ma voglio davvero saperlo? Dovrei analizzarlo fino a questo punto? Ciò di cui sono certo è che voglio conoscerti nel modo più intimo e fino a un certo punto; non potevo dare peso a quello che potrebbe essere il risultato. Semplicemente non vorrei che tu fossi svantaggiato, solo perché desidero il tuo corpo. Non vorrei sapere nemmeno per un secondo di aver contribuito a rovinare la tua posizione. E sì, voglio conoscerti, in tutti i sensi carnali. Vederti ed esserti così vicino, ora che abbiamo condiviso questa storia e parlato delle possibilità. Il pericolo di una tale relazione e di incursioni leggermente indirette negli appetiti e nelle preferenze sessuali reciproci è una tortura.

L'incontro clandestino all'ora di pranzo viene interrotto quando due colleghi si siedono a un tavolo adiacente. La libertà di parola viene limitata e ce ne andiamo poco dopo.

Adoro il modo in cui ti vesti. Top succinti, abiti corti o jeans attillati, sembrano progettati per inebriare, infiammare i miei sensi e, anche se mantengo un atteggiamento distaccato mentre interagiamo durante la nostra giornata lavorativa, è difficile per me trattenere le mie mani dal tenderti e toccarti .

Comunque ci riesco e avrei lasciato che rimanesse una fantasia condivisa, piacevole, erotica ed eccitante, ma pur sempre una fantasia. Ed è così che lo lascio a te, le mie parole trasportate dalla brezza, proveniente dal canale che abbiamo costeggiato, ma non prima che siano state depositate e registrate nella tua mente.

Fino a.

La notte scorsa era così vicina alla fantasia della storia; è un bene, forse, che tu dovessi essere da qualche altra parte alle sei e un quarto. Quando ti ho invitato nel mio ufficio, non era con l'intenzione di aggiungere benzina sul fuoco o di starti così vicino. Volevo solo parlare. Ebbene, questo non è del tutto vero. La possibilità di trattenerti, di esplorarti è sempre in un angolo della mia mente. Ma non avevo intenzione di guidarla, ma piuttosto di concederti lo spazio senza pressione.

Sedermi di fronte a te sarebbe stato bello, ma ho notato che ti abbassavi il vestito, inconsciamente, ho notato che eri nervoso, persino nervoso. Siamo riusciti a parlare di inconseguenze, di questo e di quello. Abbiamo parlato della tua casa e della tua famiglia, di matrimoni e cose simili. Ma, mentre le nostre parole rimbalzano sui muri e rimbombano nelle nostre teste, lasciando un'impressione poco duratura, l'alchimia sessuale funziona, abbattendo barriere e difese.



Mi hai chiesto perché ero seduto così lontano da te. Ti ho detto che rispettavo la tua dichiarazione di qualche giorno fa, secondo cui non eri pronto né preparato per una faccenda d'ufficio. Mi sarei accontentato di passare un po' di tempo con te, ma nel frattempo osservavo il tuo corpo, leggendo il linguaggio che è silenzioso e non ha bisogno di parole. Ti sento, incapace di decidere su un argomento, faticare a mettere insieme frasi coerenti o finire un filo di pensieri articolati.

Ma l’attrazione fisica supera il buon senso, supera la razionalità. Come la carta sulla roccia, l'attrazione è fin troppo soffocante.

Essendo la contraddizione che sei, d'un fiato mi stai dicendo che non sei pronto, essendo sensato, pratico. E poi, nell'attimo successivo, mi dici di avvicinarmi. La mia determinazione, temo, non era abbastanza forte da mantenere lo spazio tra noi. Mi hai chiesto cosa sarebbe successo se mi fossi avvicinato. Penso che tu conosca la risposta e speri in essa, anche se tutto nella tua mente dice di no. Ti ho detto, in risposta, che avrei trovato molto difficile tenere le mani lontane da te. La tentazione di abbracciarti, di baciarti è troppo forte per resistere e non sono sicuro che avremmo la capacità di fermarci.

Come una falena in fiamme, sono attratto dal tuo spazio personale, le nostre rispettive sedie si scontrano l'una con l'altra come autoscontri su ruote. Come se di loro spontanea volontà, le mie mani tengono il tuo viso, inclinandolo verso l'alto in modo che le nostre bocche si tocchino, labbro contro labbro e poi si tocchino ancora e ancora. Ti bacio il collo mentre mi stringi a te e ti voglio. Ti voglio nel modo peggiore. Alla fine riusciamo a staccarci, a prendere fiato e a guardarci negli occhi. È una breve tregua. Dà a entrambi un momento per riprendere fiato e per far sì che il mio cuore si ritiri prima di uscire dal petto.

Le nostre mani si appoggiano l'una sulle cosce dell'altra, accarezzandole con piccoli movimenti circolari, con la pelle che si tocca appena. Voglio toccarti nei luoghi più intimi. L'accesso c'è, il tuo vestito corto si è alzato, ma non abbastanza perché io possa vedere i tesori sottostanti e questo è un bene, perché un tocco accenderebbe le fiamme come il napalm e sarebbe altrettanto inestinguibile. Il tuo sesso è nascosto alla vista, ma solo di poco e le mie mani sono così vicine, così vicine. Posso sentire il tuo calore. Lo assorbo attraverso la pelle. Basterebbe il minimo movimento per sfiorare le tue labbra. Voglio andare oltre, esplorare il tuo interno cosce. La tentazione è quasi irresistibile. È solo la forza di volontà che me lo impedisce. Voglio tenerti tra le mie mani, accarezzarti, eccitare i tuoi sensi. E voglio consumarti. Per quanto contraddittorio, non voglio spaventarti con la forza della passione che dimostri in me.

Con mio stupore, trovo che tremo. Il mio cuore sbatte contro le mie costole mentre i pensieri carnali corrono attraverso il mio pensiero come i cavalli stampanti. Sono sorpreso dal potere di questi sentimenti che pensavo fossero passati da tempo. Sono inutilizzato ad essere così attratto, così vicino a entrare in qualcosa di così tutto ciò che consuma. Mi sono seduto indietro, rompendo il contatto, nel tentativo di riguadagnare un certo controllo della situazione e il mio tumulto di sensi. Forse funziona per un momento, non ricordo ora mentre scrivo questo.

Il momento successivo frantuma qualsiasi equilibrio che ho riacquistato.

Dici che sei tentato di vedere se quello che ho scritto era vero e inizia a sedermi intenzionalmente. So immediatamente cosa intendi e guardi mentre riesci a impedirti di raggiungere la cerniera per vedere se sono rasato o no. Anche se provarlo sarebbe gentile, so che avremmo attraversato una linea da cui sarebbe stato estremamente difficile annullare. Molto probabilmente, saresti andato in ginocchio e mi saresti preso in bocca. So che non ti avrei fermato. Dubito che avrei potuto fermarti e non vorrei.

Ma sei riuscito a sovrascrivere la tua curiosità. Ci baciamo invece. Trovo la tua bocca e poi il tuo collo, baciandosi sotto l'orecchio, prendendo il tuo aroma e amando l'effetto che ha su di me. "A", mi infiamme e voglio portarti, in quel momento, per possedere te, il tuo corpo e la tua anima. Voglio e ho bisogno di te, proprio lì e proprio a quel secondo. È una sensazione che consuma e so che resistere è quasi troppo difficile per me. In qualche modo, però, resistiamo.

Ti alzi, è tempo che tu vada e mentre ci troviamo, ci baciamo di nuovo e ci fermiamo insieme. Sei un'intossicazione inebriante, facendo girare la testa e il mio cuore correre. E poi, ti giri con le spalle a me, simile alla storia. Le mie mani si incontrano allo stomaco mentre ti bacio il collo. Per un momento, non riesco a rilevare come questo ti colpisce, ma poi afferri le mani. Ho pensato che fosse liberarli, ma no; Li guidi sul seno e ti avvicino, i nostri corpi si fondono in una forma.

Deve finire. Entrambi abbiamo posti dove stare e mi chiedi di lasciarti andare. Ci baciamo ancora una volta. La tua schiena è contro la porta del mio ufficio. Solvendo delicatamente il mento per baciarti la gola e poi le labbra ancora una volta. Non voglio che te ne vada, non voglio che finisca, ma so che deve e quindi, apro la porta per te e ti auguro buonanotte e mi pento che doveva essere così.

Non so dove andrà. Non ho assolutamente alcuna idea di ciò che accadrà. Un minuto, dubito che troveremo mai un tempo o uno spazio per stare insieme. E poi, sto cercando di capire come e quando. Sono distratto e grato che sarò via giocando a golf per alcuni giorni in modo che ci sia spazio per respirare tra noi e la possibilità di pensare. Sei costantemente nella mia mente e i tre giorni il golf viene giocato senza la mia piena attenzione. Mostra nei punteggi che ho.

Una cosa che mi viene in mente è che potrei invitarti a viaggiare con me in Surrey. Forse visitare un vigneto, le pietre di lancio e la casa estiva in cima a Leith Hill, dove sono cresciuto. Lo pianifico mentre torno dal Lincolnshire, ma poi penso di essere stupido. Perché vorresti andare lì con me? Perché vorresti andare ovunque con me? Sto recitando e pensando come uno scolaro e alla mia età che non si adatta molto bene. È confuso per me. La mia solita prospettiva calma e placida è stata capovolta e sono inutilizzato per essere così fuori dal kilter.

Comincio a pensare che, forse posso chiamarlo. Metti un coperchio sull'intera faccenda e comportati come un adulto maturo. Decido di parlarti solo in modo professionale e ignorare le emozioni che sono state suscitate dall'attrazione che sembriamo condividere. Mercoledì mattina, sono pieno della forza di eseguire la mia determinazione. Non voglio metterti in una posizione che renderà difficile la tua vita lavorativa. So come i tamburi dell'ufficio possono diffondere voci e pettegolezzi più velocemente di ogni altra cosa e, so quanto possa essere dannoso. Ma poi ti vedo e condivido un breve momento e la mia determinazione si dissipa in così tanta polvere.

Parliamo solo brevemente giovedì, abbastanza a lungo da dire che c'è un problema nella zona in cui lavori. Il tuo viso mostra il tuo disagio e la tua frustrazione. TU, con tatto, non dirmi quale sia il problema, ma è ovvio che sei arrabbiato, arrabbiato e spero di non essere stata la causa. Venerdì non è migliore. Sei figo verso di me, distaccato e ritirato. Il sorriso abbagliante non è lì e temo che l'impatto sulla sera alcuni giorni prima, potrebbe averti spaventato o farti sedere e fare il punto. Forse ti ha permesso di considerare se sei preparato o pronto a essere coinvolto in qualcosa di così pazzo come questo.

La mancanza di contatto tra noi non mi permette di chiederti qual è il problema o se hai deciso di finirlo tra noi. Forse è una buona cosa che non ne ho la possibilità, perché la tua risposta sarebbe data mentre era ancora arrabbiata.

Sto intervistando l'unica volta che sei disponibile. Un'offerta per le bevande dopo il lavoro viene negata e penso che allora la decisione di raffreddarsi sia fuori di mano. Penso che tu abbia già deciso che è finito prima che iniziasse. Piango l'occasione persa, ma capisco completamente. Sei molto più forte di me e hai ragione. Sapendo che hai ragione, però, non diminuisce i miei sentimenti nei tuoi confronti. Il desiderio è altrettanto forte. Mi ritrovo a cercarti, sperando di imbatterti in te, ma sentirlo in qualche modo, in questo edificio grande, ma limitante, mi stai evitando.

Martedì vede un cambiamento di atteggiamento. Mi sorridi e sono pieno di piacere. È un bel sorriso che si illumina gli occhi e mi riempie il cuore di calore. Abbiamo alcuni momenti, seduti sulle sedie nel tuo ufficio condiviso. Mi restituisci la memoria con la fantasia su di esso. Mi dici, non letti da quando sono state apportate le alterazioni. Sto bene con quello, ma mi sarebbe piaciuto se lo avessi letto, anche solo per il tuo contributo. Comprendo il tuo ragionamento e non posso biasimarti per non aver aperto il file.

Senza dire troppo, riaffermi che un affare d'ufficio è qualcosa in cui non desideri entrare. Sarebbe troppo difficile e complicato e sono d'accordo, ma lo desidero diversamente. Mi chiedi di non pensare a te e ti chiedo come potrei. L'ho trovato lusinghiero, eccitante e l'ho trovato una sorpresa in questa fase della mia vita. È quasi tanto un brivido, sapendo che era stata una possibilità reale, che se fossimo effettivamente riusciti a riunirci.

Accettiamo di prendere un caffè durante la settimana e di avere una conversazione ininterrotta. Dovrà essere nella mensa per evitare ogni possibilità di diventare troppo vicino o toccare. Stai passando alcuni giorni in Polonia e non vedi l'ora.

È in effetti, più di una settimana fino a quando non avremo la possibilità di parlare. Mi dici un po 'del tuo soggiorno con la tua famiglia in Polonia, ma come al solito, mantieni i dettagli limitati e privati. Le foto che hai messo sul face book mostrano alcuni dei luoghi che hai visitato, ma nessuna della tua famiglia. Non lascio un commento su di loro, sapendo che tuo marito ha accesso alla pagina del tuo libro. Potremmo non avere una relazione, ma non vorrei aggiungere carburante alle differenze che stai avendo.

Noto mentre parliamo, che il tuo linguaggio del corpo è aperto, invitante anche e, mentre la tua mente e le tue parole mi stanno respingendo, il tuo corpo ha altre intenzioni. Le tue mani sono espressive e ti siedi indietro, le gambe non attraversate, mostrandomi la lunghezza del tuo corpo, senza ostacoli e non protette. Noto queste cose, ma ascolto invece quello che mi stai dicendo. È stata una bella fantasia e quel breve tempo nel mio ufficio quando abbiamo quasi recitato è stato molto eccitante, ma praticanti e impegni hanno superato le circostanze. Mi stai dicendo, non in così tante parole, che non accadrà.

L'opportunità è stata per me, elettrizzante, confusa e ha fatto qualcosa per il mio ego invecchiato. Il fatto che una bella donna, come te, dovrebbe prendere una fantasia per la mia persona anziana, fa di più per me di quanto non possa spiegare. Sono sempre stato un uomo sessuale, ma ho messo il sesso da una parte negli ultimi anni come faceva qualcosa di più giovani e non il vecchio nebbia seduto di fronte a te.

Ho eccezione della tua decisione, ma allo stesso tempo, mi sento come se avessi perso un'opportunità. In privato, sto incolpando me stesso, pensando che arrivare così forte in ufficio, fosse un errore, goffo da parte mia e, se non fossi stato così desideroso, potrebbe essere ancora vivo. Mi sorprende che avrei dovuto essere così inetto. Non ci sono mai stato prima.

Per alcune settimane, il nostro contatto è sporadico e solo nelle capacità professionali delle nostre rispettive posizioni. Scopro, però, che il mio trattamento di te è al limite del crudele. Come se avessi perso un amico e avessi guadagnato un nemico. Fortunatamente, mi rendo conto di quello che sto facendo e faccio uno sforzo consapevole per essere lo stesso ragazzo che sono sempre stato con te. Ora che ho realizzato la mia stupidità e la mia vendetta, siamo in grado di rilassarci l'uno con l'altro e siamo di nuovo amici. Inferno! Condividiamo persino battute e riusciamo a ridere.

Il mio congedo annuale è arrivato. Due settimane in Galles, visitando luoghi storici, castelli e cavalcate a vapore. È il momento di rilassarsi e godersi la compagnia di mia moglie. Abbiamo interessi diversi, ma abbiamo condiviso una vita insieme. Il tempo è colpito e mancato, ma nel complesso mi sono goduto il tempo lontano. Mi ha dato il tempo di riflettere sulle ultime settimane.

Sono abbastanza sicuro di averlo fatto esplodere con te per la mia stessa avventa. Se l'avessi giocato più fresco, forse le cose sarebbero state diverse. Forse se fossi stato un po 'più avveduto, sarebbe stato tu a correre. Chi lo sa? Ma lo faccio a fare un'esperienza e penso che rimarrà nella mia memoria come un'opportunità persa, ma senza dubbio avrebbe avuto un risultato disastroso. Il mio tempo libero mi permette anche di preoccuparmi delle notizie che mi sono state date prima di andare. L'organizzazione sta attraversando una ristrutturazione. Avevo la sensazione che il mio collo fosse sul blocco come possibile vittima. È stata una bomba per scoprire che in realtà ero stato promosso e avrei aggiunto l'unità di supporto al computer alle mie pressioni già di vasta portata. In riconoscimento per l'aumento della responsabilità, il mio piano di ridurre il tempo di lavoro è stato accettato, ma non perderei alcun diritto di stipendio o downgrade del congedo annuale. Oh! La mia preoccupazione era che i team che sto ereditando sarebbero ostruttivi; La loro lealtà verso un manager a lungo termine è probabilmente un ostacolo da superare.

Sei nella mia mente per tutto il tempo in cui sono via. Anche se so che non ci riuniremo, l'hai reso chiaro. Non riesco ancora a sradicare il pensiero che sia qualcosa che voglio, male. È un pensiero egoistico e anche mentre lo desidero, mi sto rimproverando per lo sciocco che sto. Lentamente, a poco a poco, mi sto convincendo che non dovrebbe accadere. Voglio dire ... che cosa è possibile uscirne, oltre al piacere sessuale? Entro la fine delle vacanze, mi dimetto e accetto di come deve essere.

Sono passate settimane e ho adottato la mia nuova posizione elevata. L'obiezione e l'ostruzione previsti sono stati esagerati. Alla fine i team si sono resi conto che, è stato alla scomparsa dei rispettivi manager, lo spettacolo continua e i progetti a cui hanno dedicato del tempo, continueranno a completare. L'ostacolo più difficile per le mie nuove accuse è l'incertezza del futuro. Dover salvare un punto due milioni di sterline non è un'impresa da poco; Gran parte di ciò che abbiamo fatto e fornito sulla storia dell'organizzazione dovrà passare a corsi più popolari. Significa alcuni cambiamenti radicali e perdite del personale a lungo termine.

La mia interazione con te è stata bella dal mio ritorno dalle vacanze. Le brevi conversazioni sono state l'unico contatto, il passaggio di documenti e un sorriso, ma niente di più. Mi sento a mio agio con la situazione, anche se guardo occasionalmente il tuo corpo e vorrei potermi avvicinare molto di più alla tua pelle. Sembri fantastico e la notizia che devi agire come interprete di un nuovo link con una scuola di lingua russa dal Kazakistan è meravigliosa. Assicura il tuo futuro nell'organizzazione e sono contento per te.

Lo scrollatura del team senior manager ha causato un sacco di sconvolgimenti e non piccole interruzioni. Gli obiettivi strategici dell'organizzazione si sono spostati e forse il gioco lungo è stato un po 'perso nella caduta.

Il consiglio dei governatori annuncia che dobbiamo tutti partecipare al weekend della conferenza di un manager al "Grove" nell'Hertfordshire. Un centro di ritiro e funzione. L'obiettivo è decidere collettivamente come il college andrà avanti e reimpostare gli obiettivi strategici per il futuro. È tempo di salire sull'autobus e condividere il futuro, o scendere ora e trovare un'altra causa da seguire, in un altro posto.

Arrivo presto per sfruttare il campo da golf e un round gratuito.

Il primo round di colloqui e oratore motivazionale è che si svolge la mattina successiva. Ho partecipato a una settimana simile circa otto anni prima, quindi sapevo cosa aspettarmi. Non avevo voglia di essere massacrato al bar con i miei coetanei, quindi mi sono fatto la doccia e sono andato a letto presto. Domani sarà affatto arduo.

Il mio capezzale squilla e uno sguardo a un occhio all'orologio mi hanno fatto sapere che sono le undici di trenta. Ero addormentato, probabilmente sognando felicemente. Lo prendo per sentire una pausa momentanea e poi la burr di un telefono non collegato. Ringiro l'interruzione del mio sonno e mi coccole sotto il piumone per cercare di tornare a tutto ciò che avevo sognato.

Pochi minuti dopo, sento un bussare alla mia porta. I miei occhi si aprono e aspetto di vedere se fosse l'immaginazione. Il bussare viene di nuovo, un po 'più insistente questa volta. Getto indietro i coperchi del letto e prendo una veste da asciugamano dalla parte posteriore della porta del bagno. Ho appena annodato la cintura quando il bussare viene di nuovo.

Eccoti, in piedi sulla soglia della mia stanza, vestito con jeans e una camicia, a piedi nudi e trasportando un grande fascio di carte. Dico il tuo nome come una domanda, cosa stai facendo bussare alla mia porta in quel momento della notte?

Non sei sicuro di come vanno questi eventi. Una spa. Fornirai il backup; Impostare i documenti per gli argomenti della giornata, prendere appunti e così via. Sei nervoso, mi dici e hai bisogno di una rassicurazione. Attraverserei l'itinerario con te come tuo amico più fidato? Ti chiedo di entrare e preparo una tazza di tè mentre si diffonde le carte su tutto il letto.

Era rapidamente ovvio che avevi tutto in ordine. Abbiamo attraversato l'ordine del giorno e abbiamo scoperto che tutti i documenti posteriori sono in ordine. Un lavoro piuttosto liscio e ti dico che non dovresti essere così incerto delle tue abilità quando raramente commetti errori.

Sto pensando che, forse hai avuto un ulteriore motivo per bussare alla mia porta, che non si tratta del tutto per ottenere tutto in ordine per l'evento del giorno successivo. Ma tienilo per me e aspetta di vedere come le cose vanno fuori.

Chiedi se ho qualcosa da bere. Il mini bar non ha un'ottima selezione, un singolo whisky di malto, un po 'di vino rosso una bottiglia in miniatura di Hennessey Brandy e alcuni mixer. Ti accontenti di un brandy e lo fai scivolare nel vetro, come un intenditore, annusando l'aroma prima di prendere un sorso. Metti giù il vetro e senza dire nulla, inizi a annullare i bottoni della camicia, a partire dall'alto.

Ti sto dicendo che questa non è una buona idea. In privato, sto pensando che tu sia molto ingiusto, sapendo che non sarò in grado di negarti, ma anche sapendo che, fino ad ora, sei stato tu che hai interrotto le cose. Mi viene ricordato che tutto è ineguale e sei molto al sedile di guida.

Mi ignori e rimuovi la camicia. La tua pelle sembra molto bianca nella luce netta proveniente dal montaggio del ciondolo ed è fatta per sembrare più bianca in contrasto con il reggiseno che indossi.

Ti sbottini i jeans e li fai scorrere sui fianchi. Anche la tua biancheria intima è nera e lo ammetto, il mio occhio è attratto dal tuo sesso, la forma Vee delle mutandine si comporta come un puntatore. Raggiungendo dietro la schiena, ti sbalzi il reggiseno per rivelare il seno. Hai piccoli capezzoli e areole che sono solo leggermente più scure della tua pelle. Il tempo in palestra ha tonificato la struttura muscolare. Sei snello, ma non magro. I muscoli principali sono chiaramente identificati. Sei fantastico e te lo dico. La tua pelle è perfetta. Non avere figli aiuta.

Cammini verso di me, gli occhi chiusi sui miei. Ti sto ancora dicendo che questa non è una buona idea e tu mi dici di tacere. Le tue mani afferrano la cintura della mia veste e sciolgono il nodo, permettendo alla veste di aprirsi. Non ho niente al di sotto.

Quindi, sei rasato dici, come se non mi avessi creduto. Il mio cazzo inizia a indurirsi man mano che la tua attenzione è incentrata su di esso.

Inginocchi e avvolgi la mano destra attorno al mio albero di indurimento, strofinandosi lentamente e con un tocco abile, circonda il mio cazzo in rapida irrigazione. Mi guardi negli occhi e mi apri la bocca e mi lecchi, spingendo la lingua nella fessura, prendendo il pre-cum che scivola da me. La vista è probabilmente la più erotica che ricordo. Ho sognato proprio un momento del genere. La realtà è molto meglio di quanto l'immaginazione avrebbe potuto evocare.

Lentamente, mi porti in bocca mentre la tua mano mi pompa delicatamente. Fai succhiare il centimetro che ti ha superato le labbra. È una sensazione divina e mi ha rapidamente duro come lo sono mai stato. Tirai fuori la lingua e ti fai scivolare il più possibile tra i denti e fai un suono di piacere MMM. Il riverbero crea una deliziosa sensazione che viaggia fino al mio cervello. Sono sicuro di gemere per la pura gioia di averti come avevo sperato, come avevo sognato.

Non sei in grado di mantenere il contatto visivo e iniziare a succhiare seriamente. La pressione è meravigliosa, ma non posso permettere che vada avanti per molto più tempo. Il formicolio è così buono che so che esploderò troppo presto. Tutta la pretesa di negazione è fuggita. Lo voglio tanto quanto ho voluto qualcosa.

Afferro la testa e ti esorto a alzarti, ma sembrava, con riluttanza. Ti bacio la bocca, assaggiando me stesso sulle labbra e ti corro le mani sul tuo corpo. Ti senti squisito. La tua pelle è morbida al tatto e calda. Ti alzi, di fronte a me mentre ti accarezzo il collo, le spalle e le coppa il seno tra le mani. I tuoi piccoli capezzoli si induriscono sotto i miei palmi. È difficile sapere cosa stai provando, che ti piaccio a toccarti o no. Mostri pochissima reazione esteriore. Il tuo respiro è stabile. Mi guardi con un mezzo sorriso che stringi l'angolo della bocca.

Decido che è il mio turno di darti il ​​piacere del sesso orale. Ricordo che mi hai detto che preferisci dare che ricevere e, ricordo di aver detto che potresti non averlo mai fatto come dovrebbe essere. Forse è stato un po 'presuntuoso da parte mia, pensando che potrei essere migliore di qualsiasi tuo precedente amante. Ma, per me, è un ordine naturale delle cose. Non prendo solo senza restituire.

Ti siedo sul bordo della poltrona che è normale in una camera d'albergo standard. Ma, prima che il fondo poggia sul cuscino, ho tirato giù la cintura delle mutandine. Non avrei indovinato che il tuo colore naturale sia marrone. È, almeno, il colore dei tuoi peli pubici, ben tagliato a forma di vee.

Scuoti la testa quando ti rendi conto di quello che sto per fare dalla mia posizione in ginocchio, ma come te, ignoro la tua obiezione e il premio delicato per le ginocchia.

Hai un odore divino. Quel accenno di muschio che è familiare da donna, ma sottilmente diverso da qualsiasi altro, come dovrebbe essere. Sfalzo contro il tuo osso pubico e impronno il tuo aroma nella mia memoria e lo assaporo mentre passa sul mio seno. I tuoi gusti, quando la mia lingua si allunga per separare le labbra, è anche impegnata in memoria. Sei già bagnato ed è il primo vero segno che ho che il tuo corpo sta rispondendo.

Sarebbe troppo facile immergerti in te e forse rovinare l'occasione con fretta. Sono riuscito a prenderlo lentamente, solo leccarti con la punta della mia lingua, sopra e intorno alla tua vulva e poi al clitoride mentre le mie mani si accarezzano le cosce.

Sono ricompensato da un leggero sollevamento del bacino mentre prevedi la mia lingua che pascola contro il tuo NUB. E poi quando si muove su quel centro di terminazioni nervose, sento una piccola assunzione di respiro. Ho notato che stai afferrando le braccia della sedia e che le tue nocche sono bianche. Queste sono piccole indicazioni che ti piacciono e penso a me stesso che questi piccoli segni forse tutto ciò che ottengo come indicatori in qualcuno che è così non commerciale come te. È qualcosa di molto diverso dagli altri amanti che ho avuto e significa che devo prestare particolare attenzione e concentrarmi sulle sfumature delle tue reazioni.

Si sposta in avanti sul bordo della sedia e apri le gambe più larghe per consentire un maggiore accesso a te. Lo prendo come un invito ad entrare con te con la lingua. La mia mano destra è piatta sullo stomaco inferiore, appena sopra l'osso pubico. Menti, con la minima pressione che posso impartire, tiro su la pelle che porta le labbra e l'ingresso a un angolo più comodo per me con meno sforzo sul retro del mio collo. La mia bocca spezza il contatto per un momento e ti guardo negli occhi. Il Hazel è diventato piuttosto scuro, marrone quasi, mentre mi fissi costantemente, le pupille si sono dilatate come per prendere tutto e tutto in una volta.

Lentamente, abbasso la testa, chiudendo lo spazio tra di noi e poi spingo la lingua estesa tra le labbra. Fai scuotere il bacino e all'improvviso, le tue mani mi afferrano la parte posteriore della testa, macinando il viso in te. Ti succhi in bocca, scavando il più profondamente possibile e poi tirando le labbra tra i denti, succhiandole e mi schiacciano il naso sul clitoride.

Rabbrividi e tiri via la testa e dici che non puoi prenderlo più. Non ho bisogno di chiedere se ti è piaciuto e forse ho sentito un po 'di trionfo che avevi apprezzato qualcosa che prima non avevi.

Mi alzo, le ginocchia scricchiolando e si spezzano e togliendo le carte dal letto, mettendole con cura sul tavolo da toeletta in modo che non si confondano. Ti alzi dalla sedia e fai i tre o quattro gradini sul letto. Mi rendo conto di nuovo che hai un corpo favoloso e te lo dico. Un sorriso è la mia risposta mentre ti inginocchia sul bordo del letto, aspettando che mi unisca a te.

La mia veste colpisce il pavimento e viene scartata. Non sono mai stato imbarazzato dalla nudità. Sono fortunato a non essere in sovrappeso e nemmeno, per un uomo della mia età, ho mantenuto ragionevolmente in forma. Ma in qualche modo, di fronte a te, sono profondamente consapevole di essere molto più vecchio e preoccupato momentaneamente, che non ti piacerà quello che vedi. Lo spingo da un lato e mi metto sul letto il più rapidamente possibile.



Cadi tra le mie braccia, il tuo corpo caldo e morbido. I tuoi capelli color biondo arruffati solleticano la pelle sulla mia spalla. Ti bacio. Le nostre bocche si aprono e le lingue si accarezzano a vicenda. Il calore tra di noi si accumula, raggiungendo un campo di febbre mentre i nostri corpi si fondono l'uno nell'altro. Il tuo seno si adatta alla mia mano. Il bosco duro del tuo capezzolo preme nel mio palmo e sembra che appartenga lì.

Mi lanci una gamba, premendo il tuo osso pubico contro la mia coscia e ti strofini contro di me. La tua riserva normale viene liberata, mettere da parte come istinto di base e la necessità prende il sopravvento. Riesco a sentire il tuo cuore inciampare contro le costole sotto la mano e il respiro è rapido, disegnato tra le labbra che sono ancora unite.

Mi spingi sulla schiena e mi cavalca. Ti inserisco facilmente; Una vestibilità perfetta e trattengo il respiro per un momento, aspettando che tu ti impani completamente. È deliziosamente lentamente che la tua schiena archi e centimetro per centimetro, affondi sulla mia lunghezza. Metti le mani sul petto come un tutore e inizi a scuotere. Sono contento di stare fermo e guardarti, bere nella tua bellezza. La tua bocca è aperta, trascinando in aria e gli occhi sono chiusi. Sei bellissima e mi meraviglio della tua forma perfetta, senza macchia, incontaminata e fottendomi.

Mi sento come se potessi rimanere così per sempre, bloccato in coito con te, sepolto profondamente dentro e mi sento così bene, così glorioso e non voglio che finisca.

Acceleri il ritmo, i tuoi fianchi dondolanti, spingendomi profondamente dentro di te e strofinando il clitoride contro di me, il tuo bisogno di orgasmo sta diventando maggiore. Decido, senza pensarci davvero, di contribuire alla tua ricerca di realizzazione e cominciare a sollevare, aumentando la mia profondità e la pressione sul clitoride mentre sbattiamo insieme.

Spingi verso l'alto in una posizione accovacciata, le mani coprite il seno e pizzichi i capezzoli tra il pollice e il lato dell'abbinamento, tirando ferocemente come se li puniva mentre il tuo orgasmo si avvicina. Lavorando in contrappunto, il mio organo si tuffa profondamente e poi quasi viene ritirato. È un ritmo che non sarò in grado di mantenere, ma non importa troppo. Stai ringhiando ora, un ringhio profondo che, in qualsiasi altro momento, mi farebbe ridere, ma ora sta significando il tuo arrivo. Sento il tuo sesso che mi afferra forte, massaggiando il mio cazzo e le tue pareti interiori, portandomi al mio momento di squisita felicità.

Ti colpisce improvvisamente. La tua testa viene gettata indietro, i capelli si agitano. Il tuo artiglio come le mani ti afferra il seno, molto più difficile di quanto avrei fatto. Knuckles White come la carne è torturata. Penso che urlerai, ma invece gemi e grida i denti. I tuoi occhi si chiudono strettamente. Sapendo che hai raggiunto il tuo obiettivo, il mio climax è realizzato. In esplosioni quasi dolorose, il mio seme viene pompato in profondità dentro di te. Afferro le cosce e provo ad approfondire ancora più, come se cercasse di essere completamente immerso all'interno del tuo corpo, sospeso e uniti per sempre.

Rimaniamo, si uniscono e immobili per molti minuti. Sto cercando di riprendere il controllo del respiro e ridurre la frequenza cardiaca a qualcosa di quasi normale. I tuoi occhi si aprono e mi considerano silenziosamente in uno sguardo costante. E poi vedo una lacrima scivolata sulla guancia. Mi allungo e mi prendo la guancia in mano. Ti sporgi nel palmo mentre un'altra lacrima lascia gli occhi.

Questo non succederà mai più mi dici come il mio cazzo e il mio seme scivolano dal tuo corpo. Non potrà mai più succedere che ripeti come per rafforzare le tue parole. Ti alzi da me e ti vesti silenziosamente. Ti dico che ho capito, ma ancora una volta sono confuso. Ero stato dimesso dal nostro non riunito, per ascoltare le tue parole quando mi hai detto che non volevi entrare in una relazione. Ma, poi, stasera, arrivi alla mia porta e prendi il comando, solo per dirmelo in seguito, che è tutto. Da non ripetere mai. Ti aspetti che lo dimentichi? Chalk It Up to Sver di esperienza? Chiamalo un piacevole interludio? Perché, sì, erano tutti quelli, ma anche per me era qualcosa di speciale. Inaspettato e una pura delizia e una riaffermazione che ti amo, con tutto il cuore, ma sappia che non verrà restituito allo stesso modo. Non posso fare a meno di chiedermi perché sei venuto nella mia stanza. Perché mi hai dato o meglio, mi hai portato per te stesso. Ti chiedo perché, cosa ha cambiato idea. Cosa ti ha fatto venire nella mia stanza? Non mi aspetto una risposta e non ne ottengo una.

Invece, mi dici, grazie per essere così paziente con te. Come se questo breve interludio fosse attraverso la ricompensa per non averti spinto troppo forte.

Raccogli i documenti che hai portato con te. Bacia le mie labbra e poi scivola dalla stanza silenziosamente come venivi, lasciandomi per affrontare le conseguenze del nostro sesso e la confusione che hai causato.

Non posso fare a meno di sentire che si trattava più della tua gratificazione; Quello, dove c'era una netta mancanza di preliminari o preamboli estesi, stavi soddisfacendo te stesso e nient'altro. Lontano da casa e dal marito, sapendo che avresti avuto un partner disposto, hai colto l'occasione per approfittare della mia incapacità di dirti di no. L'intero episodio ha richiesto meno di un'ora, il sesso meno della metà di quel tempo e molto diverso da come ho immaginato che potesse essere. Per me, il sesso era carino, un rilascio piacevole e un climax inaspettato, ma mancava di quel certo qualcosa che lo rende fantastico. Forse è che non vi era alcuna romanticismo nell'evento, quasi una svelta, priva di sentimenti o emozioni, nessuna tenerezza o eccitazione reciproca. Non aveva nulla a che fare con l'amore e che trovo difficile da prendere.

Il weekend di gestione passa in frenetico di colloqui di ispirazione. È un momento impegnativo, punteggiato da pause dei pasti e un'altra notte. Praticamente mi ignori e quando dobbiamo interagire nel contesto del fine settimana, sei in distanza e mi tieni a lungo. Mi sento come se avessi servito il mio scopo e ora non sono più di interesse.

La settimana seguente, al college, rifiuti la mia offerta di caffè e sei piuttosto freddo nei miei confronti. Mi sento come se avessi fatto qualcosa di sbagliato, ho fatto qualcosa per turbarti o non misurare. Ti chiedo punto vuoto. Mi dici che hai preso una decisione, non ci farò più pensare al tuo pensiero. Fa freddo e la mia opinione su di te cambia un po '. Potevo capire il soffio caldo e freddo, mettendolo ai nervi, ma trovarlo completo oltre di me. Mi ritiro e cerco di mantenere le nostre riunioni al minimo possibile.

Questo è successo cinque settimane fa. È ora che mi abitui come le cose e vai oltre la sensazione di noi. Non c'era mai stato un "noi" c'era?

Ho notato che sembra che tu stia trascorrendo del tempo con un collega. Anche lui è un senior manager, sposato e circa la stessa età. Penso di avvertirlo, ma decido che è abbastanza grande da risolverlo da solo. Mi chiedo però, cosa stai cercando o stai solo cer

Storie simili

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

610 I più visti

Likes 0

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

1.4K I più visti

Likes 0

Il compagno di un demone Parte 1: Il mio inizio

NOTA: NON c'è sesso in QUESTA PARTE della storia. Prometto che nei capitoli a venire ci sarà un sacco di sesso caldo e lussurioso. Questa è solo l'introduzione. Ero semplicemente seduto sul divano, a guardare un documentario su The Dark Ages. Era interessante. Quindi vedi praticamente il mondo intero andare all'inferno. All'improvviso, il mio telefono stava facendo rumore. Era il mio ragazzo. Beh, era una specie di mio ragazzo. Non ci eravamo mai incontrati nella vita reale. Ci siamo conosciuti tramite un sito web di amici di penna. E da allora avevamo sviluppato una vera relazione. Ha vissuto in Gran Bretagna...

1.5K I più visti

Likes 0

Il lottatore parte 1

Il lottatore prima parte Questa storia parla di un ragazzo timido e di un amico di famiglia che lo ha aiutato a superare le sue ferite e la sua timidezza per raggiungere la vetta. È un po' una lunga storia. Mi sono lasciato trasportare questa volta. Anche in questo caso sto usando una buona dose di correttore ortografico sicuro per la mia dislessia, ma consigli e commenti sono molto graditi. Fatemi sapere se siete arrivati ​​alla fine ragazzi per favore. The Silent Assassin era il suo ring name e non era un caso vero nome Adam, era un prodotto dello sviluppo...

1.2K I più visti

Likes 0

Il sostituto di mamma

Solo nei miei sogni potevo concepire ciò che sta accadendo. Devo stare sognando, questo non può essere reale, vero? Mi sveglio dal sogno di fare sesso con mia moglie. Un sogno che ora realizzo, perché mia moglie era morta due anni fa. Il sogno è di mia moglie più giovane di vent'anni, ma io ho l'età che ho adesso. Sono ancora intontito dal sonno, ma il sogno sembra continuare nella mia mente, poiché provo un intenso piacere all'inguine. Faccio scorrere la mano sotto le coperte volendo accarezzare il mio cazzo. Aspetta, il mio cazzo è duro e qualcosa si sta muovendo...

927 I più visti

Likes 1

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

625 I più visti

Likes 0

Non ho scelta

Non ho scelta Di EFon (Questa è una lunga storia e ha qualche costruzione, ma credo che ne valga la pena per impostare davvero la trama.) Cosa farò adesso? Sono bloccato in una situazione senza vittorie e lo stress mi sta uccidendo. Non ho mai voluto una vita complicata, ma ho un tempo che mi piaccia o no. La cosa strana è che mentre so che è sbagliato, non posso fare a meno di amarlo comunque. Ora ho passato dei momenti selvaggi al college, ma mentre ero ancora giovane, mi sono innamorato e ho sposato la mia fidanzata del college Rachel...

1.5K I più visti

Likes 0

Jake, Robby e una sorpresa

Scriverò di più se ti piace. Inviami un'e-mail con commenti/suggerimenti: [email protected] Jake Greenman è seduto nella sua lezione di teoria musicale, annoiato a morte e giocherellando con una chitarra per cercare di compensare l'ansiosa diffusione di giovani ormoni in tutto il suo corpo tonico e caldo. I suoi capelli castani, lisci e magri nella carnagione, gli sfiorano leggermente la fronte e ricadono sul cuoio capelluto, e deve voltarli indietro periodicamente. Il suo modo di suonare la chitarra è un po' sporadico, le sue dita lisce e bianche accarezzano la tastiera e scivolano altezzosamente su e giù per la chitarra sub-par. È...

1.7K I più visti

Likes 0

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

1.5K I più visti

Likes 0

L'infermiera Kate pt2

Quando ho incontrato la persona con cui volevo trascorrere la mia vita non mi sarei mai aspettato che sarebbe successo prima di lasciare la scuola, qualcuno più grande, che era sposato e meno di tutto una donna. Quando ho lasciato l'Inghilterra con mia madre all'età di 16 anni per vivere in Italia nel tentativo di aiutarmi con i problemi che ho acquisito quando i miei genitori hanno divorziato. Non avrei mai pensato che sarebbe stata la decisione migliore della mia vita. Avevo passato solo poche ore alle cure dell'infermiera Kate dopo essere stata lapidata sul tetto della mia nuova scuola un'ora...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.