Un ordine di consegna

730Report
Un ordine di consegna

I miei piedi hanno cominciato a farmi male con i tacchi da 5 pollici che indosso, ma mi consolo sapendo che mi hanno fatto mantenere una postura che spingeva il seno in avanti e il sedere all'indietro in un modo che accentuava le mie curve. La gravità stava facendo del suo meglio per battermi, ma a quarant'anni avevo ancora un po' di lotta. Oh, non sono una reginetta di bellezza e il mio corpo è molto meno che perfetto, ma il fatto che ho una fiducia nata dall'età e una libido insaziabile compensano quel po' di carne in più intorno alla metà. A 5' 3 pollici di altezza, peso circa 155 libbre. Un po' fitto per la maggior parte degli standard, ma distribuito abbastanza uniformemente in modo che con i vestiti giusti posso ancora attirare qualche sguardo; e QUELLA era la mia missione oggi, almeno in parte.

Cammino nel parcheggio dell'ufficio con un seducente movimento dei fianchi e la testa alta; un puma in cerca di preda. Divorziato quasi un anno fa, il sesso al momento era una specie di piacere e sento di essere in ritardo per uno spuntino gustoso. Il corto vestito estivo scorre e si agita nella brezza quasi inesistente che non fa nulla per alleviare il caldo del torrido pomeriggio meridionale. È venerdì pomeriggio e la giornata lavorativa è finita. Mi chiedo brevemente se i miei colleghi potessero leggere i miei pensieri mentre uscivo dalla porta. Spero seriamente di no. Sebbene piuttosto avventuroso e aperto sessualmente, tengo accuratamente le mie scappatelle ben lontano dalla piccola città religiosa dove vivo e lavoro; anche i cani hanno abbastanza buon senso da non cagare dove mangiano.

Scivolando nel caldo soffocante della mia Chevy Impala, sono grato per il genio tecnico dell'uomo che ha creato l'aria condizionata. Girando rapidamente l'accensione, aspetto che l'esplosione di aria non ancora fresca, ma non così calda come quella esterna, mi colpisca in faccia. La radio prende vita nel bel mezzo della mia canzone preferita, e mentre mi allontano sull'autostrada, Motivation di Kelly Rowland mi fa scivolare seducente sul sedile. Sento il mostro in me artigliare per arrivare in superficie e so che presto dovrò lasciarla uscire per prendere aria. Guido con prudenza, ma con una certa velocità, battendo le mani sul volante a tempo. Grandi occhiali da sole rotondi proteggono i miei occhi dal bagliore del sole pomeridiano e una goccia di sudore scivola lentamente lungo la fessura tra i miei seni pieni nonostante l'aria fresca che ora scorre dall'aria condizionata.

Il viaggio verso casa è breve, ma stasera punto la macchina verso l'appartamento in città, la mia casa lontano da casa quando voglio giocare. Il tragitto di un'ora mi dà il tempo di uscire dal personaggio posato e da brava ragazza che è richiesto a tutte le donne del sud nella mia città natale e di entrare in modalità gattina sessuale in piena regola. Visioni di corpi caldi e sudati che si contorcono in estasi mi riempiono la testa, e quando una scena particolarmente grafica si presenta nel mio film mentale, una risata senza fiato mi sfugge dalle labbra. È passato TROPPO tempo da quando hai scopato, ragazza, sussurra il mostro dentro di me; anche la colpevole studentessa cattolica dentro di me deve essere d'accordo.

Arrivo nel mio appartamento, proprio mentre il sole esala l'ultimo respiro della giornata, e mi fermo un attimo a guardarlo morire. Per me questo è il momento migliore della giornata; la calma prima della tempesta in arrivo, e per DIO, spero che ci sarà una tempesta questa notte... una tempesta di passione, sesso e calore. Una volta dentro il mio universo alternativo, entro nella doccia. Senza fretta, nonostante il mio bisogno, mi prendo il mio tempo, godendomi il forte spruzzo. Lavo i miei riccioli lunghi e scuri e li condizioni per brillare; Mi rado le ombre indesiderate dalle gambe, dalle ascelle e dalla regione pubica; e attraverso tutto questo, permetti alle mie mani di vagare sensualmente sulla mia stessa carne. Ogni mossa da adesso fino a domenica pomeriggio, sarà infinitamente erotica; anche il banale diventerà sessuale, poiché non si sa quando potrò tornare qui.
Nudo mi trovo davanti allo specchio, ancora gocciolante dalla doccia e guardo mentre l'aria fresca nell'appartamento attira i miei minuscoli capezzoli fino alla massima durezza. Con apprezzamento, valuto il corpo che mi ha servito così bene in tutti questi anni: coppe a C piene che si abbassano molto poco, fianchi larghi e svasati che hanno dato alla luce 2 bambini, ora cresciuti, e gambe strette e muscolose che possono aggrapparsi a qualsiasi vita che capita di entrare in mezzo a loro. Impaziente ora, applico pochissimo trucco; un po' di mascara per allungare le mie ciglia, ombretto fumoso per migliorare i miei occhi e lucentezza brillante per mantenere le mie labbra carnose troppo baciabili. I miei lunghi capelli sono raccolti in uno chignon sciolto, lasciando che morbidi riccioli ricadano intorno al mio viso a forma di cuore. La lingerie di stasera include un semi-reggiseno che attirerà le mie ragazze sull'attenti permettendo alla mia eccitazione di essere facilmente distinguibile, un paio di mutandine di pizzo abbinate e calze autoreggenti nere. Un altro abito estivo corto con tacchi a spillo completa l'ensemble. Il risultato finale è elegantemente sexy e segretamente eccitante perché so che ci sono quelli che si chiederanno cosa c'è sotto la gonna civettuola.

Puntualissimo, suona il campanello. Il cuore mi batte improvvisamente nel petto, tra l'altro, lo faccio entrare. Quando la porta si apre, vengo ricompensato con uno sguardo gratificante di fame intensa. Sembrerebbe che a Jeffrey piaccia quello che vede. Chinandomi per un bacio veloce ma molto appassionato, educo i miei lineamenti per apparire compiaciuti, ma leggermente annoiati. Non farebbe mai sapere al mio nuovo giocattolo quanto mi fa arrapare. In piedi a poco più di 6 piedi, Jeffrey è una testa piena più alta di me, anche nei miei talloni. Il suo corpo è duro e magro e le sue mani sono fantastiche. Il suo cazzo, lo so da uno studio approfondito, è lungo esattamente 7,5 pollici e leggermente curvo a sinistra. È abbastanza grosso da allungare la mia fica con deliziosa facilità. I suoi tratti più gratificanti, tuttavia, sono una resistenza quasi sovrumana e un'assoluta assenza di gelosia. A 28 anni può scoparmi per ore e l'assenza di gelosia ci ha portato a goderci diversi sesso a tre, con entrambi i sessi che sono la maggioranza in momenti diversi. Andiamo d'accordo favolosamente, sia dentro che fuori dalla camera da letto. È intelligente e divertente e se uno di noi fosse alla ricerca di un impegno, potrei essere tentato di innamorarmi di lui.

"Oh. Lei è fantastica, signora, come al solito.» Il suo spesso accento del sud mi attrae, un udibile afrodisiaco. "Hai programmi specifici per stasera o devo scegliere?" sorride speranzoso. Anche se questo è esattamente quello che speravo, fingo di prendere in considerazione la sua tacita richiesta di prendere l'iniziativa stasera. Un altro motivo per cui ci combiniamo così bene è che siamo entrambi interruttori, potendo godere sia del dominio che della sottomissione in egual misura. I nostri metodi sono diversi, ma i risultati sono gli stessi; sia in alto che in basso, usciamo entrambi pienamente soddisfatti. Come sempre, rivendico il sopravvento attraverso la manipolazione mentale, fingendo noia e irritazione.

«Non ho ancora deciso, amore. Quale sarebbe il vantaggio di lasciarti libero sfogo questa notte? Piego la testa di lato con aria interrogativa, sapendo quanto lui che la sua risposta darà il tono all'intero fine settimana. Facciamo questo gioco per esprimere i nostri desideri, bisogni e stati d'animo senza renderlo un mandato. Alla fine, la chiamata è sempre mia, benedetta la sua anima, ma per fortuna le nostre esigenze di solito sembrano completarsi perfettamente. Ad esempio, sarei stato estremamente deluso se stasera il suo umore fosse stato sottomesso e non avesse perorato la sua causa. Jeffrey, però, deve ancora deludermi; avvicinandosi abbastanza da poter sentire il calore del suo corpo e annusare la freschezza della sua colonia, solleva una mano per intrecciare lentamente le dita tra i miei capelli e sussurra con forza: “Il vantaggio di permettermi di prendere l'iniziativa? Sappiamo entrambi che mi esibisco meglio quando i miei bisogni sono soddisfatti, e stasera ho bisogno di usarti. Detto questo, catturò la mia bocca in un bacio che sciolse le mutandine dalla mia parte posteriore.

Nel mio stato attuale, era tutto ciò che serviva... un solo bacio bruciante per l'anima... e la mia testa ricadde sulle mie spalle in segno di resa. Conoscendomi come lui, Jeffrey ha sfruttato rapidamente il vantaggio. La sua fiducia sembrava sbocciare davanti ai miei occhi; il suo intero comportamento è cambiato da quello del partner giocoso a quello dell'uomo al comando. "Spogliati, schiavo, presto... non c'è bisogno di seduzione, sono già duro come una roccia." Avevo appena iniziato a infilarmi le spalline del vestito sulle spalle quando Jeffrey mi fa girare, mi spinge su una sedia con lo schienale basso e mi solleva la gonna sui fianchi. Lottando per rimanere in piedi durante questi difficili preliminari, ho appena il tempo di tirare un respiro quando mi strappa le mutandine tra le gambe e infila le sue palle di cazzo in profondità nella mia fica bagnata. Duro e veloce senza pensare al mio piacere, Jeffrey taglia dentro e fuori la mia figa liscia con facilità, esattamente come voglio che faccia. Adoro essere preso in questo modo, usato come nient'altro che una discarica di sperma, e il mio orgasmo si sta avvicinando rapidamente. Eppure, proprio mentre raggiungo l'orlo del climax, Jeffrey soffia il suo grosso carico dentro di me.

Deluso e frustrato, comincio ad alzarmi dalla sedia e gli do un orecchio. Mettendo una mano forte al centro della mia schiena, abbaia "Non muoverti, schiavo, non ho ancora finito con te." Un po' placato, mi sdraiai sulla sedia. Lui fa scivolare il vestito e le mutandine sui miei fianchi e mi fa uscire da loro, lasciandomi in piedi con le cosce alte ei tacchi. Lo sento muoversi nella stanza dietro di me e mi chiedo brevemente cosa abbia pianificato. Quando si avvicina di nuovo a me, si accovaccia dietro di me e mi aggancia una serie di manette alla caviglia destra e assicura l'altra alla gamba della sedia, quindi ripete le azioni con la caviglia sinistra. Devo ammettere che l'atto stesso di essere legato mi fa stringere la figa in attesa.

Jeffrey si sposta quindi nel mio campo visivo e fa segnali per i miei polsi. Allungando le braccia davanti a me, gemo sommessamente mentre mi allaccia un terzo paio di manette ai polsi. Quindi fa passare una corda sottile dalla catena che collega i miei polsini sotto il fondo della sedia imbottita e ne fissa ciascuna estremità a un polsino della gamba. Sono effettivamente tenuto prigioniero dalla sedia, piegato in vita e spalancato. Sono anche senza fiato per l'eccitazione. L'ultimo oggetto da applicare è un grande ball gag, con una palla rossa e un'imbracatura di pelle nera. Ora sto letteralmente vibrando di desiderio e bisogno... finché non sento le sue prossime parole. “Dio, sto morendo di fame. Penso che ordinerò una pizza. Sapendo che può lasciarmi qui, frustrato e dolorante, per ore comincio a cercare di implorare il bavaglio. Mi ignora completamente mentre afferra il telefono e compone un numero. "Sì, vorrei ordinare una grande pizza in teglia solo con peperoni e funghi, e un grosso ordine di bastoncini di formaggio con un contenitore extra di marinara." Una pausa, e poi, “114 Magnolia St, Appartamento 17……ok, grazie…..Certo, 20 minuti. Grande." Detto questo riattacca il telefono.

Come se non esistessi più, Jeffrey afferra il telecomando della televisione e inizia a navigare tra i vari canali ESPN. Dietro il bavaglio, urlo di frustrazione. All'improvviso, come se si fosse appena ricordato della forma in cui mi ha lasciato, Jeffrey si volta verso di me, uno sguardo sorpreso sul viso: "Oh piccola, non pensavi che mi fossi dimenticato di te?" Un sorriso predatore gli spacca la bocca larga e si avvicina lentamente. Chinandosi mi sussurra all'orecchio: “Assolutamente no, schiavo. Non te la caverai così facilmente. Ho molti progetti per te stasera. Non temere mai, tesoro mio, avrai il tuo... ancora e ancora... prima che la notte sia finita. Per tutto il tempo, ha stuzzicato il mio clitoride con piccole carezze morbide e pizzichi, non abbastanza da spingermi all'orgasmo ma abbastanza da farmi dimenare e dimenare cercando di ottenere di più da lui. Muovendosi dietro di me, lo sento frugare ancora una volta nella sua sacca. All'improvviso ci fu una pressione contro il mio clitoride e riconobbi immediatamente la testina testurizzata di una bacchetta Hitachi. Ho un rapporto molto speciale con questo particolare giocattolo, piuttosto un tipo di legame di amore-odio. Può portare gli orgasmi più intensi che abbia mai provato, ma se lasciato troppo a lungo contro un clitoride eccessivamente sensibile, può farmi implorare, urlando per il sollievo. Al momento, lo stava solo usando senza il vibratore, strofinandolo lentamente avanti e indietro contro il mio bottone rigido, ogni passaggio attirando più lubrificazione dalla mia figa. I miei fianchi iniziarono a oscillare in risposta alle sensazioni di costruzione, ma ogni volta che pensava che potessi essere vicino all'orgasmo, tirava via lo strumento. Dopo avermi torturato in questo modo per alcuni minuti, sento qualcosa di viscido e duro che inizia a sondare il mio buco del culo. Quando ha il plug completamente inserito nel mio stretto retto, accende Hitachi con basse vibrazioni casuali. Di nuovo, mi tiene sull'orlo dell'orgasmo.

Apparentemente passa circa 20 minuti a prendermi in giro in questo modo, perché cieco dal bisogno e contorcendosi nei miei legami, la prossima cosa che sento è il campanello. Quando Jeffrey si alza per rispondere, gemo di totale delusione da dietro il bavaglio. Nel mio attuale stato di eccitazione, non ho mai considerato che se Jeffrey aprisse completamente la porta, chiunque si trovasse nel corridoio avrebbe una visuale senza ostacoli della mia fica e del mio culo perfettamente aperti. Se ci avessi pensato... POTREBBE importarmene, ma non è probabile. Sento lo scatto delle serrature delle porte e il cigolio della porta d'ingresso mentre la apre; e poi l'ho sentito dire: "Certo, entra mentre prendo il portafoglio". Quando la porta si richiuse, il mio respiro si fermò ancora nel mio petto. Dimenando i fianchi e girandomi da una parte e dall'altra, faccio fatica a guardarmi alle spalle per capire se sta scherzando o se ha davvero invitato il ragazzo delle consegne a entrare. Non posso girarmi abbastanza lontano per dirlo. Rinuncio alla lotta per muovermi e invece ascolto attentamente, cercando di catturare qualsiasi suono di terza persona nella stanza.

"Tizio! È fottutamente carino! Queste parole, pronunciate con una voce sconosciuta, finalmente rispondono alla mia domanda. Un rossore rovente si riversa sulla mia pelle, trasformando tutto il mio corpo in un rosso fuoco. Un singolo gemito abbattuto mi sfugge dalle labbra e la mia testa si piega in segno di resa. Non sono sicuro se il gemito segnalasse abbattimento o eccitazione.

"Sì? Ti piace quello?" Jeffrey chiede scherzosamente. Dal tono della sua voce, suppongo che l'autista sia più giovane di lui. Dio, prego in silenzio, per favore fagli avere più di 18 anni. So cosa succederà dopo; anche se non avevamo mai giocato a questo gioco esatto prima, sono ben consapevole di quanto a Jeffrey piaccia guardare il cazzo di un altro uomo che entra ed esce dalla mia fessura. Il ragazzo deve aver annuito, o dato qualche altro silenzioso segno di assenso, perché le parole successive che sento sono di Jeffrey. “Allora colpisci, amico. Lei è proprio lì di fronte a te, e credimi... lo vuole fottutamente. Non è vero, schiavo? Oh... ooops... non riesce a parlare per il bavaglio che ha in bocca. Oh beh, credimi, lo fa. Guarda com'è bagnata la sua figa; è fottutamente gocciolante amico. Vai avanti; fai scivolare il tuo cazzo lì dentro. L'unico problema è questo: se le vieni dentro, te lo farò pentire. Puoi scoparla in qualsiasi buco tu voglia, e puoi sparare il tuo sperma ovunque all'esterno che vuoi, ma NON venire dentro di lei. Freddo?"

“Diavolo, sì amico. Posso farlo!" I sensi sono in allerta, il suono della sua cerniera sembra incredibilmente forte alle mie orecchie, così come il fruscio della stoffa mentre apparentemente fa scivolare jeans e boxer fino alle caviglie. In pochi secondi, lo sconosciuto strofina il suo cazzo rigido su e giù per la mia fessura. Quando sembra non avere fretta di entrare in me, e aspetta che io dondoli all'indietro cercando di forzarlo nella mia fica, prima di entrare in me, giungo alla conclusione che non può essere un adolescente. Quando finalmente mi permette di far scivolare la fica sulla sua asta, sono così pronto che esplodo sul suo cazzo prima che sia completamente sepolto dentro di me. Colpi lenti e deliberati sono nel menu mentre si prende il suo tempo. Il suo cazzo non è grande come quello di Jeffrey, né in lunghezza né in circonferenza, ma tocca tutti i punti giusti. Le mie labbra si stringono intorno a lui mentre si ritira e scivolano saldamente contro di lui mentre si spinge in avanti. In pochi minuti, sto venendo di nuovo, gemendo forte attraverso il bavaglio, e quando lo sento dire: "Amico, posso mettere il mio cazzo dove voglio?" Quasi vengo di nuovo. Senza aspettare Jeffrey, comincio ad annuire vigorosamente, implorando silenziosamente il giovane stallone di infilare il suo cazzo nel mio buco del culo.

Lo sento ritirarsi dalla mia succosa fica e poi premere la testa a fungo del suo meraviglioso cazzo contro il mio stretto sfintere anale. Cercando di essere gentile, dà colpi brevi e veloci... applicando una certa pressione ma senza mai sfondare del tutto l'anello. Impaziente per lui, aspetto la sua prossima spinta in avanti e dondolo all'indietro fin dove me lo permette la corda. Il suo cazzo mi si schianta letteralmente nel culo e le mie guance schiaffeggiano rumorosamente contro il suo inguine. "Dannazione, piccola, aspetta... voglio che duri." Ignoro le sue parole e comincio a stringere ritmicamente il mio sfintere attorno al suo cazzo, mungendolo, spingendolo oltre il suo rigido controllo. Adoro assolutamente una dura scopata anale. È l'unica volta che squirto, e per quelli di voi che non lo sanno, un orgasmo squirting è l'orgasmo più erotico e intenso che una donna possa avere. Quindi, naturalmente, voglio che mi martelli il culo con abbandono.

La mungitura deve aver fatto il trucco perché Domino, come presto lo chiamo nella mia mente, mi sta entrando e uscendo dal culo come un pazzo. I suoi gemiti sono cessati e ora sta grugnendo in un'estasi senza cervello. So che si stava avvicinando allo scarico perché sento il suo cazzo gonfiarsi dentro di me. Dà un'ultima spinta che seppellisce il suo cazzo nel mio culo più in profondità come chiunque altro, poi lo tira fuori violentemente e inizia a vomitare lunghi e spessi fili di cremoso sperma caldo sulla mia schiena e sulle mie natiche. Quando le prime gocce cadono sulla mia pelle, il mio orgasmo si scatena e un vero e proprio getto di sperma eiacula dalla mia figa che si contrae. "Dio mio! Ha appena SQUIRTED cazzo, amico! Ho sentito parlare di quella merda, ma non l'ho mai vista. Oh Gesù CRISTO, faceva caldo. Il suo entusiasmo è comico e non posso fare a meno della piccola risatina che sfugge al bavaglio.

Pochi minuti dopo, la porta si chiude alle spalle del giovane e io aspetto di essere rilasciato. Corpo molle e sazio, testa appoggiata sul sedile della sedia, sono sorridente e abbastanza soddisfatto. Poi sento Jeffrey dire: "Sì, vorrei chiamare per un ordine di consegna per favore... Jeffrey... 114 Magnolia St, Appartamento 17... ehm, sì... voglio un ordine di Tiny Spicy Chicken, e un grande Shrimp Lo Mein…..ok…..30 minuti? Grande." Il telefono emette un segnale acustico mentre riattacca. Poi le sue mani sono sulla mia vita, strofinando piccoli cerchi sul mio sedere e sulla parte bassa della schiena. “Oh pet….non pensavi di aver finito? Dopo che sono venuto solo una volta? Certo che no, mi conosci meglio di così” e fa scivolare il suo enorme cazzo nel mio buco del culo spalancato con un solo colpo. Una volta seppellite le palle in profondità nelle mie viscere, si sporge in avanti e avvolge il braccio destro intorno alla mia vita per iniziare ad accarezzare la mia fessura riportandola in vita. Con la sinistra mi accarezzava i seni, facendo rotolare i miei capezzoli eretti tra il pollice e l'indice. Presto mi dondolo sul suo cazzo, supplicandolo di soddisfarmi di nuovo. Raddrizzandosi, iniziò colpi lunghi e duri; ritirandomi lentamente solo per sbattere in avanti con forza sufficiente a farmi sbattere i denti. Mi ci vogliono esattamente sei colpi per inondare le sue palle con un'altra inondazione di sperma, e quando, pochi minuti dopo, rilascia il suo stesso sperma dentro di me, lo faccio di nuovo. Lo sento scivolare fuori dal mio ano maltrattato e poi è in piedi di fronte a me. Sollevandomi il mento con un solo dito, mi fa cenno di pulirlo.

Esausta, comincio cautamente a leccare e succhiare la sborra dal suo cazzo. Nonostante la credenza popolare, non c'è merda sul suo cazzo. Essendo l'amante anale che sono, mi ero ripulito a fondo prima che arrivasse. Quando il campanello ha suonato di nuovo, il suo cazzo è di nuovo pulito e semi-eretto, e io sono pronto per altro.

"Certo, entra e fammi prendere il mio portafoglio." La stessa scena di prima viene ripetuta. Lo sento a malapena; Sono così distratto dall'anticipare il martellamento che spero di ottenere. Pochi istanti dopo, un paio di gambe molto muscolose e molto nere entrano nel mio campo visivo. Tirandomi su la faccia per i capelli, questo nuovo fattorino (questo sicuramente non era un ragazzo), mi agita un cazzo assolutamente enorme in faccia. Prendendo la base in mano, non dice una parola mentre strofina la testa del suo cazzo contro le mie labbra aperte e imbavagliate. "Hai detto qualsiasi buco, amico." e con ciò rilascia i fermagli che tengono fermo il bavaglio. La mia bocca è già bagnata dal bavaglio, quindi senza nemmeno leccarmi le labbra, ingoio la sua testa e comincio a far scorrere la lingua su ogni centimetro che riesco a raggiungere. Succhio, lecco e mormoro sull'unica parte di lui che mi permette di toccare.

Dopo pochi minuti in cui sono riuscito a raggiungere solo gli ultimi 2 pollici di quel bel cazzo, comincio a sentirmi frustrato e provo ad allungarmi in avanti per prenderne di più. In realtà sposto un po' la sedia! Concedendo il mio desiderio a palate, il ragazzo delle consegne fa un solo mezzo passo avanti e mi infila il cazzo in gola in una sola spinta. Impreparato per la repentinità della sua mossa, vomito e questo gli permette di scivolare giù per la mia gola, tagliando efficacemente tutta l'aria di cui potrei aver bisogno. I muscoli della mia gola lavorano freneticamente sul suo cazzo, cercando di spingerlo fuori. Lo sento grugnire di piacere sopra di me. Proprio mentre le cose iniziano a diventare nere ai bordi della mia visuale, si ritira. Prendendo enormi boccate d'aria, abbasso la testa in avanti e nascondo la mia bocca dalla sua portata per un momento.

Mentre respiro senza fiato, si muove dietro di me e allinea il suo enorme cazzo con la mia fica dolorante. Apparentemente anche lui vuole che le cose durino perché i suoi colpi sono lenti e ritmici. La sua circonferenza allunga deliziosamente le labbra della mia fica e crea un attrito incredibilmente piacevole. Libero dal bavaglio, gemo forte ea lungo, supplicandolo a intermittenza di fottermi più forte, fottermi più velocemente. Quando i suoi colpi diventano un po' più veloci, vengo colto di sorpresa mentre la testa dell'Hitachi viene appoggiata contro il mio clitoride. "Amico, adorerai la sensazione di questo." Sento Jeffrey dirglielo, mentre preme il pulsante di vibrazione sul mio giocattolo preferito e più odiato. In pochi secondi, sto urlando per l'orgasmo. Pochi secondi dopo, gli sto urlando di spegnerlo.

Le vibrazioni dell'Hitachi, le contrazioni dei miei muscoli vaginali e le mie urla sembrano spingere il cazzo nella mia fica oltre i suoi limiti perché all'improvviso il ragazzo delle consegne mi afferra entrambe le spalle e inizia a tirarmi indietro mentre si spinge in avanti, seppellendo il suo enorme membro così in profondità dentro di me che giuro di assaggiare il suo pre-cum. So per esperienza che sta facendo il giro della sua vita perché Jeffrey aveva ancora l'Hitachi premuta contro il mio clitoride ipersensibile e io sto sgroppando selvaggiamente per evitarlo. Lunghi minuti dopo, l'uomo strappa il suo cazzo dalla mia fica. Sembrava che avesse scavalcato la sedia perché non appena mi svuota la fica, è in piedi davanti a me a svuotare le palle sulla mia faccia all'insù. Getto dopo getto di denso sperma bianco sgorga dal suo cazzo, sulle mie guance, sui miei occhi, sul mio naso e sulle mie labbra chiuse. Sembra che non finirà mai. Quando finalmente lo fa, si asciuga il cazzo su una guancia, poi prende un solo dito e inizia a massaggiarmi la faccia con la sua sborra.

Quando finalmente si allontana, abbasso di nuovo la testa sul sedile. Questa volta, non credo di poter fare un altro giro e quando la porta si chiude dietro a questo fattorino, apro la bocca per dire a Jeffrey che ho finito. Prima che possa emettere un suono, sento la sua voce "Sì, vorrei chiamare per un ordine di consegna...

Storie simili

Visitatore inatteso Parte quinta

VISITATORE INASPETTATO PARTE QUINTA Questo, il primo giorno di lavoro fuori casa, è stato sia movimentato che faticoso. Era stata una lunga giornata e sebbene io e Brett non vedessimo l'ora di metterci a letto insieme, eravamo entrambi così stanchi che ci siamo praticamente addormentati non appena le nostre teste hanno toccato i cuscini. Tuttavia, quello che deve essere stato un paio d'ore dopo, mi sono svegliato mentre andavo a girarmi sul lato sinistro, perché sono rotolato nel corpo nudo del mio compagno di letto. Era rivolto lontano da me e giaceva in una sorta di posizione semifetale con il suo...

916 I più visti

Likes 0

È successo in vacanza

È successo in vacanza. Mentre ero in macchina verso le montagne per le nostre vacanze in famiglia, i miei pensieri andavano a ciò che mi sarebbe mancato per la prossima settimana, vale a dire la mia ragazza o in altre parole a fare a meno del sesso per i prossimi 9 giorni. Quando sei adolescente (ho 16 anni) sai come vuol dire affrontare gli impulsi, quindi ti alleni molto e quando finalmente fai sesso, tutto ciò a cui pensi e non vedi l'ora è la prossima volta e nel mezzo Capendolo masterbate, diavolo devi farlo o senti che esploderai. Ecco il...

590 I più visti

Likes 0

CALCUTTA 1888

CALCUTTA. L'India è un paese bellissimo. Lo era di più quando la Compagnia delle Indie Orientali governava la sua costa su tutti e tre i lati. Allora ero un ragazzino, forse dieci o giù di lì. Calcutta era una città vivace ed era importante per il commercio. ora Calcutta è famigerata per i potenti monsoni. piove quasi ogni giorno a mezzogiorno. è stato un piovoso pomeriggio umido a Calcutta dove inizia la nostra storia. a causa delle piogge stavo dedicando gran parte del mio tempo a guardare fuori dalla finestra. piccole gocce di pioggia suonavano una musica insolita sul pendio di...

846 I più visti

Likes 0

Il migliore amico di un fratello

Il migliore amico di un fratello Di DRMillennium: Dichiarazione di non responsabilità su taglio/incesto NC-17: Non ho creato e non possiedo alcun personaggio multimediale facilmente riconoscibile. Non ho alcun accordo, legale o di altro tipo, con i creatori o i proprietari. Questo è puramente per divertimento: non ho fatto, non cerco e non accetterò alcun profitto per questo. Questa storia non intende in alcun modo riflettere sulle vite o sugli stili di vita degli attori/attrici che originariamente interpretavano i personaggi. Non ho altro che affetto affettuoso e rispetto per loro, per avermi dato così tanto divertimento, e nessuna mancanza di rispetto...

655 I più visti

Likes 0

Nascita del Ringtaker n. 1

Non chiedermi da dove viene tutto questo. Non lo so. Te lo direi se lo sapessi, ma non lo faccio. Forse ho incrociato un filo. Forse vengono secreti troppi o troppo pochi ormoni del tipo giusto. Forse è solo che c'è un buco nel mio carattere. Qualunque cosa sia, l'ho accettato molto tempo fa. Quando è iniziato, chiedi? Cavolo, dovrebbe essere circa un anno o due dopo la pubertà. L'ho colpito subito dopo il mio undicesimo compleanno. All’inizio è stato un processo lento e graduale. Quando arrivò il dodicesimo anno, tutto mi colpì come una tonnellata di mattoni e non ero...

637 I più visti

Likes 0

La mente di Marissa

Marissa ha sempre ottenuto ciò che voleva, in tutto. Scuola, casa, ragazzi, i ragazzi di Melissa... qualunque cosa tu dica, probabilmente ce l'aveva. Le ragazze erano gemelle. Marissa però è nata diversamente. Aveva il potere di controllare le menti e Melissa non lo sapeva. La mamma della ragazza non lo sapeva. Solo Marissa lo sapeva. E ora, dato che entrambe le ragazze erano all'ultimo anno del liceo, Melissa aveva qualcosa che Marissa aveva SEMPRE desiderato, il capitano della squadra di football come suo ragazzo, con tutti gli altri ragazzi che sbavavano dietro di lei. Questa era l'ultima settimana di scuola e...

529 I più visti

Likes 0

Ricatto scolastico 01

Giovedì: Grazie allo staff e agli studenti per esservi riuniti con un preavviso così breve. Ha detto il preside della mia scuola, il signor Jones. So che questa assemblea inaspettata ti sta facendo perdere tempo, quindi farò in fretta.. Il signor Jones ha convocato un'assemblea proprio un minuto fa. Nessuno nella mia classe, nemmeno io, sa di cosa si tratta. Non era previsto, è tutto quello che sappiamo. Chi sono? Mi chiamo Ian e frequento l'ultimo anno della Stanapolis High School. Sono di altezza media, capelli biondi, occhi verdi e non pratico nessuno sport, semplicemente non mi interessano mai. Invece investo...

677 I più visti

Likes 0

Dono di Ade

Luke Solberg era, forse, il diciottenne più infelice di Spokane, nel Montana. Era rimasto orfano alla tenera età di 8 anni e l'unico ricordo rimasto dei suoi genitori era una foto sfocata di un articolo di giornale che descriveva in dettaglio il raccapricciante incidente aereo che aveva causato la morte dei genitori di Luke insieme a quelli di altri 132 passeggeri. L'unico sopravvissuto del volo 316 era stato Luke, che era miracolosamente sopravvissuto quando il suo sedile era stato strappato dalla fusoliera dell'aereo e si era incastrato precariamente tra i rami di una quercia. Questo sorprendente colpo di fortuna sarebbe normalmente...

280 I più visti

Likes 0

La mia ragazza Kay #2

La mia ragazza Kay #2 Mi chiamo Gus e vivo nel Texas centrale su una 500 AC. ranch con la mia ragazza Kay, immagino che siamo naturisti, siamo autosufficienti in quasi ogni cosa. Dobbiamo ancora uscire e prendere le cose per il ranch, il gas, la spesa. Ma soprattutto ci teniamo per noi stessi, abbiamo amici nelle periferie da cui ci siamo trasferiti e ci siamo divertiti molto con loro nei nostri giorni più giovani. Non ho pensato molto a loro fino alla settimana scorsa. Quando sono riuscito a catturare Kay e Tex rinchiusi culo a culo in giardino, e dopo...

910 I più visti

Likes 0

Quando non si proietta ombra

Quando un uomo che non proietta ombra è di questo mondo ed etereo. Attento all'amore fatale che porta perché è la tua anima che viene a rubare Nessuno camminerà davanti a lui né calcherà le sue orme. Perché dimora tra i vivi, ……… così come tra i morti. -Michael Fletcher Il Prologo. Torbridge, Devon. 1973 . Quando Elaine Hamilton trova un neonato abbandonato sulla soglia della chiesa tre giorni dopo il funerale di suo padre, il reverendo David Hamilton, lo vede come un segno di Dio. Avvolto solo in una coperta sottile e nudo come vuole la natura, il bambino era...

657 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.