La danza della morte

571Report
La danza della morte

Ella ha lasciato le prove frustrata e sudata. Non era stata in grado di fare esattamente quello che le avevano chiesto; era solo nuovo e strano per lei, ed era stata nervosa, spaventata e un po' rigida (in parte perché era sia eccitata... che mortificata dalla sua stessa eccitazione) e nel complesso non era al meglio. Alla fine ha deciso che poteva impiegare del tempo in più per lavorare sul pezzo da sola, con tutta l'attrezzatura. Poi domani, sarebbe arrivata a sorprendere tutti con quanto era arrivata apparentemente dall'oggi al domani. La sera prima si era intrufolata dentro e aveva semplicemente fissato per un'ora, le mani premute contro il serbatoio, il fiato che appannava il vetro, ma quella sera aveva deciso. Lo farebbe per davvero. Rimase faccia a faccia con il carro armato, fissando il magnifico serpente. Ballerina di professione, questa era la sua prima esibizione con un oggetto di scena del genere, e le avevano detto di mettersi comoda. Conoscere il suo nuovo partner la fece arrossire; era come armeggiare con un nuovo amante nell'oscurità, e non voleva che nessun altro la guardasse per accendere la luce. Nessuno l'aveva avvertita di non farlo da sola.

Allungò la mano con lo strumento che aveva visto usare dall'addestratore, sforzandosi contro l'equilibrio del metallo per sollevare la bestia gigantesca. Una volta tolto, lo lasciò in una pozzanghera intorno ai suoi piedi, ammirando la morbida pelle gialla e il feroce muso da predatore. Il serpente iniziò a muoversi quasi immediatamente, circondando le sue caviglie delicate. Rise tra sé.

"Anche a te piaccio, eh?" ridacchiò nervosamente mentre il serpente continuava la sua pigra danza. Si allungò, intorno ai suoi polpacci, e lei decise di lasciarlo continuare. Dovremmo sentirci entrambi a nostro agio, ragionò. Anche lui sta solo facendo conoscenza. Quasi le piaceva, la deliziosa scivolata dei muscoli lisci contro i suoi. Il serpente si sentiva davvero come un amante, iniziando a esplorare dai suoi piedi e facendosi strada.

Non cominciò a innervosirsi fino alla parte superiore della coscia, ma anche allora fu distratta dalla sua paura dal suo respiro torrido. Allungò la mano nel suo body, appena sopra il dominio appena rivendicato dal serpente, e sentì la propria umidità. Spinse delicatamente un dito dentro di sé, gemendo con un lieve fervore. Voleva scoparsi furiosamente, spingere e spingere e strofinare contro il serpente finché non veniva, ma aveva paura che potesse pensare che stesse lottando e stringerla più forte. Ha resistito, anche se ha lasciato la mano al suo posto, girando lentamente intorno al suo clitoride quel tanto che bastava per sentirlo ma (si spera) non abbastanza per spaventare il serpente. Continuò a salire lungo il suo corpo, strisciando e stringendo i suoi fianchi e costringendo le sue mani più strette dentro di sé. Scivolò su e intorno al suo ventre, muscolo contro muscolo nella salita più orgasmica. Non l'avrebbe mai detto a nessuno, ma questo serpente sembrava lui stesso sesso sibilante e strisciante. Rabbrividì quando la sua lunghezza liscia le passò sui seni, indurendo i suoi capezzoli e mandando un nuovo flusso di calore e liquido nel punto in cui la sua mano si agitava lentamente sotto la massa serpentina.

Quando fu abbastanza vicino al suo viso, allungò la lingua per leccarlo, sentì i lisci muscoli fallici incresparsi sotto la sua lingua. Continuò a passarci sopra la lingua ea muovere delicatamente solo un dito sotto le pieghe delle squame e dell'osso. Pensò che avrebbe dovuto stare più ferma, per non spaventarlo o spronarlo, ma non poteva farne a meno. Tutto il suo corpo si contorceva più che poteva, la figa tesa verso le sue dita mentre si avvicinava sempre di più.

"Potrei davvero morire così", il pensiero le balenò brevemente nella mente, ma l'animale sessuale in lei aveva preso il sopravvento, ignorando la paura, e proprio quando raggiunse la sua testa, sembrò guardarla negli occhi mentre veniva, rabbrividendo e tremando come una foglia al vento. "Oh dio," gemette, premendo le dita contro il suo clitoride palpitante; non era entrata così duramente... Mai? Normalmente dopo avrebbe tolto le dita, ma sembravano essere piantate ancora più saldamente al loro posto mentre il serpente si stringeva più forte. Oddio, stava stringendo di più! E se questa cosa l'avesse schiacciata?

Ci sono cose peggiori che essere schiacciate dal sesso stesso, pensò, e mentre il serpente si stringeva di nuovo sempre più forte, le sue dita furono spinte indietro e scivolarono e lei non poté farne a meno; usava l'ultimo respiro nei suoi polmoni per venire di nuovo, violentemente, beatamente, sentendo i muscoli lisci e freddi contro la sua figa ardente e fradicia. Si strofinò e strofinò e aaaaaah ahh- mentre il serpente spingeva l'aria dai suoi polmoni, il suo viso si rilassò, crogiolandosi beatamente nel bagliore di una sessione di orgasmi multipli. Rimase inerte tra le pieghe muscolari del serpente, gocciolando la sua umidità sul pavimento mentre apriva le fauci. Dentro entrarono la testa e il torso, i capezzoli duri e la vita delicata, i fianchi un tempo contorti, l'evidenza scintillante dei suoi ultimi momenti. Dentro entrarono le gambe ed entrambi i delicati piedi da ballerino, e il serpente sembrò deglutire con gusto, come se godesse del suo sapore proprio come farebbe un uomo. Scivolò di nuovo nella vasca, sazio e assonnato, trascinandosi dietro pigramente la pancia troppo piena.

Storie simili

Vita da college

Vita da college Il mio primo anno di college, sono andato via. A circa un'ora e mezza di auto da casa. Abbastanza lontano perché i miei genitori non venissero a darmi fastidio tutto il tempo, ma abbastanza vicino da poter tornare a casa ogni volta che volevo. Frequentavo le lezioni di base come fanno tutte le matricole. Conoscevo solo una persona prima di andare al college. Rob era il mio migliore amico al liceo e facevamo quasi tutto insieme. Entrambi siamo andati allo stesso college per insegnare. Abbiamo pensato che sarebbe stato facile entrare e divertente scherzare con i bambini a...

524 I più visti

Likes 0

Nuovo coinquilino 5

Sono passate un paio di settimane dall'incidente e i miei lividi sono quasi scomparsi e le mie costole non mi fanno più male, quindi posso tornare al club minx e ricominciare a lavorare. Non vedevo davvero l'ora di lavorare di nuovo, ma i ragazzi l'hanno preso per diventare le mie nuove guardie del corpo e seguirmi ovunque. Davvero Paul, stai controllando se il mio cibo era avvelenato dico alzando gli occhi al cielo per il suo tentativo fallito di salvarmi la vita. Mi preparai una nuova ciotola di cereali e vagai per l'appartamento pensando a qualcosa da fare. Nate entrò in...

470 I più visti

Likes 0

Il voto segreto della cheerleader - #9

Il voto segreto della cheerleader - #9 Zane rifletté sugli eventi accaduti la sera prima. Bella si era finalmente arresa a lui. Aveva pensato che sarebbe stata in grado di fare sesso con lui e ottenere tutto ciò che voleva. Invece, si era arresa a lui totalmente. Ancora più importante, si era arresa a lui registrando tutto, quindi ora era essenzialmente la sua schiava. Il suo animale domestico. Il suo giocattolo, con cui giocare come voleva. Come risultato di quella resa, divenne anche proprietà del resto della squadra. Zane l'aveva portata dagli anziani per convincerli tutti a votare per lei come...

385 I più visti

Likes 0

La mente di Marissa

Marissa ha sempre ottenuto ciò che voleva, in tutto. Scuola, casa, ragazzi, i ragazzi di Melissa... qualunque cosa tu dica, probabilmente ce l'aveva. Le ragazze erano gemelle. Marissa però è nata diversamente. Aveva il potere di controllare le menti e Melissa non lo sapeva. La mamma della ragazza non lo sapeva. Solo Marissa lo sapeva. E ora, dato che entrambe le ragazze erano all'ultimo anno del liceo, Melissa aveva qualcosa che Marissa aveva SEMPRE desiderato, il capitano della squadra di football come suo ragazzo, con tutti gli altri ragazzi che sbavavano dietro di lei. Questa era l'ultima settimana di scuola e...

305 I più visti

Likes 0

La storia di pesche e piselli dolci, parte 5

Neiladri Sinha Jr. :- Erano le 16 quando mi svegliai. La mia Bella Addormentata era così carina che non volevo svegliarlo. Inoltre, avevo dei preparativi da fare e Peaches stava dormendo per sempre. L'ho sollevato delicatamente dal petto e l'ho adagiato su un deewan. Il mantra della mia vita è stato uno: vivi la tua giovane vita al massimo e mi sarei preparato per questo. Ho preso il portafoglio e le chiavi della macchina per andare a fare la spesa per stasera, ma poi mi sono fermata sulla mia strada. L'ombra apparsa nella corsia dell'ospedale. Non potevo lasciare Peaches da sola...

192 I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

1.4K I più visti

Likes 0

La ragazza con il tatuaggio del lupo_(0)

Mi feci rapidamente strada tra la folla di altri studenti mentre mi dirigevo verso il mio armadietto. Questa è stata una delle quattro volte che ho potuto fare nel mio armadietto prima della lezione successiva e non vedevo l'ora di liberarmi del carico di libri che stavo facendo i bagagli nei corridoi. All'improvviso ora è apparsa la folla del mio amico Jeremy, proprio quando ho iniziato a lavorare la serratura a combinazione del mio armadietto. Jeremy ed io eravamo amici dalla quarta elementare. Ci siamo allontanati l'uno dall'altro per un po' alle medie quando Jeremy si è unito alla squadra di...

1.6K I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

1.4K I più visti

Likes 0

Parte 25: Calore corporeo

Episodio II Delle avventure di John e Holly Parte 25: Calore corporeo Sabato mattina ci siamo svegliati e abbiamo scoperto che il caldo era morto. Nessun caldo a novembre significa che fa molto freddo nel nostro appartamento. Stephanie e Sandy non volevano restare, così andarono a casa di un'amica. Non possono essere qui fino a lunedì disse Holly, alzandosi dal telefono e sedendosi accanto a me sul divano. Entrambi indossavamo la tuta. Potremmo approfittare del freddo dissi. Come mi ha chiesto Holly. Calore corporeo ho detto. Pochi minuti dopo eravamo entrambi nudi, con un'enorme coperta avvolta intorno a entrambi, i nostri...

1.1K I più visti

Likes 0

La prima notte in cui ha provato l'anale

Ti sei fatto entrare con il mazzo di chiavi che ti ho dato un paio di mesi fa. Li butti sul tavolo, insieme alla tua borsa, cercando di stare zitto. Non sei sicuro se sto dormendo o meno. Lasci tutti i tuoi vestiti sporchi vicino alla lavatrice e sfrecci oltre la camera da letto, nudo, in bagno. Ti ammiri allo specchio pensando anche se coperto dalla sporcizia della giornata, i tuoi capelli sono in disordine, ti senti sexy. I tuoi seni sono vivaci, con adorabili capezzoli nella posizione giusta che darebbero a un coniglietto di playboy una corsa per i loro...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.